ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

PRIMA PAGINA

14/3/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. A) – 25^ GIORNATA

ORA E’ IL POVEGLIANO L’ALTERNATIVA ALLA MONTEBALDINA: SCALIGERA BATTUTA DAL PASTRENGO. PESCHIERA “CORSARO” A LUGO, VALPOLICELLA LO IMITA A VALEGGIO, “BUSSO” E PARONA AFFOSSANO CASTELLANI E VIGASIANI

Il colpaccio sferrato dai “carabinieri con gli scarpini” pastrenghesi a Isola della Scala (1 a 2, con reti di Stefano Bonato e di Marco Sabaini; inutile il pareggio provvisorio di Michele Maestrelli da Erbé) fa scattare l’operazione-sorpasso del Povegliano ai danni della Scaligera 2003. Ora terza a 42, e non solo: ma, pure appaiata dallo stesso Pastrengo di mister Paolo Brentegani che compie in pieno l’operazione-aggancio agli isolani di mister Simone Marocchio.
 
Pastrengo (venerdì eravamo a pranzare, nel ristorante Stella d’Italia gestirto dal massimo dirigente l’architetto Umberto Segattini, assieme al fantasma di re Carlo Alberto di Savoia ed alle sue eroiche truppe sabaude; che proprio a Pastrengo sconfissero il 30 aprile 1848 quelle austriache del felmaresciallo Joseph, Johann Radetsky), che in settimana, a causa delle 4 giornate inflitte dal Giudice Sportivo a Mauro “sette ante” Faettini, ha dovuto in fretta e furia chiedere all’ex trainer dell’Alba Borgo Roma, il classe 1976 Gabriele Gambini di rimettersi i guantoni e difendere i pali dei gialloverdi.
 
E la Montebaldina di mister Simone Cristofaletti? Vince, nella sua Caprino dei tanti, gloriosi e secolari platani, per 2 a 1 ai danni di un non facilmente arrendevole Quaderni dello skipper arilicense Luca Righetti. E non poteva che trionfare sotto la doppietta ancora fumante di bomber Emanuele Bagata, imprenditore figlio di imprenditore, e vero bomber della zona Garda-Baldo. Il dicembre 1995 Luca Berlanda aveva ridato fiato alle speranze di pareggio, evaporate dopo il secondo gol bagatiano, dei nero-verdi postumiesi della presidentessa Sara “Pitti Moda” Olivieri.
 
Al 5° posto, sornione come le lucertole che cominciano a sgranchirsi gli arti sotto i primi tiepidi raggi di sole marzolino, il PGS Concordia di mister Nicola Chieppe, il quale a Castelnuovo, contro i locali di mister Gianni Canovo, si porta via uno 0 a 0, il quale gli va un po’ strettino come quando ci si infila il paio di scarpe appena acquistate in questa o in quella boutique.
 
Pgs a 39 e a 38 punti troviamo il Peschiera di mister Roberto Sorio, davvero “corsaro” per 0 a 1 sul sintetico di Lugo, e prima sconfitta per il mister valpantenate Mauro Pia. “San” Bonifacio Mochiah, su rigore, ghanese ex Bussolengo ed ex Sona, è il giustiziere dei nero-verdi quando scoccava oramai il 90° minuto di gioco.
 
Il Parona di mister Flavio Marai distrugge, 3 a 0, il Casteldazzano di mister Leonardo Dolci, sempre penultimo in classifica, e si affida ad un’altra doppietta di Davide Vinco, ex Arbizzano, ed all’acuto di Joshua Nyemekeh. Sesto gol per il primo e settimo stagionale per il secondo. Biancoverdi del presidente Riccardo Portoghese a -2 dalla zona play-off.
 
E’ ancora una volta – l’ennesima! – una felice conclusione del dottorando in Biologia Mirko “Fico” Dindo - espulso il sismatico, il tellurico, il bradisismico l’ex A.C. Garda Gezim Tellosi per i biancazzurri – a far volare sempre più in alto le “libellule” (dal loro volo si dice che furono inventati gli elicotteri) a violare il “Paolo Maggiore” di Pedemonte. Povegliano di mister Marco Pedron ora secondo a 44 punti e biancorossi locali di mister Stefano Modena che galleggiano a +1 sulla zona play-out.
 
Il Valpolicella brinda con il 5 bicchieri delle Cantine (ne posseggono anche in Toscana) di Franco (il cui rampollo Francesco è il diesse, mentre Giovanni, classe 1992, è centrocampista dei rosso e blu del presidentissimo Fernando Boscaini) ed Annalisa Allegrini in riva al Mincio, in casa della Gabetti Valeggio di mister Lucio Marconi. Eppure in vantaggio erano andati i valeggiani grazie all’immarcescibile Damiano Meda, ma, poi, si dimostrano fragili come un grissino torinese sotto i denti aguzzi mostrati da Daniele “Ruben Buriani” Oliosi, di Speri e ancora una volta (come domenica scorsa) di Ksakass.
 
A quota 28 punti ci arriva il Bussolengo di mister Franco Tommasi, dopo aver squartato (4 a 0) in casa sua l’Atletico Vigasio di mister Adelchi Malaman, che rischia la sua prima retrocessione dopo anni e anni di onorata carriera e di calciatore e di allenatore. Doppietta del maturo Gianluca Manzato, autorete dello juventino, bancario, il classe 1989 ed ex Vigasio di Eccellenza, Gianmarco Gaino, cittadino vigasiano doc, poi, il colpo di grazia lo esplode Gianmaria Donisi.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1629)