ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

2/11/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 9^ GIORNATA

C’E’ ARIA DI BARUFFA IN TESTA: VIGO E GIPS INSIEME AL COMANDO, BOYS BUTTAPEDRA AD UN SOLO PUNTO, BOVOLONE A -2 DALLA VETTA, URBANA A -3, A.C. POZZO A -4. UN EMOZIONANTE GRATTACAPO!
 
L’abbiamo sempre sostenuto: il girone “D”, quello della bassa veronese, è da sempre il più combattuto. Ma, mai in testa come quest’anno. Ci dispiace vedere laggiù, in fondo al mare, languire la simpatica formazione del Porto di Legnago di mister Paolo Caliari, il quale, assieme alla presidentessa Beatrice Zancanella, non sa più che pesci prendere per rendere meno asfittica, meno anemica la classifica dei bianco-rossi portuensi. Ieri sconfitti piuttosto pesantemente, 0 a 3, in casa loro, dal GSP Vigo 1944 del presidente Raimondo De Angeli e team guidato da mister Luis Gustavo Passera. Thomas “Geco” Pasti, Luca “il biondino bovolonese” Cecilli e Marco Rigobello: ecco i precisi caccia bombardieri dei bianco-granata della frazione di Legnago.

Vigo ora in testa a pari 19 punti con la bella sorpresa, l’outsider Gips Salizzole del presidente e mastro laccatore dei pronipoti delle capricciose dogaresse e dei superbi dogi veneziani. Gips che asfalta per 4 a 1 il Real Vigasio, con reti di Andrea Marconcini, ex Cerea, ex Sanguinetto, “Toro Loco” Damiano Cazzola, Mattia Spadini e l’appena entrato al posto dello stesso Cazzola (nativo e gloria di Spolvarine) , l’ex Venera Edoardo Rossignoli. Per il Real Vigasio, penultimo in classifica a soli 6 punti (ma, la scossa non sembra esserci stata potente con l’avvicendamento Martinelli-Dandelli, eh), ha segnato quella brava persona di Personi.
 
Terzi i Boys Buttapedra, sempre più caratterizzati dagli estri, dalla vena realizzativa – quest’anno molto fluente e molto prolifica – di quel bravo ragazzo che risponde al nome del lupatotino Andrea e al cognome di Sabbion. Punta capace di mummificare le parti traumatizzate, capace di stringere i denti, pur di esserci sempre in campo e di cacciarla in buca. Ragazzo nato non certo nel “bombaso”, abituato a procurarsi con immani sacrifici la quotidiana pagnotta. Per la gioia del fratello e primo tifoso Alessandro, meccanico, e davvero fratelli per la pelle non solo nel campo calcistico, ma quello più importante, della vita di tutti i giorni. E’ infatti suo, dell'ex rossoblù Andrea Sabbion, il gol-vittoria di ieri, quello che ha permesso i buttapietresi di mister Paolo Novali di aver ragione dell’ostico, molto qualificato A.C. Pozzo di mister Giuliano Andreoli. In vantaggio, col grande – aggettivo usato già da altri suoi avversari non solo per l’altezza, ma anche per il fiuto realizzativo - mancino Gigi Onofrio. Poi, era giunto il pari di Riccardo Princivalle (ex Nuova Cometa) , figlio d’arte dell’ex L.R.Vicenza Massimo, stagioni con i lanieri che vanno dal 1981 al 1983.
 
Quarto a 17 e con un po’ di stupore, ecco il “vecio” Bovolone di mister Devis Padovani e del fido Aldo Falchetto: ieri dolcetto scherzetto amaro per i lanciati (lo sono ancora oggi, per carità!) mobilieri, in attesa di essere guidati in attacco dalla stella Polare, bomber campione anche di umiltà, Luca Moretto (in fase di grande rientro) da Villafontana. Vince, infatti, e in casa propria, l’Asparetto CereaSud di mister Filippo Crivellente da “Risvegli”; Luca Saggioro e Vicentini i due marcatori nel 2 a 0 secco presentato a fine gara ai rosso e blu del presidente Claudio Bissoli.
 
Momentaccio per l’Urbana, che a Cà degli Oppi trova i migliori biancazzurri del Comune di Oppeano d’annata: 2 a 0 per l’undici di mister Gianmatteo Malagnini e del presidente Maurizio Marchiotto, e reti di Beltrame e di Sebastiano Barini da Pellegrina di Isola della Scala. Passo falso dei gialloverdi di mister, Davide Pevarello, l’”Alex Ferguson dell’Urbana” e tre punti vitali per i biancoblù che si stagliano a metà classifica da soli con 11 punti.
 
Vittoria di rilancio per l’Atletico San Vito – dove abbiamo assistito agli ultimi 20 minuti -: 2 a 0 col Gazzo e tre punti toccasana dopo l’amara e ingiusta sconfitta patita dai ragazzi di mister Gian Luca Corso a Vigo domenica scorsa (40 palle-gol sprecate, per poi subire la più ingiusta e cocente delle sconfitte: questo il commento ancora bruciante dei dirigenti Doriano Franzoni e Gelmino Cazzola). I Boys Gazzo lamentano ancora importanti assenze tra tribuna (bomber Giacomo “Brun” Cordioli era appiedato dal Giudice Sportivo), ed infermeria (Thomas “El Principe” Soragni in via di guarigione, e Roberto Persi alettato con febbre). Veri signori, per educazione, fuori dal campo Alex Manara dei Boys Gazzo, e il geometra Luca Benella. I gol? Di Enrico Perazzoli e di Modini; in attesa del rientro il prossimo gennaio 2016 dalla bulgara Sofia (dopo la precedente esperienza in Finlandia) della diga in mezzo al campo in carne e ossa, Alberto Mercati, altro signore e gentleman del nostro calcio. Doriano Franzoni, convinto, alla pari del suo mister, Corso, di essere in credito di 4-5 punti con la fortuna, e quel che più conta, di essere salito da ieri sera sulla rampa di lancio: e come dargli torto, visto il grande equilibrio che regna in questo girone?
 
Incerto in vetta, altrettanto non si può smentire in coda questo emozionante girone “D” di 2^ categoria. Il Sustinenza, infatti, stritola (3 a 0) l’Albaredo e lo fa ricorrendo ai giustizieri Dennis Bottura, Damiano Grezzan ed Enrichetto Lanzoni. Ieri, Andrea “Cardellini” Garbellini – ripresosi da infortunio – ha preso il posto del “Vidal del Menago”, al secolo Maychol Andreossi, classe 1995, dalle scarpe fosforescenti, quelle firmate Luca Toni.
 
Il Bonferraro è ora 7°, più in su addirittura di un punto dell’Atletico San Vito Cerea: e ieri il team presieduto dal massimo scranno da Alfredo Gheli ha pareggiato 2 a 2 con il rigenerato Villabartolomea di mister – nonché comandante della Stazione dell’Arma dei Carabinieri, Luigi Mura - bomber Mimmo Polo imitato sotto rete felicemente da “saluto” Romani. Mattia, ex Aries Castagnaro, classe 1991. Per i “pronipoti” di Antonio Ascari, guidati da mister Andrea “Ezio” Greggio, hanno segnato Nauman e Schiavo.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1974)