ULTIMA - 21/3/19 - SEMIFINALI DI COPPA VERONA: SAVAL "CORSARO" A GAZZOLO

Ieri sera si sono giocate le partite di andata delle semifinali della Coppa Verona 2018-19 che mette in palio, oltre al prestigioso trofeo, anche un posto nel prossimo campionato di Seconda categoria 2019-2020. Sfortunata la gara per il Gazzolo 2014 del presidente Paolo Valle che alla fine ha perso 1 a 2 in casa contro il bravo e fortunato Saval Maddalena
...[leggi]

PRIMA PAGINA

1/2/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 19^ GIORNATA

“SANGUI”-VIVO A SAN MICHELE: 0 A 3 PER IL RISORTO VENERA! VALDALPONERONCA' ANCORA IN TESTA NONOSTANTE SIA STATO ALBAST-RONCATO, “CASA-LEONI DA TRASFERTA”, ANCORA OKONJI ECCITA IL TREGNAGO

Il big match del girone "B” di Prima categoria svoltosi ieri a Ronco all’Adige, quello tra l’ancora capolista ValdalponeRoncà – priva di ben due pedine importanti, il soavese Federico Braggio e “Varenne” Giovanni Lorenzi - si conclude con il 3 a 1 dei bianco-verde-granata di mister Nicola Corrent e del vice-presidente e mastro pasticcere Daniele Dall’Oca Bianca. Addirittura pesante il 3 a 0 con cui gli albaronchesani schiacciano nella loro area difensiva i monscledensi di mister Mirko Dalle Ave: Santhos Corazza, Michele il marmoreo Colognese (classe 1980) e il forte vicentino Enrico Cavazza piegano i polsi e i guantoni al forte Simone Peretti.
 
Poi, il tentativo della remuntada, probabilmente dopo la poderosa strigliata inferta ai suoi cavalli di razza nell’ora del tè dal sovietico e diggì monscledense Gionatan Pancera, rimonta non riuscita perché fermatasi al solo gol di Anghel(a) Merkel… Rossi? Uno per parte: a sono…Stenco di farmi buttare fuori dagli arbitri, per il ValdalponeRoncà, e a Tessari, invece, per i co-secondi in classifica a 34 punti (a 35 i montecchiesi) albaronchesani, appaiati al San Giovanni Lupatoto.

Lupatotini di mister Marco Burato bloccati ieri sul 3 a 3 al “Giobatta Battistoni” da un vivace, ribaldo Real San Zeno Vicenza, in rete il team berico guidato da mister Crivellaro dal chirurgico rigorista, classe 1993, Giacomo Carlotto, dal 1984 Andrea “Parà”-Xompero e dall’ala mancina Vallarsa. Per i bianco-rossi dello scolo Canossa e del Canossino, quelli presieduti da Claudio Caroli, rigore realizzato da Luca Scarabello, e acuti di Nicola “tortellini” Avesani (humm, che buoni!) e da Benedusi, più amichevolmente ed ironicamente, da “Usi Bene lo scarpino, eh!”

Ma, attenzione, c’è il treno Casaleone in arrivo al binario 4 della stazione della Prima categoria “B”! I “casa-leoncini della Bassa” di un presidente, Marco Faella, in attesa del suo primo maschio (sembra Leonardo, e sarà marzolino di nascita), vanno a Raldon a sbranare, 1 a 3, i “ramarri raldonati” di mister Alessandro “sfogliatine” Roveda. E lo fanno con gli artigli di bomber Luca Pasquali (doppia) e con quello del capitano minerbese Alessandro “Sky” Guerra, una ritrovata coppia che ora fa davvero paura. Il solo, ed ancora lui sul podio dei cannonieri nero-verdi, Francesco Tarullo, per i raldonati del dirigente Antenore Perbellini.
 
Al quinto scranno, l’A.C. Isola Rizza, che non sappiamo ancora sinceramente a quale spiaggia sogna di sdraiarsi ai primi di maggio… In riva al Piganzo, intanto, 0 a 0 dei biancazzurri di mister Christian Campagnari contro l’assetato di punti ossigenanti A.C. Cologna Veneta del grande assente, il giallo e blu Jacopo Dall’Omo, l’enfant prodige della Bassa dell’Est veronese in forza agli ospiti guidati da mister Luigi Zuccon.
 
L’altalenante Croz Zai di mister Matteo Meneghetti, una domenica ti stupisce, l’altra magari ti ferisce il cuore; ed, allora, eccoti la sconfitta di 3 a 1 subita in casa di un letteralmente trasformato Bevilacqua dal suo timoniere Giuseppe Schivo... ai riflettori della ribalta… In rete, per la “Cremonese della Bassa”, dopo il gol all’incontrario griffato da Francesco Camon, Nicolò Gironda (1994), Michele Gasparetto, classe 1990, e l’ex Legnago Salus Fabio Olivieri, classe 1995. Insomma, l’avete capito anche voi lettori: la pentola e il coperchio l’ha fabbricato il solo Bevilacqua del presidente Marco Calonego.
 
All’”Antonio Perlato”, flebo all’ossigeno puro i 3 punti conquistati dalla “banda” di mister Antonio Bogoni, in collaborazione con l’ex compagno della storica promozione in Interregionale (campionato 1987-88) Andrea “Re” Defazio da Barletta. I giallo e blu alto-valligiani superano quel che basta, 1 a 0, il Lonigo di mister salvatore Di Paola, e chi non poteva scuotere la rete avversaria se non il nigeriano Patrick Okonji? (e sono 10 le reti per l'ex Zenit San Pietroburgo).
 
La matricola vicentina Sossano Villaga Orgiano svelle i 3 punti dalla cassaforte dell’A.C. Sambonifacese del presidente ed architetto Maurizio Mazzon. E, non le…Manda certo a dire (Manda è l’immobiliare del massimo dirigente rosso e blu): 1 a 3 e doppietta per i sossanesi a firma dell’interessante - perché classe 1996 - Giancarlo Milan...Inter 3 a 0, con l’aggiunta della doppietta esplosa dal maturo (1977) Andrea Ambrosi. Soltanto Perazzolo, invece, per la “vecia” Sambo di mister Freddy Serato.
 
Al “Tiberghien” non va in campo la classifica, ma la rabbia di risorgere a tutti i costi sprigionata dal SanguinettoVenera del deluso diggì Mirco Tonel che vuole di più dai suoi ragazzi. E, alla fine, viene premiato lo spadone sanguinettese-venerabile più che il fioretto sanmichelato dei rossoneri di mister Matteo Biroli: 0 a 3 per il team guidato da Matteo Fattori, con reti di Jonathan Filippini, Massimiliano Gramegna da Isola Rizza e da Sofien. Immaginiamo il gran sospiro di sollievo che avrà tirato il vice-presidente Andrea “Cere” Ceresoli: spaghetti allo scoglio per tutti in un ipotetico filotto; da consumarsi presso il suo molto originale bar “Stazione” in Sanguinetto completamente rinnovato.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1897)