ULTIMA - 18/4/19 - MATTEO SCAPINI RILANCIA L'AMBROSIANA VERSO LA SALVEZZA

Si è giocata oggi la 32^ giornata del girone B di serie D che vedeva in campo anche le nostre tre rappresentanti veronesi che sono tutte in zona play-out. L'unica a giocare in casa era il Villafranca di mister Alberto Facci che ha perso 2 a 1 contro il Como, capolista del girone con 83 punti. Lariani in doppio vantaggio con Dell'Agnello alla
...[leggi]

PRIMA PAGINA

28/9/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 4^ GIORNATA

PESCANTINA SEMPRE AL SETTIMO CIELO, “CINQUINA” CASELLINA, “POKER” DI “GARGA” E “CALMA”, COLPACCIO FIRMATO REAL LUGAGNANO

Non sembra arrestarsi la marcia trionfale del Pescantina-Settimo del “mega direttore” Lucio Alfuso: ieri, pomeriggio, dalle loro parti, vittoria sofferta, 3 a 2 sul BureCorrubbio, quanto utile per riconfermare il primato assoluto e solitario dei ragazzi di mister Francesco Marafioti. A Mattia Andriani replica – su rigore – Andreis, a “Caio” Faustini, originario di San Pietro di San Pietro di Morubio, risponde il “super-massaggiato” (dal cubano Antonio Ramos) Matteo Tommasi a due mnuti dalla fine, ma, il colpaccio lo ha in scocca per poi esploderlo Andrea Degani, omonimo di un pittore veronese dai quadri-capolavoro. Come il suo gol griffato al 92mo minuto quando i ragazzi di mister Nicola Dusi assaporavano già il gusto del meritato pareggio.

“Cinquina” della Polisportiva Caselle di mister Omero Polacco all’”Alberto Tosoni”, contro il Sant’Anna d’Alfaedo di mister Rino Sestan e di Damiano Tommasi; mai, forse, l’ex Nazionale e romanista, sottoposto a un così crudele passivo. Tezza, poi, Pippo Perinon (doppia per il bomber ex Marmirolo), Attilio “Attila” Zorzi (ex F.C. Valgatara) e il paraguagio Cristian Molas, classe 1985.
 
Riassapora il dolce gusto della vittoria, intanto, il Lazise di mister Cristini: 2 a 0 sul Benaco a spese del Negrar di mister Antonio russo e della famiglia di noti ed apprezzati viticoltori Tommaso Bussola e figli. Le reti, sono opera della “P2”: la banda formata da Nicola Pezzini e Marco Pace.
 
La matricola Calmasino va a violare il sintetico di Cassone, patria del Malcesine, tornato, alla pari di Calimero, alle solite “picchiate” (salvo l’anno scorso!) autunnali: 2 a 4, con doppietta per i bianco-granata dell’alto Garda di Stefano Chincarini, a fronte del fantastico tris (anche su rigore) di Davide Filippozzi e al guizzo del talentuoso Davide De Carli, ex Pastrengo ed ex AlbarèConsolini.
 
L’A.C. Sommacustoza di mister Rodrigo Garçia smette i panni di extraterrestre per l’ottimo avvio di stagione come ripescata; e cade sui suoi campi da golf e davanti alle sue colline moreniche per 1 a 2 al cospetto del rinato A.C. Cavaion. In rete, il complesso orchestrato da “Lucio” Moreno Battisti, con l’ingegnere Jurij Brognara e con Coppini; per i “tamburini sardi”, invece, rete messa a segno dal mantovano “Ciuffettino” Mattia Cioffi.
 
Capitombolo, davvero imprevisto, della lanciatissima Pol. Consolini del presidente Ferdinando Izzo e di mister Salvatore Piccinato: 0 a 3 per mano del redivico Real Lugagnano di mister Fabio Di Nicola. Barbieri, Quaranta e Corradi, sono i mazzieri precisi dei rosso e neri del presidente Sergio Coati.
 
Gargagnago, batti un colpo se ci sei! E i valpolicellesi, affidati quest’anno a mister Gianni Pierno (ex Real San Massimo), battono per 4 a 1 il “club del velodromo”, il Team San Lorenzo Pescantina; che ogni volta che lo battiamo sulla tastiera del computer, ci ricorda la squadra tanto cara a Papa Francesco Bergoglio. Ma, ieri, il gruppo guidato dallo skipper Gian Donato Di Marzo e del factotum Claudio Zampini, pontefici in Paradiso non ne aveva. Ed, allora, ecco le reti dei “tricolori della Valpolicella”, griffate dal “ranista” Galvani, da Morad (doppietta per lui!) e l’acuto di Ceschi. Il solo Michele Bazzoni, invece, ha urlato gol per quelli del Team.
 
In via Postumia, la Polisportiva Rosegaferro di mister Michele Barone è costretta ad accalappiare col laccio del cow boy sferrato dal solito implacabile Evans Usiomunifo lo sfuggente, sgusciante San Peretto di mister Vittorio Paiola, in fuga già da poco prima della mezz’ora di gioco con il gol di Zenti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzato(2146)