ULTIMA - 23/6/18 - PRENDE FORMA L’ALBARONCO DELLA COPPIA PENNACCHIONI-MORETTO

L’Albaronco del giovane presidente Davide Mazzo e del vice-presidente e mastro pasticcere di Tombazosana, Daniele Dall’Oca, sta costruendo una corazzata per recitare un ruolo da protagonista nel prossimo campionato di Promozione che la visto quest'anno raggiungere la salvezza con qualche apprensione. Riconfermato alla guida della Prima squadra
...[leggi]

IN BREVE - ARCHIVIO

ALLA POLISPORTIVA LA VETTA IL TITOLO PROVINCIALE DI 3^ CATEGORIA – IL VIGO RECRIMINA

Ho aspettato 24 ore prima di scrivere qualcosa, sperando che la rabbia lasciasse il posto alla ragione, ma ancora non mi rendo pienamente conto di cosa sia successo ieri sera a Dossobuono, nella finale persa dal Vigo ai rigori.
Che bello il gioco del calcio! Riserva sorprese continue, non sai mai come può finire una partita. Spesso, quando le squadre si equivalgono e dalla partita regolare non esce un vincitore, si va alla “lotteria dei rigori”. Chi vince esulta di gioia, chi perde piange per l’amarezza, ma è una lotteria e le regole sono chiare. Abbiamo vinto titoli mondiali ai rigori, così come li abbiamo persi. Ma da ieri sera la “lotteria dei rigori” si è arricchita di una sfumatura particolare: può essere anche “LOTTERIA DELLA VERGOGNA”. Mi spiego meglio con una domanda: alzi la mano chi tra i lettori ricorda di aver visto la ripetizione di un rigore parato (il 5°poi, quello definitivo!) per un passetto laterale prima del tuffo di parata? Ebbene ieri sera è successo questo ed il Vigo ha subito anche questo affronto. Il ligio segnalineee, appena Saleri respinge il tiro, alza la bandierina, e convince l’arbitro alla ripetizione. Da notare che l’arbitro, che se non sbaglio era presente, aveva convalidato la giocata e i giocatori avversari si erano messi le mani tra i capelli.
Ovviamente si sono scatenate le proteste dei nostri, vibranti ma mai eccessive, e dopo la successiva trasformazione di Policante, come si fa a non mandar a quel paese il direttore o il segnalinee che ha determinato la ripetizione? Ed ecco l’espulsione del portiere, Saleri, con tutti i nostri in campo a protestare. Dopo cinque minuti, con tifosi e compagni in tumulto a chiedere ironicamente di tirare in tribuna, Rigobello si fa parare il penalty decisivo (nel casino in campo, ci sta) e La Vetta esulta. I nostri escono dal campo rifiutando la premiazione: li capisco e condivido la scelta. Non è nel mio stile, ma stavolta la misura è colma.
A poco servono le manifestazioni di solidarietà del delegato Provinciale Prando e del consigliere regionale Furlan, presenti a premiare i vincitori, non gli sconfitti, umiliati ancora una volta dopo la sciagurata semifinale di coppa. Spero che riportino fermamente al ”palazzo” tutta la nostra grande amarezza.
Credo che sia necessario rivedere la preparazione dei direttori di gara. Dovremmo pensarli come “gestori” della gara: hanno bisogno di crescere in autorevolezza, non in autorità. La prima si raggiunge col buon senso (mancato del tutto ieri sera), la seconda si misura con cartellini, bandierine e doppio/decimetro ed è questo che spesso rovina le partite, anche quelle belle come ieri sera.
Ieri non ho capito chi comandasse in campo. Spesso le decisioni del direttore andavano contro quelle dei segnalinee (ovviamente non quella decisiva…). Il direttore ha punito un evidente passaggio di un difensore al portiere solo dopo le vibrate proteste dei nostri, molti brutti falli ai danni dei nostri non sono stati sanzionati da ammonizioni, i ragazzi giurano su un mancato penalty….
Ma queste cose capitano, non mi hanno sorpreso più di tanto: ma il finale col rigore ripetuto è indice che al peggio non c’è mai fine, e che il buon senso latita….
Ancora un paio di annotazioni:
-nella cronaca su Pianeta Calcio di Roberto Pintore bisognerebbe aggiungere una paratona all’incrocio di Dall’Ora su punizione di Danese.
-Guarda caso, ieri sera ho guardato in tv gli ultimi minuti dello spareggio scudetto di calcio femminile, finito naturalmente ai rigori. 12 penalties, 2 parati, grosso modo come ha fatto Saleri, nessuno ripetuto… con finale di gioia ed amarezza in campo, quella che ci si aspetta alla lotteria.
E con questo passo e chiudo. Buone vacanze!
Bruno Tagliaferro (ancora squalificato, e non so perché, fino a fine giugno)
Vigo

LE ALTRE BREVI - clicca sulla notizia per visualizzarla
DALLE SOCIETA' - clicca sulla notizia per visualizzarla


OFFERTE DAI NOSTRI SPONSOR
LE CRONACHE DELLA DOMENICA
PIANETA-CALCIO GALLERY - clicca sulla foto per ingrandire