ULTIMA - 21/3/19 - SEMIFINALI DI COPPA VERONA: SAVAL "CORSARO" A GAZZOLO

Ieri sera si sono giocate le partite di andata delle semifinali della Coppa Verona 2018-19 che mette in palio, oltre al prestigioso trofeo, anche un posto nel prossimo campionato di Seconda categoria 2019-2020. Sfortunata la gara per il Gazzolo 2014 del presidente Paolo Valle che alla fine ha perso 1 a 2 in casa contro il bravo e fortunato Saval Maddalena
...[leggi]

PRIMA PAGINA

24/10/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 7^ GIORNATA

FURORE-CADORE ATTERRA IL LAVAGNO! IL “MOZZE” DECAPITA L’ALPO CLUB ’98, L’ARES FA SALATRE IL PONTE, IL BORGO SCALA IL LESSINIA, IL LUGO SPEGNE LA COMETA, SORRIDONO ROSEGAFERRO, REAL S.MASSIMO E CORBIOLO

Stranamente una giornata, la 7^ vissuta nel girone “B” di Seconda categoria, non caratterizzato, non punteggiato da alcun pareggio. Erano mesi, se non anni che non capitava!

L’A.C. Mozzecane conserva lo scettro sfavillante del comando, a quota 19, e la vittoria al bocciodromo di 2 a 1 sull’Alpo Club ’98 gli consente di stare una tacca ancora davanti all’inseguitore BorgoPrimomaggio (vera rivelazione di questo primi spicchio di Torneo). Sotto per il gol griffato da Mirandola, “El Mozze” ha dimostrato capacità reattiva nel ribaltare il verdetto, affidandosi al duo Mattia Mesaroli-Alessandro Carollo.
 
Gli alitano sul collo i “draghi rossi” del BorgoPrimomaggio, l’unica squadra a non aver conosciuto – fino ad ora – l’onta della sconfitta. Per i borgatari vittoria di 3 a 2 al “Monterotondo”, a spese del vivo Lessinia di mister Zanferrari, che ha ben risposto sotto canestro e sotto rete con il doppiettista Nweke. Doppiettista anche Federico Dolcemascolo, ma, la differenza per i viola di mister Signoretto la fa Michele Adami, appena entrato al posto di Giacomo Pitondo.
 
Terzo posto a 15 punti per l’Ares Calcio Vr di "Ferguson" Doriano Pigatto e dei due Piccolo: azionano un mortaio da 5 a 2, il quale fa saltare letteralmente il Ponte Crencano dell’Olimpia, incredibilmente terz’ultima a quota 4 punti e a braccetto della Primavera. Doppio rigorista Pietro “Sheva” Bellé per i (poco fino ad ora) “geniali pontieri” del coach Andrea Crema, doppietta di Francesco Montolli (anche su rigore), doppietta di Francesco Savoia (anche su rigore) e gol dell’ingegner Francesco – altro Francesco (che manca all’appello realizzativo è il Conte Pellegrini!) – Paiusco, che fa la differenza per quei “bravi studenti” che son gli aretini.
 
Altra affermazione per il Real San Massimo di mister Nereo “Rocco” Gazzani; il quale vince senza aver schierato il suo “talismano”, Lino Bassan: 1 a 0 all’Avesa H.S.M. di mister Michael De Santis, con Samir che fa da mattatore per i nero-verdi rionali.
 
In Postumia, mentre proseguono i festeggiamenti del neo-porporato Mario Zenari, vescovo della Siria e diventato, senza volerlo, il cittadino più illustre della frazione villafranchese, ebbene, la Polisportiva Rosegaferro di mister “Pano” Simone Mirandola e del diesse Alberto Ruzzenente supera, come in Italia-Germania Occidentale (semifinale dei Mondiali di calcio di Messico 1970), per 4 a 3 la Primavera di mister Karim Grigoli. Scrinzi, Garbujo e doppietta di Caldana per i “rosso-blu” del presidente Federico “da Montefeltro” Dal Gal, a fronte della doppia del “primaverile” di Popescu e dell’acuto di Mascalzoni…”latino”…

Il Lugo di mister Antonio Ferronato torna… Real, facendo collassare la Nuova Cometa di mister Cristian Cordioli. Che lampeggia solo per l’euforia che sprizza dai pori del goleador “Galactico” Mirko Galasso, puledro con sangue veronese, trentino e pugliese. Consolini ed ancora una volta l’”onorevole” Castagnetti portano prima sul tranquillo 2 a 0 momentaneo i “lupi nero-verdi” valpantenati del diesse “El Mene”, Domenico Veronesi, ex Berretti del Como.
 
Gli scoiattolini del Corbiolo del nuovo trainer Paolo Mainente (subentrato dopo secoli di Antonio Vanti) arraffano 3 punti di platino, sferrando lo sgambetto all’Atletico Vigasio di mister Adelchi Malaman. Paolone Bice-gol, Alessandro Merzi (1997) e Luca Zanini esultano; anche Clement Airhiembuwa e Mecchiato per i biancazzurri ospiti, ma, ahiloro, sono urletti non da trionfo!
 
Infine, a Ponte Crencano, l’U.S. Cadore ritrova il furore di sempre: la truppa di mister Ruggero Napoleone festeggia la vittoria del 1866 riportata dalle truppe transalpine a Custoza e stinge per 3 a 2 lo Sporting Lavagno di mister Ivan Benin. In vantaggio, grazie a Riccaldo Baldi e nuovamente in rete con Davide Fiorentini; ma, chiusi dalla doppietta dell’ex Saval Maddalena Fausto Nardone (anche su rigore) e dal gol decisivo messo a segno dal “ciclista” Panizza. Lorenzo, ex Crazy, classe 1995.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1634)