ULTIMA - 23/3/19 - MICHAEL DE SANTIS (ROSEGAFERRO) CREDE NELLA SALVEZZA

Domani si gioca al 26^ giornata dei campionati dilettantistici veronesi dove comincia ad infiammarsi la lotta per il titolo e per non retrocedere. In Seconda categoria quest'anno retrocederanno solo due squadre per girone quindi i play-out vedranno impegnate solo la 14^ e 15^ squadra classificata, da questo scontro uscirà la squadra che sarà
...[leggi]

PRIMA PAGINA

3/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 27^ GIORNATA

27 ANNI HANNO SEPARATO LA HENDRIX DALL’ASD MOZZECANE: E’ DI NUOVO PRIMA CATEGORIA! CADE INCREDIBILMENTE IN CASA L’ARES, DILAGA IL LUGO ORA A UN SOL PUNTO DAGLI ARETINI. “EL ROSEGA”  SCARABOCCHIA IL LAVAGNO, COLPACCIO-LESSINIA, UN PUNTO-SPERANZA PER L’AVESA, IL VENTO VINCE TRA CORBIOLO E OLIMPIA P.CRENCANO.
 
Una rincorsa – verso la Prima categoria – durata qualcosa come 27 anni di tentativi, sacrifici, rinunce, gioie ed amarezze. Eh sì, le bottiglie di Prosecco attendevano da qualche settimana riposte in frizer di essere prima (meglio prima!) o poi stappate. L’ASD Mozzecane del dottor Paolo Giavoni raggiunge, si rimette in contatto con l’Hendrix Mangimistica Mozzecane del padre Giorgio “Romolo”; oggi freschissima “memoria storica”, la quale sta già preparando la cena del trionfo nella sua bell’addormentata ed adorata Tormine (minuscola frazione mozzecanese, a un tiro di schioppo dalla più superba e mantovana Roverbella).

E, ieri pomeriggio, tutti i giovani tesserati mozzecanesi erano stati chiamati a raccolta per dar vita sugli spalti a quella che aveva già tutti i crismi di una “festa annunciata”, solo da consumare, da gustare fino in fondo. Poi, tutti alla “Locanda del viandante”, quella a Villafranca gestita dal giocatore Mattia Vanoni, domenica scorsa a Ponte Crencano, casa dell’U.S. Cadore, unico e gran mattatore dei “rosso e blu della Postumia”.

Vittoria annunciata anche dalla ulteriore campagna di rafforzamento compiuta dal diesse “Cojack” Diego Pasetto (e dal vice-presidente, il neo papà Riccardo Montefameglio) a dicembre e concretizzatasi con l’arrivo dal Gsp Vigo 1944 del metronomo bovolonese CR8 Luca Cecilly...caffè dolce e con buonissima e raffinata schiuma.

Il “don Diego de la Vega” ha fatto full car con gli altri del suo paese, ossia con Alessandro Carollo e con Luca Scarabello, il giustiziere ieri dei “draghi rossi” del Borgoprimomaggio di mister Massimiliano Signoretto. Ben 72 i punti, una sola la sconfitta (contro l’Ares) 23 vittorie, 3 pareggi, 61 gol fatti a fronte dei soli 17 subiti da “saracinesca”, l’ex valeggiano Marco Avanzini e da Francesco Russo.

Anche l’Ares Calcio Vr ha incassato una sola sconfitta; caduta giusta a pennello ieri pomeriggio per quasi sentire gli inni e i peana che salivano alti al cielo della Postumia: in borgo Santa Croce, gli aretini di mister Doriano “Il Ghepardo” Pigatto cadevano su una conclusione effettuata dal cadorino, il classe 1993 Fausto Nardone. Tre punti vitali per il Cadore di mister Ruggero Napoleone per la conquista della salvezza.

Ed ora il big match in calendario domenica prossima in borgo Venezia, quello tra gli aretini e i già trionfatori mozzecanesi, non ha più alcunché di interesse: se non quello di tenere a debita distanza, di allargare la forbice del distacco – ora ridotto a un solo punto – gli inseguitori lughesi. Ieri, stravincitori, 4 a 0, sul proprio sintetico a spese della delusione del girone, l’Alpo Club ’98 di mister Stefano Ferro. Per i “lupi nero-verdi” valpantenati sguinzagliati, aizzati da “Zaccheroni” Antonio Ferronato hanno morso mortalmente uno strepitoso Christopher Taffarel (tris favoloso per lui!) e Brahim El Hamich, il "Trezeguet dei nostri dilettanti”.

In zona retrocessione, l’Avesa HSM di mister “Jimmy” Righetti deve aspettare il 91mo per racimolare il punto contro l’Atletico Vigasio di mister Adelchi Malaman, il quale aveva provato la fuga con l’ex Nogara, classe 1996, Davide Dissaderi. E’ il classe 1996, l’ex Saval Maddalena Premod Kiriwellage ad arpionare la sfera e a spedirla alle spalle dell’estremo atletico-vigasiano Valentino Bailoni.

Interrotta dall'acqua e dal vento, che non permetteva nessun controllo, la gara di Corbiolo, quella tra gli “scoiattolini” bianco-granata di mister Paolo Mainente e l’altrettanto anemica Olimpia Ponte Crencano del diesse e mister Nicola Testi: la gara era ferma sull’1 a 1, per il botta e risposta consumato tra il 1993 Emanuele Scibona e Pietro “Sheva” Bellè. Neanche la più potente bora triestina sarebbe stata capace di intimare lo stop tra le due avversarie.

Il Lessinia coglie 3 punti non d’oro, di più, di platino, andando a vincere per 0 a 1 al parrocchiale di Santa Maria di Zevio, campo amico della Nuova Cometa di mister Cristian Cordioli. La differenza per i gialloblu di mister Massimo Burato la fa Sua maestà l’Imperatrice…Antonio, classe 1999 e fratello di Giovanni, ex punta del Real San Massimo.

In Postumia, la Pol. Rosegaferro fa fuori, 2 a 1, lo Sporting Scaligera Lavagno di mister Ivan Benin. Ma, prima, i “rosso e blu” del coach Simone “El panocia” Mirandola devono andare sotto a causa dell’artigliata all’arsenico, della beccata stordente effettuata dal 1995 Alessandro De Falco. La rimonta rosegaferrese viene avviata dal villafranchese, classe 1990, Nicolò Cambi, e completata dal navigato Mattia De Nando. Assente, nelle file dei vincitori, il forte ex Povegliano Tommaso Garbujo, classe 1995. A lungo bomber dell’undici del l’esperto diesse Alberto Ruzzenente.

Real San Massimo 2000 e Primavera non si fanno male: la gara termina sul 2 a 2, con vantaggio alternato. Al “primaverile” Matteo Torneri faceva eco l’appena entrato (al posto di Albertini) Ferrari; al neo entrato (al posto di Khalfi) Michele Poggiani (già segnalatoci tra gli emergenti dal suo portiere Gigi Lupoli, l’ex atleta del Team S.L.G., classe 1992) rispondeva Tidiane Cheikh Toure, classe 1992. 
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1444)