ULTIMA - 23/5/19 - MISTER ANDREA CATURANO LASCIA IL GIOVANE POVEGLIANO

Dopo sei anni di stretta collaborazione, le strade del Giovane Povegliano e di Andrea Caturano, prima diesse e poi mister, si dividono, come lui stesso ci conferma: "Ci siamo lasciati con una bella stretta di mano amichevole, con decisione unanime. Ho voglia di intraprendere nuovi progetti e nuove ambizioni. Faccio un grosso in bocca al lupo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

16/11/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D (GIR. C e D) ľ 14^ GIORNATA

VERONESI TUTTE IN GINOCCHIO NEL 14░ TURNO

Nel girone C della serie D, al Comunale di Belluno, la Virtus Vecomp incontra la squadra di casa di mister Roberto Vecchiato, indicata da molti mister del girone come una delle migliori in assoluto per il gioco espresso in questo primo scorcio di campionato. Arbitro dell'incontro di ieri la signora Valentina Finzi di Foligno, assistita da Leonardo Bicchieri di Gubbio e Francesco Gentileschi di Terni, terna arbitrale che prima della chiusura del primo tempo ha pensato bene di espellere capitan Massimo Lechthaler lasciando i rossobl¨ di mister Gigi Fresco in 10 uomini per tutta la ripresa. Belluno che va al riposo con il vantaggio siglato al 27' da Masoch. Nel secondo tempo gli ospiti capitalizzano subito il vantaggio numerico trovando il raddoppio al 2░ minuto con Duravia. La rete taglia le gambe ai veronesi che prendono al 63' la terza rete di Corbanese e all'86' il poker di Marta

Nel girone D della serie D la capolista Parma vince in rimonta sul campo di Sant' Arcangelo con il San Marino (3-1) e guida la classifica con 7 punti di vantaggio sull'Altovicentino sconfitto a Rovigo, ma con una gara che sarÓ recuperata mercoledý a Castelfranco Emilia. Il Legnago perde l'imbattibiltÓ interna uscendo sconfitto 2 a 3 dal "Sandrini" contro il Romagna Centro. Ospiti che passano dopo un quarto d'ora: batte una punizione Dall'Area (fallo su Ridolfi) e indovina il sette. Al 19' ospiti addirittura sullo 0 a 2. Batte un corner Giarrizzo, Viviani controlla male e serve un avversario che lancia in profonditÓ Luzzi che evita Cifarelli e batte Cybulko. Il Legnago accorcia le distanze al 25' quando dall'angolo di Giarrizzo arriva l'incornata-gol da sottominura di Adriano. Al 34' il Legnago trova anche il pareggio. Contrasto in area fra Zerbato e Arrigoni, l'arbitro concede il penalty che Giarrizzo realizza con classe e freddezza.

Nella ripresa il Legnago colleziona corner a ripetizione (8 a 2 il punteggio finale per i biancazzurri), ma  al 21' c'Ŕ un grosso pasticcio difensivo. Viviani effettua un retropaggio che il portiere Cybulko rinvia, la palla Ŕ ripresa da un biancoceleste ospite che rimette in avanti: Friggi Ŕ superato con un pallonetto da Luzzi che batte Cybulko siglando il 3 a 2 ospite. Il Legnago, che ha inserito Zannimacchia al posto di Scarpi, preme e al 37' arriva l'episodio clamoroso del gol fantasma che farÓ discutere; su un traversone di Adriano, Bigolin tira in porta due volte, la prima volta il pallone oltrepassa la linea e il portiere rinvia, poi Bigolin tira ancora ma la difesa si salva fra le proteste di chi ha visto il gol. Il Legnago insiste alla ricerca del pareggio. Al 43' Giarrizzo ha sul piede la palla del pareggio, ma, da sottomisura, non inquadra clamorosamente la porta. In pieno recupero Adriano alza sulla traversa e il Romagna Centro ringrazia e vince. Ora bisogna preparerÓ al meglio la trasferta di Ravenna contro la Ribelle.

Sempre nel girone D, l'ArzignanoChiampo ottiene una vittoria preziosa espugnando il campo del Villafranca per 2 a 1. Doppio vantaggio dei vicentini nel primo tempo, al 19' trovano lo 0 a 1 con Pippo Fracaro che approfitta di un errore della difesa veronese per recuperare palla e battere Cantamessa. I vicentini spingono sull'acceleratore e cinque minuti dopo siglano il raddoppio con Bolcato, abile a ribattere in rete una corta respinta del portiere locale sulla conclusione di un inspirato Fracaro. I giallocelesti non si sentono appagati e spingono in avanti a caccia del gol che chiuderebbe i conti ma Cantamessa risponde sempre alla grande negando pi¨ volte ai berici il gol del 3 a 0. Prima di andare al riposo Ghezzi lascia i suoi in dieci per un doppio giallo che lascia molte recriminazioni tra i locali. Nella ripresa l'ArzignanoChiampo difende bene ma cade dopo 15 minuti per un rigore di Mella che batte Dall'Amico dagli 11 metri. I veronesi sfiorano il pari alla mezz'ora con Calvetti che non riesce a mettere la sfera alle spalle del numero uno gialloceleste, pochi istanti pi¨ tardi la gioia del gol di Trinchieri (possibile 3 a 1) viene negata per un dubbio fuorigioco. Finale thrilling con quattro minuti di recupero e di sofferenza per la squadraospite e con la grande gioia gialloceleste al triplice fischio finale che regala tre punti vitali ai ragazzi di mister Paolo Beggio, ieri squalificato in tribuna e sostituito ieri dal secondo Giordani.

tratto dagli addetti stampa delle societÓ - www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1970)