ULTIMA - 21/5/19 - MARCOLINI SCARPA D'ORO, PASSARIELLO SUPER-BOMBER DI TERZA

Si sono chiusi tutti i campionati dilettantistici della nostra provincia dall’Eccellenza alla 3^ categoria che hanno laureato i nuovi capo-cannonieri dei vari gironi e la nuova scarpa d’oro 2018-19, queste tutte le classifiche finali. In Eccellenza, dove si sono giocate 32 partite, chiudono appaiati in vetta a 16 reti Mariano Mangieri del Pozzonovo ed
...[leggi]

INCONTRI VIP'S

18/3/09 - INCONTRI RAVVICINATI: PAOLA PEZZO

CHE PEZZO...DI RAGAZZA!

Credevamo, come si dice in gergo, di prendere un bel granchio, o un grande abbaglio, sottoponendo alla due volte campionessa olimpica di mountain bike (Atlanta 1996 e Sydney 2000) Paolo Pezzo domande di calcio.

E, invece, la regina di Bosco Chiesanuova – in splendida forma come quando trionfava, nonostante le sue 40 primavere (è nata nel 1969) - si è dimostrata competente anche in questa disciplina. Leggere per credere!

Tu hai mai giocato a calcio, o prenderesti volentieri a calci quei divi della pelota strapagati come delle star del cinema?
A differenze di voi, che fate parte dei cosiddetti sport minori ma faticosissimi, considerati minori per mancanza di vetrina e di sponsor...

“Sì, è vero: i calciatori prendono un sacco di soldi rispetto alle altre discipline olimpiche, in cui c'è anche la mountain bike.
Se non siamo considerati alla loro pari, la colpa, secondo me, è dei Media.
Che danno ai calciatori un grandissimo risalto.
Ho cominciato a praticare lo sci di fondo a 8 anni e a 19 mi è stata regalata una mountain bike.
Il mio sogno era quello di andare alle Olimpiadi con gli sci di fondo.
Allora, mi facevo le 8 ore in fabbrica e la mia vita è cambiata, quando al posto degli amati sci di fondo, sono salita in sella a quell'attrezzo regalatomi”.

Uno sport fatto di grande sudore, al quale eri già abituata come tutti i tuoi compaesani da Cerro in su e dintorni...

“Pensa che, quando ho dovuto prepararmi ai circa 98% di umidità ad Atlanta, mi sono allenata per intere settimane in mezzo alle risaie di Isola della Scala, nella Bassa Veronese, e sulle colline di Valeggio sul Mincio.
Ma, guarda che non sono finita, non ho appeso la bicicletta al chiodo, eh: gareggio ancora e vinco anche qualche prestigiosa gara.
Ieri come oggi, praticare questa disciplina olimpica è ancora difficile per il gentil sesso”.

Paola, torniamo al calcio, e alla domanda che chiediamo a tutti i nostri Vip incontrati: tu hai mai giocato a calcio?
Hai qualcuno in famiglia che lo ha praticato.
Sai che il calcio femminile a Verona, ma, soprattutto nel Padovano, è in sensibile ascesa.

“Io ho avuto modo da piccola di giocare anche a calcio, nonostante a Bosco Chiesanuova non ci fossero tanti impianti.
D'inverno si sciava e d'estate si giocava anche a calcio.
Correvo talmente forte che mi aveva chiamato la società di Lugo e una vicino a Montorio – non l'Olimpia, ma la Virtus di borgo Venezia -.
Ho giocato un pò, due-tre partite, niente di più”.

In che ruolo, Paola?

“Ruolo? Avanti e indietro. Ala? Sì, mi sembra ala.
Correvo molto, per cui non mi stancavo mai”.

Ala destra o sinistra? Sei mancina?

“Destra, destra. Poi, niente, basta. Dopo, quando ho iniziato ad andare in mountain bike, con la Nazionale ho fatto ritiri sempre a Veronello, dove si allena il Chievo.
E' devo dire che è stata una bella esperienza, perché vedere questi calciatori che vedevano noi allenarci anche due volte al giorno, ci consideravano con stupore e reverenza.
Ma, anche loro li vedo allenarsi e sudare.
Ricordo l'ambiente familiare: non sembrava di allenarsi in una piazza snob come quella della Juve, Inter e Milan.
Erano quelli del Chievo in serie A, ma, sembravano umili come ragazzi”.

Il gol e l'autogol della carriera di Paola Pezzo.
Ovvero, il momento più bello e quello più triste che hai vissuto sui pedali.
Hai qualcosa da rimproverarti, un grande rammarico, un qualcosa per cui ti sei dovuta ricredere?
Dai, partiamo dalla domanda più brutta: dall'autogol.

“L'autogol è stata la delusione di non essere riuscita ad andare alle Olimpiadi nello sci di fondo.
Certo, sono stata ripagata dalla mountain bike: era sport olimpico e allora quella volta che ho dovuto rinunciare agli sci ho provato un briciolo di delusione, perché andavo veramente forte anche nel fondo.
Qualcuno è andato a dire in giro che io non praticavo più quella disciplina e ci sono rimasto veramente male per quelle menzogne e parole sbagliate che circolavano sulla mia persona”.

E l'emozione più forte che tu hai vissuto?

“Il parto dei due bambini. Io ho vinto 4 medaglie: la nascita dei miei bambini (qualcosa di meraviglioso!) e le due medaglie d'oro alle Olimpiadi.
Il più grande è Kevin il più piccolo Patrick”.

Se tu fossi la cittì di un'ipotetica Nazionale dei pontefici, dove schiereresti gli ultimi papi?

“Ratzinger è tedesco, dunque, tosto”.

Che ruolo gli affideresti in campo?
“Ruolo? Attaccante”.

Vojtyla?
“Vojtyla? Difensore”.

Ah, no playmaker, centrocampista?
“Sì, adesso che mi fai ripensare, esatto, centrocampista”.

E, papa Giovanni XXXIII, il “papa buono”?

“Beh, per il “papa buono buono”, beh, mettiamolo in porta!”

Non ti sei mai commossa calcisticamente o a livello sportivo?

“Ma sì, ai Mondiali, non avendo una squadra del cuore, tifo per la Nazionale, per cui la vittoria dei Mondiali dell''82 ho gioito molto”.

La tua squadra del cuore qual è?

“No, no, la Nazionale. Non ho la squadra del cuore”.

Non hai, allora, un giocatore del cuore, uno che ti piace?

“No, ce l'avevo: allora era Cabrini, ma non gioca più”.

Sei attaccante anche adesso che hai smesso di correre.
E si fa per dire smesso, visto che hai detto che ti piace ancora gareggiare e vincere sui pedali...

“Io sì, sempre attaccante”.

Che cos'è che ti commuove sempre?
Un tramonto, i versi di una bella poesia, un bambino che piange, un vecchio che viene lasciato solo? Cosa di più?

“Sì, sicuramente per queste cose.
Mi commuovo più per queste cose: per gli abbandoni, per le miserie che ci sono in giro, e che senti in televisione. Più per quelle cose”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it 18 marzo 2009












Visualizzato(3304)- Commenti(8) - Scrivi un Commento