ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

30/1/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 19^ GIORNATA

IN TESTA NON CAMBIA NULLA: TREGNAGO “WANTED” DALLE PARI-CLASSIFICATE ALBARONCO E VALDALPONE. IL COLOGNA FATICA A DOMARE IL S.GIOVANNI ILARIONE, IL VALTRAMIGNA IDEM COL SOSSANO. 3 RUGGITI E I CASALEONCINI PASSANO AD ISOLA RIZZA (2-3). TRA PRO SAMBO E JUVENTINA ENNESIMO PAREGGIO

Nessuna nuova, buona nuova: è proprio vero! Nel girone “B” di Prima categoria, non si verificano risultati clamorosi: le prime tre vivono una domenica “grassa”, tipica di questo clima carnascialesco: l’A.C. Tregnago di mister Antonio Bogoni rimane in sella al vertice della graduatoria, andando a infliggere un ustionante 1 a 4 in casa del Bevilacqua di mister Adriano Laperni. Che sconta i classici “peccati di gioventù” dei tanti suoi giovani elementi. Per i giallo e blu alto valligiani del presidente Gabriele Rizzin esultano Jacopo Dal Forno, Enrico Dalla Mura Bosio (ex audacino), Gian Luis Andres Bejar (classe ’93) e la “pantera nigeriana”, l’ex Zenit di San Pietroburgo, Patrick Okonji.

A.C. Tregnago, dunque, sempre al comando con 40 punti, tallonato a 38 dalla coppia Albaronco-Valdalpone. Entrambe anche queste compagini vincitrici e in maniera copiosa, grassa. I bianco-verde-granata di Ronco all’Adige espugnano, 0 a 2, le Alte Ceccato, ora terz’ultima della classe. Entrambe le marcature albaronchesane si materializzano nella ripresa: prima a firma dell’ex Speme, il difensore Enrico Castagnini, la seconda, a firma di Andrea Corrent. Ma, è sempre stato dominio dell’Albaronco di mister Davide Mazzo.

L’SSD Valdalpone di mister Totò Mantovani tracima, 0 a 5, in riva alla Moa, il fiumiciattolo-torrente, che attraversa Casaleone e bagna anche il Sanguinettese. I venerabili sono a corto di coperta e di panca, ma abbandonano di giovani elementi animati da grande ed epico entusiasmo. Ma, nulla possono dirimpetto a una squadra che chiede il via libera per andare a levare le braccia al cielo – alla Felice Gimondi – al traguardo di maggio (o di fine aprile 2017). Doppietta di SuperPippo Menini, poi, assoli vincenti emessi da Magagnotto, Braggio, e dalla “gheisa”  ben tatuata sul dorso abbronzato di bomber “Eliseo” Emilio Brunazzi.

Il presidente Andrea Ceresoli, detto “El Cere”, ci comunica con un più che eloquente sms che i sangui-venerabili hanno dovuto ridimensionare l’organico e puntare sui propri baldi giovani, “visto che – parole del “Cere” – gli sponsor non hanno rispettato i loro impegni, né mantenuto le loro promesse, adirittura preferendo sponsorizzare altre quadre”. I montecchiesi, o se preferite chiamarli i monscledensi, rappresentati dalla dirigenza capitanata dal presidente e commercialista “Lyon” Emilio Cavazza, dedicano la vittoria a Leonardo, il piccolo nato lo scorso 24 gennaio, pargoletto del vice-presidente Giuseppe Steccanella e della puerpera Silvia.

L’A.C Cologna Veneta resta bel 4°, anche se ha faticato l’aggiramento delle colonne d’Ercole postegli dalla spavalda matricola San Giovanni Ilarione di mister Omar Lovato, bella sorpresa di questo raggruppamento. In riva al Guà, i “giallo e blu del mandorlato” guidati da mister Salvatore Di Paola si affidano ancora ad un guizzo di Giulio “Cesare” Dovigo (aveva segnato anche domenica scorsa!), ex Rivereel, classe ’93.

In riva al Piganzo, il Casaleone emette 3 portentosi ruggiti che spaventano gli isolarizzani di mister Stefano Sacchetto. Bomber Luca Pasquali posta due biglietti di auguri suoi, Matteo Granetto ed Afyf Alami acciuffano i leoni sfuggiti dalla loro gabbia, ma, alla fine, è Massimiliano Urban da Spinimbecco di Villabartolomea a sigillare il colpaccio dei “giallo e blu della Bassa” del presidente Marco Faella e di mister Gianni Letteriello.
 
Pierre Matteo Tramini e Christian Turozzi, “il gol da me è di casa…”, chiudono in una morsa a tenaglia il gol dell’illusorio quanto momentaneo pareggio sossanese realizzato da Zarantonello, e all’"Emilio Steccanella” imbucano la vittoria bianco-rossa numero 7 per i biancorossi del presidente Lucia Castagna guidati da mister Mariano Zenari.

L’A.C. Zevio riprende a giocare e all’ombra della sua “Bonbonera” e viene bloccato sull’1 a 1 dai Boys Buttapedra di mister Paolo Novali, privi fino al termine del campionato del generoso (e prolifico) “puntero” lupatotino Andrea Sabbion. Per i bianco-neri di mister “Titti”  Tiziano Salvagno  pareggia lo zeviano DOC “Dustin” Dimitri Soave (decisivo il suo colpo di testa). Aveva segnato prima di lui il buttapietrese nonché difensore Francesco Girelli, complice la deviazione del portiere Umberto Boninsegna. Lo Zevio deve rammaricarsi per il penalty deviato dal portiere dei Boys  Stefano Girlanda. Boys, il quale reclama anche un palo clamoroso scheggiato da Luca Zaffani.

Al “Renzo Tizian”, la Pro Sambo  del mister-commediografo-bancario Marco Burato è costretto a inseguire (1 a 1) la più famelica di punti Juventina Valpantena dei fratelli Malaffo. Infatti, sono stati i bianco-neri poianesi guidati da mister “Lacan” “Jung” “Freud” Andrea Scardoni a segnare per primi grazie al guizzo del ’91 Gianmarco Buniotto. Sempre nel primo round, il 1996 Luca Migliorini chiudeva in parità il match. 11mo pareggio stagionale per i pro-sambonifacesi, i quali devono ancora vincere in casa propria.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1988)