ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

25/4/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. C) – 30^ GIORNATA

UNA VALLE IN PARADISO: IL VALTRAMIGNA! S.G.ILARIONE AL 3° TURNO DEI PLAY OFF. AL 2° TURNO PLAY OUT L’ALTAVALLE DEL CHIAMPO CHE ATTENDE LA VINCENTE TRA LO SPAREGGIO SALVEZZA GIOVANE S.STEFANO-SPES POJANA. CHI PERDE RETROCEDE

Non aveva mai toccato il punto così alto nella sua seppur lunga parabola di esatti 40 anni di storia: parliamo del ValtramignaCazzano, “figlio unico”, visto che non ne ha mai avuto, del presidentissimo Lucio “IV” Castagna, imprenditore nell’escavazione della terra con il pallino per “el fubal”. Borse, bottiglie di Spumanti Contri esplosi come petardi al termine dell’1 a 0 con cui all’”Emilio Steccanella” di Cazzano di Tramigna i bianco-rossi di sir “Alex Ferguson” Mariano Zenari hanno battuto il già pasciuto, appagato team vicentino de La Contea di mister Marco Gianesello. Mattatore bianco-rosso, Pimazzoni, un difensore, Enrico, classe 1992, già in rete di recente, e ieri a bersaglio nei primi minuti dopo la pausa del tè.
 
Valtramigna trionfatore a quota 69 punti, San Giovanni Ilarione di mister Omar Lovato secondo a 66, ieri bloccato a Costalunga, in casa del Real Monteforte, temuto a ragione dal “re dei bomber”, il san giovanneo “signor 400” Mirco Cengia, il quale ora punta ai play off per poi lasciare in maniera regale, da re dei re del gol, il calcio giocato. Ad Andrea Pandian, su rigore, ha risposto su azione il realmontefortiano Alex Tirapelle.
 
Terzo l’Elettrosonor Gambellara, a 58 punti, sconfitto ieri per 4 a 3 nella trasferta di San Vitale 1995. Doppietta del “Ministro” “Giancarlo” Elis Padoan, acuti del 1996 Mattia Meggiolaro e del 1997 Thomas Fossato per i sanvitaliani di mister Daniele Cavedon. Per i rosso e blu gambellaresi di trainer Simone Lazzari, hanno invece gridato “gool!” Sebastiano Logiudice (1988), Giulio Prina (1992) e il navigato (1977) Claudio Beschin, ex Roncà come lo stesso mister.
 
La Nova Gens termina 4^ con 56 punti, frutto anche del colpaccio (2 a 4) messo a segno ieri a Grancona. Doppia di Stefano Gianello, classe 1991, poi, Stefano Perin, infine, il classe 1993 Luca Fongaro. Per i nero-verdi granconesi di mister Dante Tamagnini, invece, l'hanno cacciata in rete Sokoli e Marco Nanfioli (1987).
 
Quinto il Montebello a 53 punti, ieri i vicentini fermati sul 2 a 2 casalingo dal tranquillo, spensierato Locara del presidente Mauro Frigotto. Bianco-rossi di mister Moreno Dalla Pozza al giubileo del gol con lo stesso maturo (1979) Marco Pellizzaro, ex Cologna Veneta autore della doppia. I locaresi di mister Fabio Faccin esultano dopo le reti realizzate dal 1986 Luis Kablan e dal 10 anni più giovane (1996) Francesco Marcazzan.

Soltanto sesto a 48 punti quell’A.C. Colognola ai Colli di mister Adriano Laperni, che, al termine dell’andata, prima di andare incontro a gravi infortuni accaduti ai suoi alfieri,  aveva fatto sognare la tifoseria nerazzurra. Ieri, a Montecchio San Pietro, i colligiani della famiglia Tiziano Tregnaghi hanno perduto 3 a 2, segnando con Luca Tregnaghi e con il difensore 1988 Alessandro Martella. Ma, i nero-verdi monscledensi di mister Valter Sdyelar hanno scosso la rete alle spalle di Stefan Jufa (1997) per ben tre volte: con uno dei due gemelli Zattera (Andrea o Luca?), col 1994 Edoardo Peruffo e con il difensore 1984 Daniele Agosti.
 
Il Borgo Scaligero Soave va a inguaiare il già inguaiato Giovane Santo Stefano: 0 a 1 e la “freccia rossa” - non quella ferroviaria, eh - scoccata nel cuore dei zimellesi viene scoccata dall’arciere Stefan Gonta, classe 1990. Biancorossi di mister Francesco Bresciani che con questi tre punti si salvano direttamente scavalcando il Grancona, mentre i gialloblù di mister Claudio Fabbris dovranno spareggiare domenica contro lo Spes per non retrocedere direttamente.
 
A Pojana Maggiore, la Spes continua a sperare (da qui la denominazione latina “Spes”, che sta per speranza), battendo 3 a 2 e costringendo ai play out la matricola Altavalle Del Chiampo di mister Michele, il carabiniere Carassi. In illusorio doppio vantaggio iniziale i rosso-verdi del presidente alto valligiano Sergio Dalla Santancà con dopo l’uno-due bruciante Roberto Groppo (1987) e Ivan Savkovic (1992). Poi, la debacle, con le reti dei giallo-blu pojanesi a firma del 1985 Corrado Perseghin e del 1992 Luca Arzenton (l'ex Minerbe e Santo Stefano di Zimella è autore della doppietta-sorpasso).

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1972)