ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

INCONTRI VIP'S

4/11/12 - INCONTRI RAVVICINATI: CLAUDIA KOLL

UNA FEDE A ROTTA DI...KOLL

Claudia Maria Rosaria Colacione, in arte Claudia Koll, nasce e vive a Roma da famiglia di medici il 17 maggio 1967. Dopo la Maturità Classica, delude i genitori per non voler proseguire la professione avviata dai suoi cari, e si avvia alla carriera cinematografica, debuttando nel 1989 con “Orlando sei” e recitando nel film erotico di Tinto Brass “Così fan tutte”. Appare in molte fiction televisive, tra cui “Linda e il brigadiere”, e nel 1995 presenta assieme a Pippo Baudo e ad Anna Falk il festival di Sanremo. Ma, anche dopo la conversione, meglio, il ritorno alla fede cattolica, la Koll continua a calcare il set cinematografico, interpretando ruoli più decisamente consoni con la sua nuova dimensione (tra cui, “Maria Goretti”, “Una cosa in mente”, “San Pietro”, “Il mio Francesco”). Intensa anche l'attività teatrale (ricordiamo “Medusa”, “Uomini sull'orlo di una crisi di nervi”), e nel 2007 interpreta la figura della santa fiorentina Maria Maddalena de' Pazzi in “Venite ad amare l'amore” di Riccardo Bigi. Nel 2009, diventa direttrice artistica della Star Rose Academy e firma la sua prima regia teatrale con la commedia musicale “A piedi nudi nel parco”. Abbiamo dovuto aspettare prima che l'attrice ci concedesse la breve intervista, perché è rimasta, a lungo, intenta a pregare.

Come mai ultimamente Gesù sta scegliendo, contaminando di grande Fede uomini, donne, personaggi dello spettacolo, lei e il giornalista Brosio, ma, anche del calcio, vedi Nicola Legrottaglie e l'ex milanista Kakà?

“Mah, non lo so. Paolo VI diceva che il mondo ha bisogno di testimoni. Quindi, forse, vedere la trasformazione di personaggi che si conoscevano prima e vedendoli adesso, trasformati dalla Grazia, può essere, diciamo, un invito al popolo di Dio a convertirsi”.

Quand'è che saremo veramente liberi?

“La Verità ci farà liberi. Io penso che la libertà è un cammino di liberazione, ma, quando siamo in rapporto con Gesù. Che è la Verità”.

Lei, figlia di medici, ha mai fatto sport? Danza, atletica, nuoto, altro?

“Sì, perché?”

Gesù, come le avevamo ricordato nella prima domanda, sceglie anche gli sportivi oltre che gli attori ed altri del genere umano...

“Sì, ma, io non sono una sportiva”.

La solitudine, molto presente in questi giovani che scorgi per strada o in autobus con tanto di cuffia agli orecchi, cosa le fa dire?

“Mah, i giovani amano la musica, quindi, spesso ascoltano la musica camminando per strada. Questo gli dà anche gioia, trasmette soddisfazione. Io sento che desiderano ascoltare la musica, ma, anch'io utilizzo la musica per lavorare con loro, spesso, perché penso che è il linguaggio che amano di più”.

Il sogno, il progetto della sua vita, di una persona come lei che si dedica agli altri oltre che al teatro?

“Mah, io non è che ho più un sogno particolare, diciamo, se non quello di conoscere Dio”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it, 3 novembre 2012






Visualizzato(2071)- Commenti(8) - Scrivi un Commento