ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

PRIMA PAGINA

3/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 27^ GIORNATA

PROVESE, DAI, ANCORA UN PICCOLO SFORZO E SARA’ ECCELLENZA! I CAVALPONICI ROVINANO I GIOCHI A NOGARA, “EL POVE” SGAMBETTA LA “MONTE”, IL CADIDAVID STOPPA DOPO 8 GIORNATE “EL LUGA”, “EL DOSSO” SI AVVICINA ALLA POL. VIRTUS. IL S.MARTINO-SPEME CONSOLIDA L’ARGENTO A VALGATARA
 
Dai, Provese, ancora una bracciata, ancora un sussulto, ancora un guizzo e l’Eccellenza è finalmente tua!
Niente da dire sullo splendido campionato condotto dai rosso-neri della frazione di San Bonifacio: la squadra ha sempre tenuto il bastone del comando, allungando il passo qualche settimana fa sulla diretta inseguitrice, il San Martino-Speme di mister Pippo Damini.

Ieri, vittoria numero 21 per l’undici del presidente Gianfranco Chilese e per il gruppo rossonero ammaestrato da mister Giovanni “Circo” Orfei: 3 a 2  a spese dell’A.C. Garda di mister Matteo Fattori, ancora terza miglior realtà del girone “A” di Promozione con i suoi 48 punti, tre in più rispetto al Sona. E’ dell’ex Team S.Lucia Golosine Matteo Soave l’unghiata più velenosa, quella del 3 a 2 finale. Prima di lui avevano esultato i compagni Andrea Peroni (su rigore) e Nicolò Centomo, ex Pro San Bonifacio, classe 1994. I rosso e blu gardesani avevano accorciato bene le distanze con Olalekan Babatunde (ex Saronno, classe 1984) e con il classe 1994 Nicola Beverari.

U.S.Provese ora a quota 66 punti, dietro, ma a quota 57 il San Martino-Speme, “corsaro” per 0 a 2 a Valgatara contro i blaugrana locali di mister Armando Corazzoli. Un gol per tempo: Ebhote Geffry (un difensore della classe 1993) e Diop. Il Sona del coach Zoccatelli non riesce ad aver ragione, in casa sua (0 a 0), nei confronti dell’Union Grezzana di mister “Mancho” Andrea Matteoni; nemmeno se gli “oranges” valpantenati  sono costretti a giocare in dieci uomini, a causa dei due gialli comminati ad Andrea Castelli. “Skizzo” Stefano Rognini pialla la traversa due volte, ma, non riesce a schiodare il risultato dallo 0 a 0 iniziale.

L’A.C. Cadidavid di mister Fabrizio Sona blinda il suo 5° posto a 45 punti, interrompendo le 8 giornate positive consecutive totalizzate dall’A.C. Lugagnano del trainer costermanese Luca Mancini. Il tiro da tre punti lo calibra il bianco-blu il 1998 Maxim Vauvert, prodotto del vivaio locale bianco e blu cadidavidese. L’Olimpica Dossobuono di mister Alessandro Montorio coglie tre punti preziosi in chiave salvezza, andando a fare la voce grossa (0 a 1) in borgo Venezia, in casa della Pol. Virtus guidata da mister Matteo Biroli. Tommaso Cappelletti si mangia l’occasione più ghiotta per i poli-virtussini, mentre la mira è ben più precisa per l’ex audacino Grigore Plamadeala, classe 1995.

Al “Giobatta Batistoni”, finisce 1 a 1 tra il San Giovanni Lupatoto di mister Lucio Manganotti e la più bisognosa Alba Borgo Roma del collega “Mou” Mario Colantoni. La gara termina in una botta del giallo-rosso Paoletti e in una risposta sferrata dall’ex “guerriero” del Garda, Yao Doria, uno dei giocatori più forti di questa Promozione veronese.

Acque agitate, quelle del basso Tartaro, all’altezza di Nogara: i “cosacchi bianco-rossi” sguinzagliati da mister Walter Bampa incespicano in un capitombolo interno, 1 a 3, dirimpetto all’Aurora Cavalponica di mister Loris Boni, e rischiano davvero di compromettere seriamente la loro permanenza in Promozione. Eppure in vantaggio i nogaresi con Thiaw, ma, poi, travolti dalle tre reti cavalponiche firmate in successione dal 1991 Nicolò Sartori, da “Maurizio” Ganz e dall’ex Este, il classe 1997 Andrea Spoladore.

Il Povegliano sale a Caprino per rompere le uova (non quelle pasquali, ma quelle del pollaio) della Montebaldina di mister Simone Cristofaletti, ristabilitasi sette giorni fa facendo proprio – ricordate? – il match con i confinanti dell’A.C. Garda. Decisivo, per le “libellule” poveglianesi sguinzagliate da mister Marco Pedron è l’unghiata sferrata – ancora nel primo tempo – dall’albanese Gordi Dritan; sul quale sembra aver già messo gli occhi il cittì della Nazionale rosso e nera, l’italiano Gianni De Biasi.

All’”Esterino Avanzi” di borgo Roma, domenica prossima andrà in scena un match delicatissimo per la salvezza, quello tra l’Alba Borgo Roma, ultima a 21 punti e il Nogara, che la precede a 22: un pareggio, in buona sostanza, condannerebbe entrambe.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1976)