ULTIMA - 23/5/19 - MISTER ANDREA CATURANO LASCIA IL GIOVANE POVEGLIANO

Dopo sei anni di stretta collaborazione, le strade del Giovane Povegliano e di Andrea Caturano, prima diesse e poi mister, si dividono, come lui stesso ci conferma: "Ci siamo lasciati con una bella stretta di mano amichevole, con decisione unanime. Ho voglia di intraprendere nuovi progetti e nuove ambizioni. Faccio un grosso in bocca al lupo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

15/2/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 21^ GIORNATA

LUGAGNANO-BELFIORESE, TESTA A TESTA MOZZAFIATO, GARDA-LAND SUL “VALGA”, IL GREZZANA IMPALLINA I CAVALPONICI, IL SONA LA POL. VIRTUS. ALTRO SUCCESSO DEL DOSSOBUONO, MENTRE IL NOGARA RITROVA IL SORRISO

La 21ma giornata è all’insegna dello stop incrociato dall’Aurora Cavalponica sul sintetico di Grezzana: gli “oranges” di mister “Mancho” Andrea Matteoni buttano giù dal…Castelli (è bomber Andrea il giustiziere dei valpantenati del presidente ed amante delle belle moto, Dino “Ferrari” De Paoli) i ben più velleitari cavalponici di mister Gianfranco Brendolan.
 
Tengono la testa della classifica del girone “A” di Promozione i duellanti A.C. Lugagnano e la Belfiorese: i giallo e blu di mister Pippo Damini vanno a fare la voce grossa, 1 a 2, alla “Bonbnera” di Zevio, lasciata da mister Paolo Marchi al nuovo inquilino Lucio Merlìn. A proposito del trainer di Ostiglia, Marchi, ci hanno detto che su Facebook lui abbia annunciato il ritiro dal calcio. Speriamo che ci ripensi e che sia stato solo uno sfogo del momento. Sperani e Marco Fresolone inforzano Umberto Boninsegna, mentre i bianco-neri del diesse Moreno Bertasini cercano di tirarsi su sorseggiando un bicchierino di Carpene…Malvolti: ma, è troppo tardi per poi sperare di passare al Prosecco di un ipotetico 2 a 2. Di certo, con “Sacchi” Lucio Merlìn – lo insegna il suo passato nogarese – lo Zevio verrà spremuto come una bibita di agrumi servita a Siracusa a luglio: tutti conoscono il suo zelo e quanto pretende dai suoi ragazzi sul campo.
 
La Belfiorese dello scacchista e mister Flavio Carnovelli da San Bonifacio in riva al suo Adige imbraccia la “F2”, la Mattia Facci…sognare e Marvin “Hagler” Favalli (ancora un gol per l’ex oppeanese: la vittima è la Pro Sambonifacio del trainer vicentino Roberto Bassi, ancora ultima a 12 punti, uno in meno dell’A.C. Zevio. A.C. Lugagnano a quota 44, “Belfio” a 43, poi, a 38 l’Aurora Cavalponica, in ritardo come il 31 sulla ruota di Cagliari all’estrazioni del Lotto. Dietro, a 35 freccette, fiata la coppia A.C. Sona M.M. dell’”esploratore delle menti” Matteo Griso – allenatore in seconda di Lucio Beltrame – e l’Alba Borgo Roma di mister “Mou” Mario Colantoni da Reggio Calabria.
 
I rosso e blu sonesi di mister Beltrame hanno la meglio, 2 a 1, in San Giorgio in Salici, della Polisportiva Virtus Borgo Venezia dell’omologo Simone Bragantini. Tommaso Cappelletti illude i polivirtussini, perché poco dopo esulterà con tutta la ruota occhiuta propria di un Pavoni, il classe 1993 Patrik; ma è il gol all’incontrario griffato dal classe 1990 Marco De Boni a mettere in ginocchio i borgo-veneziani e a regalare i tre punti alla squadra del pres. Paolone Pradella.
 
Secondo successo di seguito – dopo quello siglato domenica scorsa a spese del Nogara – dell’Olimpica Dossobuono del mister-sindacalista della sigla Uil, Beppe Bozzini: 0 a 2 all’”Esterino Avanzi” di borgo Roma, con stella da sceriffo…Lucenti (Matteo), molto luccicante. I giallorossi del presidente Rinaldo Campostrini sono in grande ripresa e se il campionato fosse finito domenica l'Olimpica sarebbe salva. Sempre fiducioso mister Bozzini che, dopo aver recuperato i suoi pezzi migliori e il talentuoso Luca Tardiani, conta ora di avere anche lo sfortunato ex Venezia Luca Corradi per il finale di stagione.
 
Porta bene il rito scaramantico cui è dovuto ricorrere per scacciare la maledizione delle ultime domeniche, quello inscenato dal ragionier di Governolo, nonché dirigente Gianni Frignani, juventino dalla punta dei piedi fino ai capelli: i “cosacchi bianco-rossi del basso Tartaro”, soprattutto all’indomani dello storico abbraccio avvenuto davanti a Raul Castro a Cuba tra Papa Francesco e l’ortodosso Kirill, scelgono la via della benedizione magari poco ortodossa (ma l’aspersorio e l’acqua non erano state, per fortuna di noi cristiani benedetti: quindi, nessun atto sacrilego!), avvenuta davanti a noi, mercoledì sera scorsa, e davanti ai divertiti altri due componenti la “troika” nogarese (il presidente Andrea Martini, il vice Lorenzo Garbellini originario di Castelmassa di Rovigo, e lo scatenato imprenditore, ex vice-presidente della Pol. Erbè, Bruno Comin) un impietrito mister Claudio “Leonid Ilic Breznev” (perché i suoi tanti campionati vinti ricordano le medagliette ciondolanti che l’ex capo dell’URSS soleva portare fieramente nella sua lisa divisa durante le parate dell’Armata Rossa sulla Piazza Rossa) Sganzerla.
 
Il quale mister Sganzerla di acqua e palloni sotto la sua panca e i ponti ne ha visti passare tanti, ma questa della benedizione anti-jella, crediamo proprio che non l’abbia mai vista in vita sua! Ebbene, rito che funziona, non s’abbandona: e gli “ussari” nogaresi vincono, meglio, stravincono per 3 a 0 ai danni di un’A.C. San Zeno Vr, il quale in settimana ha invocato ed effettuato il ritorno del trainer della promozione, ovvero Vasco “Rossi” Guerra al posto di Davide Bolognesi. Le reti? A cura di Alexandar Pesic, il quale a Beccacivetta fa il duro lavoro di lava-automobili e di rifornire di carburanti le automobili che passano di lì, di Alessandro Pasotto, ex barman di Sanguinetto, e di “Sambuca” Molinari (l'ex Cerea Luca).
 
Nulla di concreto nello 0 a 0 tra l’U.S. Provese di mister Piero Stivanello e l’A.C. Cadidavid di mister Massimiliano Canovo mentre l'A.C. Garda ritorna a suon di attese vittorie la bella Garda-Land che tutti ci aspettavamo alla vigilia: successi a gogò, grande carica agonistica, furore atletico, 6° posto a 32 punti alla pari della Pol. Virtus B.V., e 2 a 0 sul lago a spese dell’F.C. Valgatara del mister-corniciaio di Porto San Pancrazio, Roby Pienazza. Per i rossoblù di mister Gigi Possente doppietta imbracciata da Michele Capone, acquisto strappato a un triennali quasi ormai da sottoscrivere con la Fidelis Andria da “Marotta” Gabriel Maule, un diesse elegante sempre come i suoi colpi e che per il calcio sta dando anche la pelle.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1972)