ULTIMA - 18/4/19 - MATTEO SCAPINI RILANCIA L'AMBROSIANA VERSO LA SALVEZZA

Si è giocata oggi la 32^ giornata del girone B di serie D che vedeva in campo anche le nostre tre rappresentanti veronesi che sono tutte in zona play-out. L'unica a giocare in casa era il Villafranca di mister Alberto Facci che ha perso 2 a 1 contro il Como, capolista del girone con 83 punti. Lariani in doppio vantaggio con Dell'Agnello alla
...[leggi]

PRIMA PAGINA

16/11/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 11^ GIORNATA

BOYS BUTTAPEDRA TERRIBILI, CADE IL VIGO! AL “SUSTI” IL DERBY CONTRO I BOYS GAZZO, “VILLA” NEL POZZO, VIGASIO RITORNA REAL, URBANA IRRICONOSCIBILE!

Il primato ora parla il buttapietrese: i Boys Buttapedra, 1 a 0 nella patria delle risorgive (mattatore Marcolini), si scalzano di dosso, battendolo, il GSP Vigo 1944, e scavalcano anche in classifica (il rapporto è di 24 a 23) il Gips Salizzole di mister Adriano Rossignoli, frenato sullo 0 a 0 casalingo dall’A.C.D. Bovolone di mister Devis Padovani. Terzo rimane il GSP Vigo, a 20 punti, poi, la coppia a 19, quella formata da A.C. Pozzo e ACD Bovolone del presidente Claudio Bissoli.
 
Altro 0 a 0 di ieri pomeriggio, quello a san Vito di Cerea, tra l’Atletico del presidente Doriano Franzoni e di mister Gianluca Corso e il Cà degli Oppi del presidente Maurizio Marchiotto e di mister Gianmatteo Malagnini. Ma, i riflettori, le luci della grande ribalta erano ieri puntati sul campo di Sustienenza, per il derby tra la vicinissima, a circa 3 chilometri di distanza, Boys Gazzo di Maccacari. Una sfida caratterizzata dai due volti: un primo tempo tutto di marca maccacarese, con il vantaggio realizzato da un’autorete del terzino Lanza, e durante il quale i bianco-rossi dell’Atletico non Bilbao ma Maccacari – casacca voluta dal suo diesse, ieri presente, Doriano Guandalini – avrebbe potuto e dovuto archiviare la gara.
 
Nella ripresa, lo spartito cambia e i sustinentesi dalla casacca color cenerina – come gli splendidi aironi di quelle parti – prendono in pallino in mano, pardon, al piede e prima pareggiano con lo stesso Davide Lanza, poi, trasformano due calci di rigore sempre con lo stesso Damiano Grezzan. Col 5 e la mano destra fasciata alla Paolino Pulici, per gli scariolanti fa buona guardia l’inossidabile Devis Parolin da Campalano di Nogara, coll’11 sulla schiena maramaldeggia Enrichetto Lanzoni. Ma, sulla sua stessa lunghezza d’onda, quella dell’impegno e dell’attaccamento alla maglia, pure Andrea De Bianchi, una bandiera degli scariolanti biancazzurri del diesse Paolo Leardini.
 
Ma, c’è gloria anche per il “Vidal del Menago”, al secolo Maychol Andreossi, bovolonese della classe 1995, ex A.C. Oppeano: pochi palloni, ma ben toccati, qualche corsa in avanti al fine di far rifiatare i compagni. Per i maccacaresi aveva accorciato sul 2 a 3 Austin, appena entrato in campo – quindi, mossa azzeccatissima di mister Gobbetti -, insaccando di testa. Buoni i movimenti di Calian, meno quelli direttamente dal dischetto (87’) ingaggiati dal “comunicologo” Marco Ambrosi, grandioso 8 giorni fa nell’abbattere il muro dei 7 rigori consecutivamente parati da Matteo Gianello – ora all’AsparettoCereaSud -, troppo col cellulare in mano nella conclusione dagli 11 metri, che ha esaltato l’appena entrato (perché rosso per fallo su ultimo uomo comminato al bravo Matteo Mecchi, 1994, prestito dal Nogara) Cristiano Cipolla che nega il 3 a 3 ai Boys del presidente Marco Magro.
 
Bella cornice di pubblico, ovviamente, il più divertito, ma, non certo perché trionfatore, Gabriele Zuliani, classe 1931, padre del presidente e brooker nautico Marco, e il genitore forte ala destra e sinistra (ma, anche abile maestro di tennis) , che ha militato nel Crans Montana (Svizzera francese), nella serie B elvetica (dove aveva dovuto emigrare prima di tutto per lavoro), non prima di aver giocato assieme alla gloria sanguinettese, bomber Gino Pivatelli, Nazionale e punta di Bologna e Milan. Poi, nessuna polemica, gara ben diretta da Alessandro Mercati, fratello dell’Alberto, centrocampista dell’Atletico San Vito, in Bulgaria (ma tornerà in Italia a gennaio 2016), per motivi di studio agro-alimentari, e motivi per festeggiare con vin surriscaldato brulè e panini con fette di buon cotechino, e motivi per consolarsi e pensare – ci riferiamo ai Boys Gazzo di un avvilito mister Gobbetti – al prossimo impegno a Maccacari, ospite il Gips Salizzole. Pochi i palloni serviti, giocabili per bomber Giacomo “Brun” Cordioli, 90 minuti interi per il terzino sinistro Roberto Persi, classe 1992, ex promessa dell'Hellas Verona dell’allora mister Italo Costantini, e prossimo (-4 esami) all’alloro in economia presso l’Ateneo petroniano.
 
Al “Nicola Pasetto”, l’A.C. Pozzo di mister Giuliano Andreoli e del presidente e geometra Roberto Praga batte per 3 a 1 il Villabartolomea, la miglior squadra vista dai sustinentesi e non solo. Il mancino Gigi Onofrio, Jerry Ambrosi e il 1992 Pierangelo Vitelli per i rossoblù pozzani; Buosi soltanto per i bianco-neri di mister Gigi "Riva" Mura, il cagliaritano comandante dei Carabinieri della stazione di Legnago, nonché mister della “Villa”.

Altra vittoria per l’Asparetto CereaSud; ed altra scoppola per il Calcio Urbana di mister Davide “Kopperfild” Pevarello: 2 a 1 per l’undici di mister Pippo Crivellente, con reti asparettane a firma di Bersan e del neo-entrato Rossetti: costui sul filo della sirena dell’ultimo secondo. Aveva illuso, con quel suo gol realizzato prima di tutti, l’urbano Ferretto. Thomas, classe 1990.
 
Eroico De Battisti: il suo gol a Porto di Legnago vale la vittoria di 0 a 1 per i real-vigasiani, che corrono, giocano e sudano per un piatto di lenticchie… - ci comunica il dirigente Giuliano Mozzo…via e-mail - ottenendo sempre pochi elogi. Ancora una sconfitta per i biancorossi di mister Paolo Caliari e tre punti vitali per i biancazzurri del presidente Cristiano Ciman e di mister Fausto Martinelli che agganciano il Boys gazzo al penultimo posto a quota 9 punti.
 
Bonferraro ed Albaredo chiudono invece sull’1-1, con vantaggio degli uomini allenati da mister Andrea Greggio, club ora presieduto da Alfredo Gheli, a firma di “Paul” Nauman; e con pareggio del fratello del primo cittadino albaretano, Giovanni, Ferdinando Ruta, classe 1990 che regala un prezioso punto alla compagine di mister Daniele Pattaro.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1692)