ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

INCONTRI VIP'S

31/10/09 - INCONTRI RAVVICINATI: CARD. ATTILIO NICORA

NICORA TIFA PER GLI ORATORI

Attilio Nicora è nato a Varese il 16 marzo 1937. Il 16 aprile 1977 viene nominato vescovo di Fornos minore da Papa Paolo VI, con l'incarico di Ausiliare dell'arcidiocesi di Milano.
Il 28 maggio 1977 riceve l'ordinazione episcopale, mentre il 15 novembre 1984, negli anni del Governo Craxi, firma con il professor Francesco Margiotta Broglio il Secondo Concordato fra Stato italiano e Chiesa cattolica. Dal 30 giugno 1992 al 18 settembre 1997 è vescovo di Verona.
Giovanni Paolo II, nel concistoro del 21 ottobre 2003, lo eleva al rango di cardinale ed è pure membro del Consiglio della II Sezione di Segreteria di Stato. E' Presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica.

Incontriamo Sua Reverendissimo Eminenza a Verona, sabato mattina 31 ottobre 2009, e gli doniamo il nostro libro “Vip nel pallone”.

“Non sono molto della compagnia, qui” esclama il porporato, commentando la copertina di “Vip nel pallone”, in cui occhieggia, sì, il cardinal Tarcisio Bertone – appassionato di calcio e tifoso della Juventus, ma, pure il cittì Marcello Lippi e d altri personaggi del mondo del calcio in particolare e dello sport in generale.

E, aggiunge: “Non mi sono mai dedicato all'attività sportiva”.

Sua Eminenza, Nicora, assistiamo in questi tempi a una rivalutazione degli oratori...

“Be', l'oratorio è una grande istituzione educativa, anche se con sfumature e tradizioni diverse nelle diverse aree del nostro Paese. Che, però, ha profondamente segnato direi la formazione del nostro popolo. E, quindi, ogni tentativo serio di rilancio e di valorizzazione di questo strumento è oggi molto preziosa. Anche per la via della congiunzione tra formazione, preghiera, sport, divertimento, fraternità, amicizia si possono costruire cose belle e grandi. Ed oggi ce n'è molto bisogno”.

Lei a calcio, Eminenza - l'ha detto prima – non ha mai giocato, o no?

“No, se non anch'io all'oratorio: in maniera molto gioiosa, ma mai in maniera agonistica”.

Cos'è che la commuove di più e cosa è che oggi giorno le dà più fastidio?

Nicora sorride ed esclama: “Be', è una domanda un po' difficile”.

La violenza, la prepotenza...L'abbiamo chiesto anche ad alcuni suoi omologhi, Eminenza.

“Io credo che bisogna sempre cercare di guardare il meglio che c'è. Anche se spesso non viene messo in luce. Ma, il bene che c'è oggi ancora è davvero tanto. Non fa rumore, ma è davvero tanto. Questo è ciò che conforta”.

Perfetto, Eminenza, e grazie. “Bene!”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it 31 ottobre 2009
seguiranno foto...

Visualizzato(1915)- Commenti(8) - Scrivi un Commento