ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

14/3/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 25^ GIORNATA

RISI AMARI PER “EL VALGA”, E “EL LUGA” ALLUNGA SULLA SCONFITTA DELLA BELFIORESE COL DOSSOBUONO. GARDA DEVASTANTE, ORA E’ 3°, DAVANTI AI CAVALPONICI “CORSARI" A ZEVIO. 4 A 3 MEXICANO TRA ALBA E GREZZANA, 2 A 4 DELLA PROVESE A NOGARA
 
Risi & bisi risultano indigesti per l’F.C. Valgatara, semifinalista di Coppa Italia, impegnato nel retourn match che si svolgerà mercoledì sera in Valpolicella (0 a 0 l’andata a Favaro, nel Veneziano). L’A.C. Lugagnano fa un altro balzo in avanti verso lo scudetto: ora i giallo e blu di mister Pippo Damini e del presidente nonché avvocato Gianni Forlin sono a 51 punti e a +4 dall’accorrente Belfiorese.

Belfiorese di mister Carnovelli sconfitta clamorosamente in casa – senza con quest’aggettivo nulla togliere al merito dei vincitori giallo-rossi – per mano, 1 a 2, dall’Olimpica Dossobuono del mister-sindacalista Beppe Bozzini che da quando ha recuperato tutti i suoi infortunati (tranne Luca Corradi) sta macinando punti importantissimi in ottica salvezza. Marcatori dossobuonesi sono su rigore Daniele Zambelli e l’ex “enfant prodige” del Chievo Luca Tardiani (importante il suo pieno recupero per il centrocampo giallorosso), un uno-due compiuto in rimonta dopo il gol illusorio belfiorese siglato dal classe 1993 Francesco Caldana.
 
Al terzo posto a quota 44 romba il motore dell’A.C. Garda, compagine che non perde dal 6 dicembre, che ha infilato il vento e la rotta giusta col suo squadrone guidato dal “feldmaresciallo” Gigi Possente: 3 a 1, ieri, sul lago, a spese del sempre più pericolante A.C. San Zeno Vr di mister Vasco “Rossi” Guerra. Di bomber Davide Bertoletti il gol-consolazione, dopo che Mohamed Rkaiba (doppietta per il marocchino, classe 1989) e “tartaruga” Matteo Rambaldo, ex Caldiero, su rigore, avevano già fatto garrire le reti alle spalle dell’estremo difensore granata, il bolzanino Randy Puppin.
 
Quarta in classifica l’Aurora Cavalponica di chi anela a diventare il “profeta nella sua patria”, ovvero mister Luigino De Mori: 0 a 1 alla "Bonbonera” dell’A.C. Zevio di mister Lucio Merlin, sempre più ultimo a 14, soprattutto quando chi lo sovrasta – la Pro San Bonifacio di mister Roberto Bassi – coglie il punto al “Renzo Tizian”, al termine dello 0 a 0 contro la Polisportiva Virtus Borgo Venezia di mister Simone Bragantini. A decidere per la squadra del presidente Stefano Bressan è il 1990 Edoardo Colognese.
 
In buona quota anche l’A.C. Sona del presidente Paolone Pradella, cuore vecchia Emilia e Vecchia Romagna (il figlio Mattia gestisce un bar, il “Missaché”, a Cesena): 1 a 0 dei rosso e blu di mister Lucio Beltrame a spese dell’A.C. Cadidavid di mister Massimiliano Canovo, mattatore il capitano Mattia Paiola, la cui capocciata vale il bottino intero dei tre punti.
 
All’”Esterino Avanzi” di borgo Roma, 4 a 3 mexicano tra i giallo e rossi di mister “Mou” Mario Colantoni e l’Union Grezzana di mister “Mancho” Andrea Matteoni. L’appena entrato in campo (gulp!, dopo appena 5 minuti al posto di “Lollo” Baraldi) il classe 1995 Salvatore Bartolomeo, poi, il classe 1996 Nicolas Torni, Luca Bonfigli e di nuovo Bartolomeo esultano per i borgo-romani; Andrea Castelli, Gomis e Marco Degani invece si illudono ed illudono gli “oranges” valpantenati del presidente Dino De Paoli.
 
In riva al basso Tartaro, i “cosacchi bianco-rossi” nogaresi le prendono di santa ragione, 2 a 4, dall’U.S. Provese, la quale effettua l’operazione-sorpasso nei confronti degli stessi avversari vinti. Doppio vantaggio per i rosso-neri ospiti di mister Piero Luigi Stivanello con Luca Fortunato e Dario Scardina in gloria; poi, pareggio nogarese a firma di Christopher Negrini e dell’ex vigasiano Manuel Bottura. Ma, prima l’ex sanmartinese Diego Confetti, i purgativi “Falqui”, e poi il sempre spumeggiante Andrea Peroni, ex virtussino oggi senza ciuffo sugli occhi, fanno purgare una squadra, il Nogara di mister Claudio Sganzerla, che aveva appena trovato il ritmo giusto.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1979)