ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

21/11/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI ECCELLENZA – 11^ GIORNATA

RICCARDHINO TESTI PROIETTA IN TESTA IL “BANCO AMBROSIANO”, IL POZZONOVO LO AFFIANCA, IL CALDIERO VIOLA BELFIORE, IL CEREA FORMATO VITTADELLO ESULTA A OPPEANO, BARDOLINO UBRIACANTE A LOREO, TEAM IN FUGA RIPRESO DAL LEODARI

E’ la prima volta, di quest’anno, del primato – meglio del co-primato, visto che ad affiancarla a 24 punti c'è il Pozzonovo di mister Massimliano Sabbadin – dell’Ambrosina di mister Tommaso Chiecchi, “bella”, anzi, “stupenda di notte” dopo il devastante 6 a 1 rifilato in settimana al Cornuda Crocetta nella semifinale di andata della Coppa Italia dilettanti.
 
Un’Ambrosiana sotto il segno di uno dei tanti giovani prodotti del suo vivaio in cui ha sempre creduto, Riccardhino Testi, classe 1995, figlio del vice-presidente rosso e nero Mauro. Sua la splendida doppietta nello 0 a 2 riportato a casa dalla trasferta di Teolo, un urlo per tempo e poi vai incontro alla vittoria numero 7 della stagione. Esulta anche il presidente dei “demoni della Valpolicella” Gianluigi Pietropoli, appena rientrato da New York, non per aver assistito alla vittoria elettorale di Ronald Trump, ma per motivi di lavoro.
 
Il Pozzonovo, in casa sua, non va al di là dello 0 a 0 contro la forte Clodiense di mister Massimliano De Mozzi, terza a 22 punti pari merito con la Belfiorese, battuta in casa sua ieri pomeriggio per 1 a 2 da un grande Caldiero di mister Roberto Piuzzi che era andato in doppio vantaggio con il "Conte" Giovanni Guccione e con il classe 1980 Ivo Bez. L’ex virtussino Michele Vesentini ha tentato di innescare la rimonta per i biancazzurri di mister Flavio Carnovelli, ma senza riuscirci. I gialloverdi termali del presidente Filippo Berti risalgono la classifica con 10 punti nelle ultime 4 gare e sono ora a -4 dalla zona play-off.
 
Il Cerea in settimana volta pagina: sulla panchina, al posto di mister Emanuele Pennacchioni, il presidente Doriano Fazion chiama Mario Vittadello, vecchia conoscenza del calcio veneto ed ex allenatore dell’A.C. Sambonifacese di Eccellenza. Ed ecco la sua prima vittoria in granata, in riva al Piganzo, in casa dell’A.C. Oppeano del trainer polesano Mariano Canola; i bianco-rossi del presidente bustocco Sergio Mustoni si mettono a rincorrere la lepre ceretana con “il profeta del gol” Elia, ma quando essa è già scappata dopo i gol di Franco…”Balla con i lupi” Ballarini e di Said Otman.
 
Il Bardolino novello ubriaca, stordisce per 1 a 3 il Loreo, lasciando i rodigini sul fondo della classifica a soli 4 punti, 2 in meno del Thermal Teolo, 4 in meno della coppia veronese Oppeano-Villafranca. Parte bene il Loreo, in vantaggio grazie a Fiore, ma, è una fantastica tripletta dell’ex Pgs Concordia B.M., il ghanese Ronnie Otoo a firmare il sorpasso dei giallo e blu del lago guidati dal coach pastrenghese Giuseppe Brentegani.
 
Il Team di mister Michele Cherobin, nel suo rione di Santa Lucia, aveva creduto davvero di far arrivare in anticipo la santa sua protettrice, accompagnata con il trenino dei banchetti: Riccardo Olivieri supera l’estremo vicentino Casagrande, ma, per il Leodari è Maddalena a esorcizzare una possibile sconfitta per i berici così la gara finisce sull’1 a 1. I biancoblu sono ora sest'ultimi a +1 dalla zona play-out con 14 punti e sono la squadra che ha ottenuto più pareggi (ben 5 in 11 gare).
 
Buon pareggio, tutto sommato, per il Villafranca nell’insidiosa trasferta di Piove di Sacco. I blaugrana castellani di mister Gigi Possente passano in illusorio vantaggio a pochi spiccioli dalla conclusione del primo round con Menolli, ma vengono raggiunti dal bomber dei padovani “Gianni” Morandi. Il Villafranca del diggì Mauro Cannoletta aggancia l'Oppeano al terz'ultimo posto con 8 punti mentre la Piovese di mister Carlo Perrone è la quinta forza del girone con 19 punti.

L’Euromarosticense ha ragione del Cartigliano e si affida ancora al suo bomber Camparmò (vice cannoniere del girone con 8 reti, con Ballarini e Valori, dietro a Giovanni Guccione a 9 reti). 1 a 0 per i ragazzi di mister Belardinelli a spese dell’undici guidato dall’omologo Ferronato. E, domenica prossima, tutti al “Montindon”, per assistere alla partitissima tra le due pari classifica, l’Ambrosiana e il Pozzonovo. Chi resta a casa è un furfantino!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1983)