ULTIMA - 23/5/19 - MISTER ANDREA CATURANO LASCIA IL GIOVANE POVEGLIANO

Dopo sei anni di stretta collaborazione, le strade del Giovane Povegliano e di Andrea Caturano, prima diesse e poi mister, si dividono, come lui stesso ci conferma: "Ci siamo lasciati con una bella stretta di mano amichevole, con decisione unanime. Ho voglia di intraprendere nuovi progetti e nuove ambizioni. Faccio un grosso in bocca al lupo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

7/3/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 24^ GIORNATA

IL LUGAGNANO TORNA IN TESTA: SCAVALCATA LA BELFIORESE FERMATA SUL 2-2 A SAN GREGORIO. 6^ VITTORIA CONSECUTIVA DEL GARDA, LA PRO SAMBO VIOLA LA “BUSA”, IL SONA CORSARO IN CASA DELLA PROVESE

Il pareggio della Belfiorese conquistato in rimonta e grazie alla doppietta di Mattia Facci…sognare a San Gregorio di Veronella – dove l’ex leoniceno Antony Gambin, anche lui con la doppietta sotto braccio, aveva cercato di atterrire la difesa dei biancazzurri di mister Flavio Carnovelli, permette all’A.C. Lugagnano di passare nuovamente al comando della classifica del girone “A” di Promozione.

Lugagnano di mister Pippo Damini, il quale va a dettar legge, 0 a 2, in borgo Venezia, in casa di una Polisportiva Virtus di mister Simone Bragantini, distante dalla lotta per la conquista dei play off, ma altrettanto lontana dalla zona bollente del girone. Per i giallo e blu del Gran Consiglio presidenziale composto da avvocati – in testa il presidente Gianni Forlin – segnano Riccardo Risi e Marco Fresolone.
 
L’Aurora Cavalponica ha cambiato manico: via mister Gianfranco Brendolan, vicentino, dentro la “memoria storica” del calcio di Veronella e frazioni, mister Luigino De Mori che in passato è stato anche Assessore allo Sport del paese, anticamente chiamato Cucca, oggi dirigente di un’azienda quotata in borsa, e un po’ imbarazzato a salire in sella a un destriero molto quotato come il team cavalponico: “Non è facile subentrare a un collega terzo in classifica, perché è difficile poter fare meglio. E non è nemmeno facile essere profeti in patria. La squadra è molto valida, spero di poterla accompagnare il più in alto possibile”.

Leadership del girone “A” di Promozione che torna quindi ad appartenere ai giallo e blu di mister Pippo Damini, ora a 48 punti in 23 gare. Ad un solo punto alle loro spalle alita la Belfiorese, poi, a 41 irrompe con tutta la sua potenza l’A.C. Garda di mister Gigi Possente, al suo 9° risultato utile consecutivo, frutto di 8 vittorie intervallate solamente dal pareggio spuntato con il Nogara. Quinto gol per Michele Capone a Dossobuono, in casa dei giallo e rossi del mister-sindacalista della Uil Beppe Bozzini che venivano da tre vittorie e due pareggi nelle ultime 5 gare. Il raddoppio reca le impronte digitali di Geronimo Soares.
 
Aurora Cavalponica che fiata a 40 punti, sul colletto gardesano, poi, a 36 la coppia, quella formata dal Sona e dall’Alba Borgo Roma. I rosso e blu del presidente, il buon emiliano Paolone Pradella, la spuntano, 1 a 2, in casa dell’U.S. Provese di mister Piero Stivanello. In vantaggio, però, i rosso e neri del diesse Gian Franco Chilese grazie ad Andrea Peroni, poi, il pareggio dei rossoblu di mister Lucio Beltrame grazie al rigore trasformato dal mozzecanese Simone Bonetti, il quale in seguito dara prova di abilità realizzando pure su azione, e non solo da palla ferma, il 2 a 1 decisivo e suo 11° gol stagionale.
 
A Valgatara, in casa del “Barça della Valpolicella”, rientrato mercoledì notte con in mano il bicchiere mezzo pieno del pari incolore ma molto benaugurante della trasferta di Coppa a Favaro (nel Veneziano; mercoledì 16 marzo il retourn match), i valpolicellesi non fanno passare chi chiedeva loro via libera: e cioè i giallo-rossi dell’Alba Borgo Roma di mister “Mou” Mario Colantoni e del diesse Mauro Annechini. Team sprecone, quello rionale giallorosso, in quanto vede sfaldarsi la poassibilità di vittoria dopo il lusinghiero uno-due tracciato da bomber Luca Bonfigli e da “Lollo” Lorenzo Baraldi. Infatti, i blaugrana di mister Pienazza prima con Leonardo Aldrighetti e poi Andrea “El Principe” Mileto su rigore negano la gioia dei tre punti cullata a lungo dagli ospiti borgo-romani.
 
Tre punti preziosi per la Pro Sambo: alla squadra del presidente Giuliano Giusti riesce il colpaccio di violare la già abbastanza violata “busa” dell’A.C. San Zeno Vr del “capitan futuro”, il dottor in Giurisprudenza, Pietro Martignoni, classe 1990. Anno davvero nero per i sanzenati, i quali hanno fino ad ora hanno fallito 6 sui 7 rigori a loro concessi. Matteo “Casco da parrucchiere” Lui illude i “granata della busa”, poi, c’è la fantastica doppietta dell'ex Bevilacqua Giulio Dovigo che regala i tre punti ai ragazzi di mister Roberto Bassi.
 
Poi, altri due 2 a 2 (ben 4 nel girone), il primo a Cà di David, tra i bianco e blu del coach Massimiliano “Allegri” Canovo e l’A.C. Zevio di mister Lucio Merlin, e quello maturato sul sintetico di Grezzana, tra l’Union Grezzana di mister “Mancho” Andrea Matteoni e il Nogara dell’omologo Claudio Sganzerla.
 
All’ombra del “campanil fatto con gli ovi”, chi si morde le mani per la grande occasione perduta è il febbricitante, pericolante Zevio: perché era passato in doppio vantaggio in seguito ai colpi inferti da Crestani e dal serbo Caslav Jovic. Poi, il vigasiano Davide Falavigna e il 1992 Alberto Menini hanno evitato il tracollo casalingo dei cadidavidesi del presidente ed avvocato, ma con mansione di immobiliarista, Francesco Dalle Pezze.
 
Stesso discorso vale per gli “oranges” della Valpantena del presidente Dino De Paoli, passati in duplice vantaggio in virtù dell’uno-due tuonato da Rocco “Siffridi” Artioli (12 dicembre 1997, ex Juve Valpantena) e da Marco Cristofoli. I grezzanesi infatti si facevano raggiungere in 8 minuti finali di follia, i quali consacravano le doti dell’ex Vigasio, Manuel Bottura, classe 1995, e di Luca “Sambuca” Molinari, ex Cerea. Buone le mosse di mister Claudio Sganzerla, campione di Risiko, sempre più l’allenatore ideale nel progetto dei “cosacchi bianco-rossi del Basso Tartaro” nogaresi.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1970)