ULTIMA - 21/4/19 - BUONA PASQUA 2019 A TUTTI I NOSTRI LETTORI

La redazione sportiva di www.pianeta-calcio.it, assieme al suo direttore responsabile Andrea Nocini e a tutti i suoi collaboratori, porge a tutti i nostri sempre più numerosi lettori e lettrici, ai suoi fedelissimi sponsor, i migliori auguri di una serena Pasqua da trascorrere con i propri
...[leggi]

PRIMA PAGINA

14/3/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 25^ GIORNATA

SCIVOLA LA JUVENTINA A POIANO E L’ARBIZZANO PAREGGIANDO VA A +9. L’ALPO CLUB ’98 NON ACCELERA, IL S.MARCO INGUAIA IL LEPANTO, PRIMO STOP DEL “MOZZE” DOPO 13 RISULTATI UTILI CONTRO IL BORGO. AGGANCIO-CORBIOLO ALL’AVESA

Eh sì, mancano oramai solo pochi punti, qualche domenica da lasciar scorrere e poi l’Arbizzano può dare il là alla grande festa per il suo ritorno in Prima categoria. I giallo e blu di mister Ivo Castellani ieri scelgono il prudenziale 1 a 1 alle piscine “Santini”, casa dell’U.S. Cadore, il quale non può fare anticipare la Santa Pasqua, facendo diventare gli avversari stessi felici come una Pasqua, perché ha di che provvedere a mettere più fieno nella sua cascina. In vantaggio ci vanno i valpolicellesi con l’ex Negrar Thomas Laiti, poi, il classe 1995 Nicolò Busola spolvera produttivamente il dischetto gessato del calcio di rigore, per la gioia dei cadorini del presidente Francesco Bonturi.
 
Allora, 59 punti per l’incontrastata capolista arbizzanese, poi, a 50 – un’Eternità! – la Juventina Valpantena di mister Andrea Scardoni, che viene battuta in casa sua, al “Lorenzo Bellamoli”, per 0 a 1 dal rinato Real San Massimo di mister Nereo “el paron” Gazzani. Mattatore? Gran gol di rapina al 90° minuto di Luca Ronca e grande, caparbia prestazione dei rionali, all’occorrenza arroccatisi davanti a “Giraffa” a “Grattacielo” (195 cm di altezza) Carlo Tosi.
 
L’Alpo Club ’98 di mister Stefano Ferro prova a conquistare il castello del Montorio, e passa in vantaggio momentaneamente con Federico Briani su rigore. Poi, è “marmi” Manuel Marcolini, classe 1993, a trovare lo spiraglio giusto, quando oramai i tifosi si erano già accomodati in auto per il viaggio del ritorno a casa. E il Montorio non poteva assolutamente perdere, al fine di non vedersi sfuggire del tutto proprio i rosso-neri del Club più esclusivo di Alpo. Ed è andata, tutto sommato bene ai castellani di mister Antonio Ferronato, saliti a 45 punti, perché raggiungono il Mozzecane, fermo per tutto il giorno al pitstop per aver mancato il 13mo risultato utile consecutivo.

In Postumia, brutta perché molto pesante ed inaspettata, battuta d’arresto dei rosso-blu di mister Nicola Santelli – 0 a 3 – per mano del redivivo, del rinato BorgoPrimomaggio di mister Simone Mirandola. Un trainer, "el Pano", che conosce bene l’aria e i terreni della Postumia, per aver guidato in passato il Pizzoletta. I precisi mazzieri dei “draghi rossi” sputa fuoco del diesse Enrico Sgreva sono: Simone Rocchi, Carletto Agnolin (dal dischetto) e Filippo Visioli.
 
In borgo Santa Croce, l’Ares Calcio Vr di mister Doriano Pigatto, battendo per 2 a 1 la Scaligera Lavagno, gli si avvicina ora a una sola tacca di distanza: il rapporto è infatti di 41 per gli aretini a 40 per i lavagnesi del mite mister Ivan Benin. In vantaggio, comunque, i ragazzi del diesse Pippo Baltieri, con Mouhamadau Gueye, ma raggiunti dal “Conte de La Mambrotta,” Francesco Pellegrini, e superati, vinti dall’ex pozzano Marcello tornato ad essere…Duro!

L’Olimpia Ponte Crencano di mister Maurizio Testi supera, 2 a 0, l’A.C. Illasi di mister Massimo Burato e lo fa col broker finanziario con ufficio in borgo Venezia – tana di altri “geniali pontieri”, quali il vice presidente Gabriele Ferrari ed Andrea Righetti – Pietro “Sheva” Bellé, il quale si porta a quota 11 in fatto di reti personali sia con la casacca dei pontieri che con quella dei lavagnesi. Il raddoppio è con sigilli regali di Luca Ottofaro, giocatore dai piedini di fata.
 
Il Corbiolo approfitta del capitombolo in cui è incappata l’Avesa, e la raggiunge non prima, però, di averla battuta dalle sue parti, dai suoi boschi dove respiri aria pura esalata da pini maestosi quanto secolari: 2 a 0 per gli scoiattolini corbiolesi del presidente Sandro Zanini – il quale non aspetta altro che la maturazione dei suoi tanti giovani del vivaio – e reti dei granata di mister Antonio Vanti messe a segno prima dal difensore 1986 Davide Dal Dosso “Scavalcato” e poi di Manuel “Masaniello” Masenelli, classe 1995.
 
Infine, altro scavalcamento, altro sorpasso tra Cenerentole: il San Marco va a vincere fuori dal suo rione – borgo Milano – e lo fa per 0 a 2, inguaiando, affossando ulteriormente il già disperato Alpo Lepanto del mister nonché taxi-driver, il montoriese Stefano Sella. I varchi per i rossoverdi di mister Battocchio sono stati trovati da Alfonso Giardino (rigore) e dal 1995 Luca Bellorio.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1708)