ULTIMA - 21/5/19 - MARCOLINI SCARPA D'ORO, PASSARIELLO SUPER-BOMBER DI TERZA

Si sono chiusi tutti i campionati dilettantistici della nostra provincia dall’Eccellenza alla 3^ categoria che hanno laureato i nuovi capo-cannonieri dei vari gironi e la nuova scarpa d’oro 2018-19, queste tutte le classifiche finali. In Eccellenza, dove si sono giocate 32 partite, chiudono appaiati in vetta a 16 reti Mariano Mangieri del Pozzonovo ed
...[leggi]

PRIMA PAGINA

12/12/16
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. A) – 14^ GIORNATA

PARONA A UN PASSO DAL TITOLO DI “REGINA D’INVERNO”, TERZA VITTORIA CONSECUTIVA PER IL CASTELNUOVOSANDRA’ DI MISTER GILIOLI. PASTRENGO ED AUDACE ANCORA NELLA NEBBIA, MA E’ FOSCHIA ANCHE A ISOLA DELLA SCALA. A.C. S.ZENO VR SEMPRE 2° A -2 DAL PODIO

Il Parona di mister “baffo” Flavio Marai si liscia i mustacchi per quel punticino che manca ad incoronarlo “campione d’inverno” e per aver mietuto ieri pomeriggio l’ennesima vittima: la Polisportiva Caselle del nuovo mister, il giovane Alberto Pizzini da Pescantina. Finisce 3 a 0 per i “bianco-verdi all’Adige” del presidente Riccardo Portoghese, con reti dell’”Evergreen” Davide Vinco, Joshua Nyamekeh e “Dinamite” Daniele Begnoni.
 
Sono 29 i punti per i capolisti biancoverdi, 27 invece per l’inseguitore A.C. San Zeno Vr di mister Umberto Urbani. I “granata della busa” si confermano vittoriosi, 1 a 3, anche in borgo Milano, al “Manuel Fiorito”, terra del PGS Concordia di mister Nicola Chieppe. Per il tottiano Mario D’Aleo soltanto una decina di minuti, il tempo per spolverarsi gli scarpini e per scrollarsi di dosso i brividi una Santa Lucia davvero fredda.

Il bianco e viola, il classe 1996 Giuseppe Blasi illude la truppa del presidente Marco Giavoni: infatti, dal 12’ del primo tempo in poi il tabellino dei marcatori si tinge solo di granata, nell’ambito di una gara che ha vissuto di pallide ruggini di un passato non troppo lontano, quando ricorderete lo spareggio vinto dal Pgs a beffa dei sanzenati, per salire in Promozione. Ma, acqua passata non macina più: mulinano in rete, alle spalle dell’estremo concordiese il classe 1994 Francesco “Baracca” Pennacchioni le tre bilie granata; catapultate con forza, rabbia e furore dall’ex Ostiglia Federico Marmiroli e dall’ex Belfiorese, classe 1994, Armin Mezildzic (due volte) sempre più capocannoniere del girone con 14 reti in altrettante gare.
 
Terze appaiate sul medesimo trespolo, a 23 punti, Croz Zai e Scaligera. I giallo e blu di via Lussemburgo perfezionano l’operazione-aggancio in classifica, imponendosi per 1 a 2 a Isola della Scala, dove la Sagra del Riso ha ceduto recentemente il posto alla sagra del bollito e della pearà. Illude l’isolarizzano Massimiliano Gramegna per i giallo-rossi isolani di mister Nicola Bertozzo, perché prima Antonio “Bella” Gioia, poi, l’ex pastrenghese Stefano Bonato rivoltano come un guanto il verdetto dell’incontro a favore dei gialloblù di mister Matteo Meneghetti.
 
Al quinto posto, ecco un’altra coppia a 22 punti: quella formata da Pol. Quaderni e dal Valpolicella di mister Luca Ponzini. I “nero-verdi della Postumia” di mister Righetti (ex di turno) vanno a prendersi il punto in riva al Mincio: 1 a 1, e lo fanno in casa della Gabetti Valeggio, che ha appena avvicendato mister Christian Campagnari con Simone Bragantini, ex Pol. Virtus Borgo Venezia. Prova la fuga l’undici guidato da Luca "Tortuga” Righetti con Domenico Marino, ma, poi, è il Valeggio con Baccoli da…seta ad arpionare l’1 a 1 definitivo del sentito derby.
 
Il Valpolicella del presidente Fernando Boscaini, nella sua Fumane, non ce la fa a piegare il braccio della resistenza oppostogli da quel Peschiera, il quale in settimana congeda mister Stefano Sorio e convoca Vasco Guerra, ex timoniere dell’A.C. San Zeno Vr e del Valeggio. Finisce 0 a 0 e locali di mister Ponzini che perdono l'occasione di stagliarsi al 3° posto da soli.

Al “Paolo Maggiore”, il Pedemonte supera, quel tanto che basta (come il pizzico di sale che occorre mettere nel pentolone d’acqua che bolle), il Pastrengo di mister Paolo Brentegani dei mille misteri e dei centomila cerotti. Non bastasse l’affollata infermeria, ecco ieri il rosso comminato a Benedetti. Il gol che fa la differenza avviene grazie alla spinta in rete della palla da parte del pedemontano Ambra, Marco, classe 1992. Già, l’Ambra, il gioiello fatto di la resina fossile estratto dalle conifere e dagli alberi polacchi, bielorussi o sovietici, che porta bene al “Pede” guidato dal duo Stefano Modena-Giorgia Brenzan.
 
Il Bussolengo dalle idee più chiare fa calare la nebbia in casa dell’Audace calcio della famiglia Purgato: 2 a 1 per i rosso e verdi di mister “Alex Ferguson” Franco Tommasi, frutto della doppia messa a segno da Filippo “il Bello" Lonardoni, nemmeno il più lontano dei pronipoti di Filippo IV di Francia. Inutile il gol del nigeriano Chike Michael Madu per i rossoneri di mister Marzio Menegotti.
 
Infine, terza vittoria consecutiva del CastelnuovoSandrà di mister Fabrizio Gilioli: da quando si è seduto sulla panca dei “castellani del basso lago” l’ex trainer quadernese, i risultati, assieme al gioco, sono cominciati a zampillare. Ieri, 5 a 2 dei “castellani” del presidente Luca Sandri a spese dell’Arbizzano di mister Ivo Castellani in gol solo con Simone Smania e Andrea Cinquetti. Per i nero-verdi del basso Garda hanno gioito il 1993 Nicola Fainelli (ex PescantinaSettimo) per 3 volte 3 e Marcello Gambadoro, osteopata, ex PGS Concordia ed ex Pescatinasettimo in rete due volte.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1972)