ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

PRIMA PAGINA

14/11/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 10^ GIORNATA

MOZZECANE AVANTI A MOZZAFIATO, PRIMAVERA RINATA, ARES MEZZO PASSO FALSO A LAVAGNO, LA NUOVA COMETA SPLENDE SUL REAL S.MASSIMO, SUPER-CALDANA PER EL ROSEGA-VITTORIA ALL’ALPO

Davvero inarrestabile la marcia trionfale e trionfalistica dell’A.C. Mozzecane, squadra, alla pari dell’Ares Calcio Vr, ancora non nella polvere, nell’onta della prima sconfitta stagionale. Ieri, i rosso e blu della Postumia, allenati dal mozzecanese Nicola Santelli, vegano reo non pentito, si è brucato – tanto per stare in tema ortofrutticolo – anche l’Olimpia Ponte Crencano di mister Andrea Crema: 1 a 2, reti di Luca Scarabello e del suo compaesano nonché bovolonese Alessandro “Carosello” festoso Carollo. Per i “pontieri” del vice presidente Gabriele Ferrari, a canestro è andato il solo Bettili.
 
L’Ares Calcio Vr di mister Doriano Pigatto rallenta, 1 a 1, a Lavagno, in casa dello Sporting Club di mister Ivan Benin. Al suono della festosa…Campana lavagnese (Manuel) ha replicato di pari reco quella del plurilaureato Nicolò Salmaso. Ma, il distacco dal Mozzecane è ora salito 6 punti, non “faoline”, eh!
 
E’ festa del Primomaggio, non quella lavorativa fissata nel calendario gregoriano (di San Gregorio divenuto Magno, cioè grande, proprio anche per questa invenzione!), bensì quella del Borgo di mister, il ruvido, dalla voce di sergente dei fantamarò Massimiliano Signoretto: 4 a 1 rifilato ieri all’U.S. Cadore di un mister Napoleone Ruggero, che ieri ha vissuto la sua Waterloo calcistica…Fantastico tris di Giacomo ma il Mondo è sempre più Pitondo, assolo di Federico Dolcemascolo, a fronte del solo urletto emesso dal cadorino Girelli.
 
L’Alpo Club ’98 cade davanti al pubblico amico, limato per 2 reti a 3 dalla Pol. Rosegaferro di mister “El Pano”, al secolo Simone Mirandola. Sblocca-Garbujo per i rosso e blu postumiesi inizia a far luce (in contrasto col Bujo della sua seconda parte del cognome) e bis del “caldarrostaio” Caldana… Sersa “Cosmi” e l’ultranavigato Finazzo, invece, per i rosso-neri di Alpo del presidente, il noto ristoratore Carlo Parolin guidati da mister Stefano Ferro.
 
In zona Sacra Famiglia si ricompone la Primavera di mister Karim Grigoli (che salva la panchina con una vittoria dopo cinque sconfitte consecutive), rifilando 4 pappine a 1 al Corbiolo di mister Paolo Mainente. In rete, per il “club delle 11 rondini” del diesse Germano Pistori il dottore commercialista Gabriele Franchi, Torneri, e per due volte l’enfant prodige rientrato dal Team S.Lucia Golosine, Zeno Montolli. Per gli scoiattolini corbiolesi, invece, il solo “Masaniello” Masenielli.
 
Sul parrocchiale di Santa Maria di Zevio, la Nuova Cometa di mister Cristian Cordioli abbaglia, acceca mortalente per 3 a 2 il Real San Massimo di mister Nereo Gazzani, da un paio di settimane in caduta libera. Il gol decisivo lo griffa “El galactico” Mirko Galasso, dopo che della sua squadra aveva segnato “Circo Orfei” De Togni – contrastato a scarpini pari dal nero-verde Perina – e “Damiano” Cunego, preceduto però dal gol del rionale Ceolini...in agrodolce per gli avversari…

Rocambolesco 3 a 3 tra il Lessinia di mister Maurizio “Zorro” Zanferrari e l’Avesa HSM di mister Michael De Santis. L’avesano Marco Papiccio è un affermato e chirurgico cecchino dagli 11 metri (doppia per lui dal dischetto gessato), poi, gol all’incontrario del lessinico Alberti. Doppietta di Nweke ed assolo di “belli, ma…Brutti…, Flavio, classe 1990 per i gialloblu del presidente Matteo Guglielmini.
 
Ancora un guizzo da ex cubista riuscito a Luca Vecchiato fa gioire l’Atletico Vigasio di mister Adelchi Malaman; ma, lo illude anche circa la vittoria sul Real Grezzana Lugo, perché non si è fatto ancora i conti con il recupero abbondante, con il lento scorrere delle lancette del cronometro arbitrale e soprattutto col gol realizzato al 94° minuto dal lughese Cristopher Taffarel, annus domini il 1993, che regala il pari ai neroverdi di mister Antonio Ferronato.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1603)