ULTIMA - 22/10/17 - BOMBER: MATTEO LANGELLA (BORGO SOAVE) CALA IL POKER

Si giocano oggi le gare della 7^ giornata del girone di andata dei campionati dilettantistici della nostra provincia. Vediamo la situazione dei migliori bomber veronesi dopo le 6 partite già giocate. In Eccellenza comandano il bomber del Villafranca Alessandro Elia e Cazzadore della Vigontina San Paolo con 5 reti, entrambi in gol domenica. In Promozione
...[leggi]

IN BREVE - ARCHIVIO

27/9/17
ANDREA SEGA CHIUDE CON IL CALCIO GIOCATO

E' stata una scelta ponderata con tranquillità: "Ci sono decisioni che non vorresti prendere mai - dice Andrea -, ma per una serie di ragioni ho deciso di dire basta. Il pallone mi ha regalato emozioni incredibili, mi ha dato tantissimo e fatto conoscere persone davvero meravigliose che sono tutt'ora miei amici. Adesso starò più vicino alla mia famiglia e ai miei figli. Chissà, forse un giorno deciderò di fare il corso allenatori, non si sa mai". L'arcigno ed elegante difensore era stato molto vicino al Valgatara, dopo aver chiuso la sua esperienza al Sona, ma poi il progetto non si è concretizzato. "Direi che sono stato sempre bene ovunque sono andato. Io ed i miei compagni ci siamo sempre impegnati a fondo per raggiungere gli obiettivi prefissati. A volte ci siamo riusciti e a volte no. Ma questo è il calcio, tutto è imprevedibile e mai scontato". A 39 anni Andrea appende le scarpette bullonate al chiodo. Ha sempre ragionato con la propria testa, mai distratto dai facili complimenti e le lusinghe che a volte il calcio regala. Sona Mazza, Garda, Ambrosiana, Villafranca, CastelnuovoSandrà e Vigasio sono le maglie che ha vestito nei nostri dilettanti. "Mi mancherà l'allenamento e lo spogliatoio, ne sono certo, ma continuerò a stare vicino al mondo del calcio. Andrò a guardare delle partite, spero di vedere trame divertenti e mai monotone". Ora Andrea Sega continuerà a crescere i suoi figli, assieme alla moglie Veronica, e a lavorare nell'azienda di famiglia. Iniziano per lui nuove domeniche da vivere con spensieratezza lontano dai campi di gioco. "Ho rinunciato al calcio professionistico ma non conservo grandi rimpianti. I dilettanti mi hanno riempito il cuore di profonda gioia. Desidero, attraverso la vostra bella testata, salutare tutti i mie ex compagni, nessuno escluso. Il calcio deve essere divertimento e costanza. Mi emoziono sempre vedere i bambini che rincorrono con allegria un pallone. Giocare a calcio è il “mestiere” più bello del mondo, parola di Andrea Sega". (R.P.)

LE ALTRE BREVI - clicca sulla notizia per visualizzarla
DALLE SOCIETA' - clicca sulla notizia per visualizzarla


OFFERTE DAI NOSTRI SPONSOR
LE CRONACHE DELLA DOMENICA
20/10/17 - CAMPIONATO PRIMAVERA: CHIEVO VR-HELLAS
PIANETA-CALCIO GALLERY - clicca sulla foto per ingrandire