ULTIMA - 19/5/19 - OGGI VIRTUS VERONA - RIMINI. I ROSSOBLU VOGLIONO LA VITTORIA

"Vietato fare calcoli, l'obiettivo è conquistare la vittoria". E' quello che ha detto ieri Luigi Fresco, tutto ruota attorno a questo concetto. Virtus Verona - Rimini, in programma oggi allo stadio Gavagnin - Nocini (fischio d'inizio ore 16.00) apre la doppia sfida play out che mette in palio la salvezza nel girone B del campionato
...[leggi]

PRIMA PAGINA

3/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 27^ GIORNATA

UNA CONTINUA ALTERNANZA DI CAPOLISTE: ORA E’ DI NUOVO L’ATLETICO SAN VITO A GUIDARE IL GIRONE! CADE IL POZZO, SI FA SOTTO  L’ASPARETTO, ORA A -4 DAL VERTICE, RISORGE IL GSP VIGO, STUPISCONO I BOYS GAZZO, ORA SETTIMI, “SUSTI” A QUOTA 42. INGARBUGLIATA ANCHE LA CODA OLTRE CHE LA TESTA!
 
Il girone “D” di Seconda categoria si conferma sempre di più un campionato “ciapa-nò”: sembra che nessuno voglia prendersi di petto la responsabilità di aggiudicarsi il titolo posto in palio da questo torneo, tanti e tanti sono gli improvvisi scivoloni e le inopinate cadute delle big.

Stavolta è ancora l’A.C. Pozzo dell’avvilito, sorpreso presidente e mister, il geom. Roberto Praga, a segnare il passo: i rosso e blu della frazione di S.Giovanni Lupatoto cadono un’altra volta al “Nicola Pasetto”, nel loro impianto amico. E, per mano del Cà degli Oppi di mister Daniele Dalla Vecchia, che colpisce quando meno te l’aspetti, al 93°minuto, con l'ex di turno Omar Andreoli.

La battuta d’arresto dei pozzani e la contemporanea vittoria dell’Atletico San Vito di mister Gianluca Corso, al suo 7° anno in bianco-granata, e senza punte, coincide con il successo (3-1) interno dei sanvitoceretani a spese dell’ASD Coriano di mister Manuel Cuccu (in rete con il solo Marco Covassin, classe 1992). Per i neo-capolisti non fanno cilecca il “vecio” (classe 1988) Andrea Marconcini, ex Gips Salizzole, il classe 1985 Paolo Tagliaferro e il 1989 Riccardo Soave.

53 i punti ostentati ora fieramente dall’undici del presidente Doriano Franzoni, a 51 troviamo l’A.C. Pozzo, a 49 l’Asparetto CereaSud di mister Pippo Crivellente e del presidente-carrozziere Pininfarina Gianni Vicentini, ieri non oltre il 3 a 3 casalingo contro un sereno Albaredo di mister Simone Scavazza. Peccato, perché una vittoria degli asparettani avrebbe ingarbugliato ancora di più la già piena di nodi testa della classifica! Doppia del bomber-meatlmeccanico, classe 1996, ex U.S. Provese, Matteo Bastianello, acuto pavarottiano del compagno di reparto Nicolò Lapolla, classe 1991 per gli albaretani. Andrea “Hubner” Gazzieri, Marco Mirandola, barman del noto pub notturno, il “Night & Day” di Bovolone di Simone Arzenton, classe 1988, ed Eddi De Carli, invece, questi i frombolieri asparettani (ieri orfani di Matteo Tondello).

Una tacca sotto, a 48 punti, troviamo l’ACD Bovolone del presidente Claudio Bissoli: l’eliminazione dalla Coppa Veneto non ha lasciato segni devastanti, preoccupanti nell’animo dei suoi giocatori, ieri, in temporaneo vantaggio a Raldon grazie al 1995 Giacomo Rossignoli. Ma, raggiunti dal nero-verde bomber, l’immarcescibile “Kojack” Carletto, ex Scaligera di Promozione. Chiamato a trascinare i “ramarri” del diesse “El Ceti” (al secolo Daniele Lorenzetti) alla miracolosa salvezza dei ragazzi allenati da Silvio Donadello.

Il sorprendente Sustinenza del coach nogarese Andrea Bertelli e del diesse Paolo Leardini ha superato cima 41 punti: ieri ha pareggiato, 0 a 0, a Salizzole, in casa del Gips, ed ora gioca con la serenità di colui che alla domenica ha tutto da guadagnare, nient’altro da perdere. Mister Bertelli ha anche tentato la carta, cioè la punta Andrea Garbellini, ma la punta non è riuscito a dare la soddisfazione al padre, il manager polesano (di Castelmassa di Rovigo) Lorenzo, giunto apposta dalla Danimarca, dove opera, per assistere, chissà, a una “perla” del figlio, una fiaba da raccontare e da raccogliere nelle tante belle favole di lassù scritte dal grande ed ottocentista Hans Christian Andersen.

A Vigo, aiutato dalla forza della disperazione e dal solito, inspiegabile crollo verticale del Concamarise di mister “Jordy” Giordano Rossi – passato in duplice vantaggio nei primi 22 minuti grazie a Matteo Bedoni e al gol realizzato direttamente dalla bandierina, ben supportato, ben aiutato dal capriccioso Eolo, gol firmato dal giovane promettente Christopher Violaro, classe 1997, detto “Violino” per distinguerlo dal più maturo zio, il molosso difensivo  Matteo -, il GSP 1944 di mister Luciano Malaman riesce nell’insperata rimonta. Avvenuta grazie agli assist che gli entrambi ieri goleador Giacomo “Brun” Cordioli e “Geco” Thomas Pasti  si sono resi l’uno con l’altro. A loro, si aggiungono gli urletti di gioia cacciati dal petto dai compagni bianco-granata Marco Rigobello e Simone Danielli (tra i due corrono 10 anni esatti: il primo, Rigobello, è un 1980!).
 
Sorprendenti, davvero stupefacenti i Boys Gazzo, i quali hanno costruito una “rosa” con quel poco che passava il convento maccacarese e che insegnano che in campo non ci vanno i ricordi passati né gli investimenti economici, ma soltanto il sudore e la gran buona volontà. 2 a 0 a Villabartolomea per i maccacaresi di mister Matteo Gobbetti, mattatore perché oltre tutto autore della doppia, Isacco “Newton” Capellaro, classe 1993, ancora in rete quest’anno.

Casteldazzano e Real Vigasio pareggiano la loro sfida-salvezza. In vantaggio i real-vigasiani di mister Luca Bortoletto, con Giulio “Cesare” Gandini, classe 1995, ma, poi, ripresi col laccio librato in area da vero cow boy da parte del “castellano” Adriano Gonçalves, classe 1985 per la mezza gioia di mister Riccardo Adami. Stanco di ricevere complimenti dagli avversari e desideroso invece di diventare finalmente antipatico, alla pari di tutti coloro che vincono sempre!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1968)