ULTIMA - 19/3/19 - VEDIAMO CHI RISCHIA I PLAY-OUT IN 2^ CATEGORIA ..

Girando i campi per assistere a dei recuperi di Seconda categoria ci siamo accorti che molte squadre non erano al corrente del nuovo regolamento di quest'anno per quanto riguarda i play out di questi campionati che dovranno decidere chi retrocederà al Campionato di Terza categoria 2018-2019. Abbiamo quindi interpellato il delegato della FIGC di Verona
...[leggi]

PRIMA PAGINA

24/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 29^ GIORNATA

CROLLA IL TREGNAGO, ORA 2° A PARI MERITO DEL VALDALPONE, SOGNA L’ALBARONCO, A -1 PUNTO DAL TRIONFO. PER SANGUINETTOVENERA E JUVENTINA LA SALVEZZA E' APPESA AD UN FILO DI SPERANZA, IL “BEVI” AZZANNA IL CASALEONE, REMUNTADA DELLE ALTE CECCATO A BUTTAPIETRA, ZEVIO “TENNISTICO” A SOSSANO
 
Non finisce di stupire il girone “B” di Prima categoria: ora è l’Albaronco a portarsi a un nonnulla dalla linea bianca del traguardo di un Torneo che ha sempre tenuto col fiato sospeso tutti gli appassionati di questo raggruppamento con l’alternarsi in vetta di ben tre fortissime realtà calcistiche.

Crolla, incredibile ma vero!, l’A.C. Tregnago, la squadra che personalmente avevamo visto recentemente più in forma nell’1 a 1 strappato a Montecchia di Crosara: gli alto-valligiani di mister Antonio Bogoni segnano il passo nella trasferta di San Giovanni Ilarione, in casa di una matricola che ha sempre mostrato con tutte le avversarie la propria solidità dei suoi reparti. Per i bianco e blu san giovannei guidati da mister Omar Lovato hanno segnato il 1994 Riccardo Beschin, l’ex Chiampo Francesco Chiarello, classe 1996 e il maturo (classe 1981) Giorgio Nardi, costui su rigore.

Ora a tentare l’ultima, definitiva fuga è l’Albaronco, il quale, davvero (anche se si è detto migliaia di altre volte in questo Torneo) può mangiarsi solo lui lo scudetto, che immaginiamo avrà il formato di una torta millefoglie illuminata da tante bandierine color bianco, verde e granata, dolce confezionato dal suo vice-presidente nonché mastro pasticcere di Tombazosana, Daniele Dall’Oca. Siamo convinti che nemmeno gli attuali capolisti confidassero in un crollo verticale da parte dei tregnaghesi, mentre stavano chiudendo la non facile pratica Juventina Valpantena al “Lorenzo Bellamoli” di Poiano.
 
Si rivelava prodigiosa la doppia firmata da Enrico Castagnini, capace di rovesciare come un calzino l’esito di un verdetto che si era portato sul botta e risposta di Alessio Soave, il “talebano di Perzacco di Zevio”, e il bianco-nero ex Team S.Lucia Mattia Bogoni. Ma, a rendere dura la vita agli albaronchesani dei trainer Davide Mazzo e Michele Colognese ci pensava Thomas Bertagna, su rigore. Poi, la gioia e per il colpaccio e per le buone nuove giunte da San Giovanni Ilarione.

Ma, se l’A.C. Tregnago si dispera, giustamente, chi invece si consola è l’S.S.D. Valdalpone di mister Salvatore “Totò” Mantovani: a Montecchia di Crosara non è stata assolutamente una passeggiata domare la già salva Pro San Bonifacio di mister Marco Burato. Troppo presto è scaturito il gol monscledense a firma di chi gestisce atelier di moda, e cioè di bomber “Eliseo” Emilio Brunazzi, uno dei giocatori più in forma al momento dei montecchiesi giunto al suo 19° sigillo stagionale.

Giallo-amaranto del presidente Emilio Cavazza che chiuderanno la stagione, sbarcando in casa del Bevilacqua, compagine di mister Adriano Laperni, la quale ieri si è permessa il lusso di violare la “tana” dei casa leoncini gialloblu della Bassa veronese. La doppietta di Giacomino Bissoli, classe 1987, ex giovanili del Chievo, ha sovrastato l’inutile rimonta abbozzata dai giallo e blu del presidente Marco Faella e materializzatasi in rete dalla conclusione del “Grattacielo” minerbese, Alessandro Guerra. Due i rossi, uno per parte. Al grigio-rosso difensore targato 1996 Emanuele Bovolon e al casaleonese 1990 Lorenzo Menini (commento dettagliato della gara in ultim'ora).
 
Appese a un davvero flebile filo di speranze le opportunità di salvezza del SanguinettoVenera del vice-presidente Andrea Ceresoli, l’anfitrione del “Circolo alla stazione” in Sanguinetto. Il quale non si rassegna, è più che comprensibile, alla sua speriamo non vera e prima retrocessione da quando è stato uno dei fondatori della Venera. I ragazzi del mister originario di Sanguinetto Germano Pistori all’”Emilio Steccanella” di Cazzano di Tramigna non riescono a far breccia nella difesa bianco-rossa e adesso dovranno tentare il tutto e per tutto tra sei giorni, in riva alla Moa, quando ospiteranno il ben quadrato San Giovanni Ilarione sperando che le Alte Ceccato non vincano contro il Casaleone.

Anche l'A.C. Cologna Veneta di mister Salvatore Di Paola e l'A.C. Isola Rizza di mister Stefano Sacchetto terminano sul nulla di fatto (0 a 0) il loro impegno. A Buttapietra, invece, pirotecnico 3 a 4 a favore delle Alte Ceccato di mister Riccardo Perlotto. La nota più confortante per i buttapietresi è il ritorno in campo, in tempo davvero record, del “guerriero della luce” Andrea Sabbion, incurante delle ginocchia cigolanti, ma votato per la sua grande passione alla causa calcistica. E il suo immane sforzo viene premiato anche da un euro-gol: del resto, lui sa solo segnare alla maniera dei grandi. Marcolini e Tedeschi completano le marcature buttapietresi, ma, sono, ahiloro!, poche rispetto al poker dei giallo-rossi vicentini, in cui spicca il fantastico tris del barbuto bomber Antonio Fiorenza, classe 1989 ex Valdalpone e Provese e spietato cecchino anche dagli 11 metri, e l’acuto di Vujic.

Al “Comunale” di Sossano, sestina vincente dell’A.C. Zevio che, da quando è passato nelle esperte mani di “Chicco” Sergio Guidotti e di Matteo Girlanda, ha cambiato la pelle come i “bissi” (i serpenti). Nello 0 a 6, risaltano la doppietta scaricata da “Dustin” Dimitri Soave e lo splendido poker calato da Gianmarco Ravelli, al suo 14° sigillo stagionale. Più si sono sommati i gol firmati dall’ex Casteldario di Mantova, il 1993 Riccardo Carpene e da Michele Peroni. Spumeggiante come sempre, il gemello ex virtussino. Bianco-neri zeviani ora quint’ultimi alla pari del ValtramignaCazzano, a quota 33 e attesi domenica prossima all’incontro interno, quello contro l’A.C. Cologna Veneta che potrebbe ancora disputare i play-off.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1669)