ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

19/10/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D (GIR. C e D) – 9^ GIORNATA

LA VIRTUS TORNA ALLA VITTORIA. IL LEGNAGO ALLUNGA LA SERIE POSITIVA. ALTRA SCONFITTA DI MISURA PER IL VILLA.

Nella 9^ giornata del girone C del campionato di serie D la Virtus fa sua la partita contro un buon Levico che non è stato fortunato in un paio di circostanze, ma sicuramente i rossoblù si sono presi con gli interessi quello che avevano lasciato a Campodarsego mercoledì scorso. Primo tempo privo di grosse emozioni e ripresa che vede mister Gigi Fresco pescare ancora una volta due jolly dal mazzo, il primo è Cernigoi, che sostituisce un Alba che pur essendo stato imbrigliato dall'arcigna difesa ospite, aveva fatto bene tale da meritare qualcosa più della sufficenza. La seconda mossa è Verdun, che entra per sostituire un Pedrinelli piuttosto isolato e che presenta subito le sue credenziali dopo due minuti. Batte un calcio d'angolo di precisione e trova l'elevazione di Cernigoi che, con un perfetto colpo di testa, manda la palla nell'angolino alto imprendibile anche per il bravo Nervo.

Il Levico terme reagisce e si porta un paio di volte dalle parti di Tebaldi, senza comunque fargli del male mentre Verdun è spietato al 34', scende dalla sinistra, sotto il cantiere scheletrico della nuova tribuna, e riesce a trovare un corridoio preciso ancora per Cernigoi che è altrettanto preciso nel mettere il pallone nel sacco sull'uscita dell'incolpevole Nervo. Verdun ci prova ancora sul finire e "disegna" un altro corridoio, questa volta per Joketic  (entrato al 40° per Mensah) ma questa volta il portiere chiude lo specchio della porta e subito dopo l'arbitro chiude la partita sul 2 a 0 per la VirtusVecomp che è sempre al 3° posto dietro di un punto dal Campodarsego che ha vinto fuori casa nel derby padovano contro la Luparense per 3 a 1 e che insegue il Venezia, che ha liquidato il Calvi Noale per 3 a 0, a quattro lunghezze di distanza.

Nella 9^ giornata del girone D del campionato di serie D arriva una sorpresona: il Parma non riesce a battere, pur in superiorità numerica per tutta la ripresa, il Forlì, e così l'Altovicentino, vittorioso sul Romagna Centro, sale a 22 punti ed è ora ad un solo punto dalla vetta occupata dal Parma. Quarto pareggio di seguito al "Romanelli" di Borgo San Lorenzo, (Comune di 18mila abitanti della città metropolitana di Firenze) del Legnago ospite della Fortis Juventus  del  nuovo mister Marco Brachi che ritornava sulla panchina biancoverde dopo sette anni. Il Legnago ha avuto almeno tre palle-gol, ma non è riuscito a violare la porta toscana per le prodezze del portiere Santoro e del difensore De Vitis. Mister Andrea Orecchia ha schierato in difesa  Manganotti al posto di Chiarini a riposo precauzionale  per un risentimento al flessore, a centrocampo l’argentino Giarrizzo. Recuperato anche Zanimacchia dopo la contusione subita nella gara di mercoledì con il Mezzolara. Domenica prossima arriva al "Sandrini" la Clodiense , cenerentola del girone D con tre punti frutto di tre pareggi per 1 a 1 con Arzignano, Correggese e Forlì. Il Legnago è invece al suo ottavo risultato utile consecutivo.

Il Villafranca cede in casa contro l'Imolese per 0 a 1, ma il gol segnato nel secondo tempo dal romagnolo Rocco in mischia, è molto contestato dai blaugrana, i quali sostengono che la sua posizione iniziale è viziata da un fuorigioco netto che sia l'arbitro che l'assistente non hanno rilevato. Una sconfitta immeritata quella incassata ieri dai ragazzi di mister Sauro Frutti, contro una squadra di spessore ma che ha però sofferto fino alla fine. Villafranca a Imola che privo di diversi titolari, deve anche fare a meno di Binatti e Mella. Una maledizione, quella degli infortuni, che continua a colpire la squadra blu-amaranto.

Parte subito forte il Villafranca che si guadagna già al 3° minuto il primo angolo della partita su una grande azione tra Mella e Belfanti: Spinale batte a rete, Bonilla salva sulla linea. Al 5° tiro di Spinale su cross di Vincenzi di poco sopra la traversa. Al 14' prima parata di Cantamessa su bel tiro di Selleri. Il numero uno castellano si conferma in gran forma al 18' su punizione del solito Selleri. Si rivede il Villa al 23' con una grande occasione per Vincenzi che viene anticipato all'ultimo minuto da un difensore mentre stava per tirare davanti al portiere.

Nella ripresa il Villa parte forte e sfiora il gol prima con Ghezzi e al 2° minuto con Spinale che con un tiro da fuori su assist di Mella, colpisce la traversa. Al 12' si sblocca il punteggio. Rocco viene servito in netto fuorigioco, non segnalato dal guardalinee, tira e trova la respinta di un grande Cantamessa che mette in angolo. Da qui nasce l'azione del gol dell'Imolese di Rocco. Inutili le proteste del Villa per un fuorigioco precedente non segnalato. Al 34' lo stesso Rocco potrebbe chiudere la gara ma il suo tiro si va a stampare sulla traversa. Il Villa ci prova in tutti i modi ma non riesce più ad impensierire il portiere avversario.

tratto dagli addetti stampa delle società - www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1982)