ULTIMA - 21/1/19 - GLI ACCOPPIAMENTI DELLA COPPA DELEGAZIONE DI VERONA

Si è chiuso ieri il 1° turno della Coppa Verona 2018-19 riservata alla formazioni di Terza categoria, denominata “Memorial Gianni Segalla”, che ha visto il passaggio ai quarti di finale delle prime classificate dei 7 gironi, Lessinia, Saval Maddalena, Borgo Trento, Dorial, Gazzolo 2014, Roverchiara, Ausonia Calcio e la migliore seconda classificata
...[leggi]

PRIMA PAGINA

24/4/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 29^ GIORNATA

CALMASINO E TEAM S.LORENZO SEMPRE DIVISE DA 1 PUNTO, COL TERZO INCOMODO IL SAN PERETTO, A -3 DALLA  CIMA. IN CODA, DIETRO AL NON ANCORA GIA’ MATEMATICAMENTE SALVO S.MARCO B.M., CADONO MALCESINE, LA VETTA E VALDADIGE.

E’ forse, oltre a quello “B” di Prima categoria, il girone più emozionante e indeciso del nostro calcio di provincia. Calmasino e Team San Lorenzo Pescantina continuano a vincere e a rimanere separati di un solo punto. E, così, da parecchie giornate oramai, dopo che anche il Team aveva registrato l’andatura per alcune giornate.

I bianco-verdi del lago, “El Calma” di mister “baffo” Mario Marai vanno a prendertsi i 3 punti anche nel non facile terreno di Lugagnano, sponda rosso e nera del Real di mister Fabio Di Nicola. Subito in vantaggio i lacustri grazie all’”Albatros di Caprino”, “Abba” Alberto Zanolli (capocannoniere con 20 reti), rimontanti dall’appena entrato Nicolò Gottardi, classe 1994, poi, è il solito ex caprinese Nicola Sandrini a pigiare sul pedale del definitivo sorpasso dell’1 a 2.

Calmasino sempre in cima al secolare cipresso del girone “A” della Seconda ora a quota 58, con lo sbuffante Team S.L.Pescantina che gli riversa quintalate di alito sul collo, a -1 punto. Ieri, “quelli del velodromo” hanno fatto la voce grossa, 2 a 4, a Costermano, in casa della Pol. Adolfo Consolini del presidente e viticoltore Ivano Giramonti. Addirittura, udite, udite!, avanti di due reti i costermanesi di mister Marco Paroni per via dei piattelli polverizzati dall’ex Garda Alberto De Beni, classe 1987, e dal 1990 Andrea Pachera. Poi, la “remuntada” pescantinese a firma di un fantastico davvero Bret Adobah, la “pantera nera” ex Ambrosiana, capace di prenderle di continuo, ma anche di suonarle in rete agli avversari. Per lui un favoloso tris e 13 sigilli stagionali. Mentre intorno al cerchio magico e festoso ci finisce anche il bomber di antico pelo Raffaele De Vito.

Come detto sono 58 i punti per “El Calma”, 57 per il Team, ma attenzione al San Peretto che non molla a 55 punti, con le “giubbe rosso e nere” che non abbassano affatto la guardia a Rivalta di Brentino Belluno, sconfiggendo per 0 a 2 l’F.C. Valdadige della famiglia Cipriani. Per i sanperettiani guidati da mister Cristiano Oliboni segnano Gianmarco Portoghese, ex Parona, e l’ex Negrar Enrique Benedetti, classe 1989.

Poi, al 4° posto a 49 freccette ecco il BureCorrubbio di mister Giandonato Di Marzo: ieri vittoria extralarge riportata al "Montindon”, casa della Polisportiva La Vetta di mister Alessandro Saiani e del presidente Dario Zampini. Fantastico tris servito da bomber Alessandro Vicentini (rientrato a dicembre dal Valpolicella) ed acuto emesso da  caval…Donati (Alessio)…non si guarda in bocca…

Quinto posto a 46 punti per il “vecio” Pescantina del presidente Lucio Alfuso: ieri in versione magliette, pantaloncini e scarpette da tennis a Borgo Milano, per avere braccato per 1 a 6 i “leoni rosso e verdi” della già quasi salva e pasciuta (manca un punto per la matematica) San Marco di mister Emanuele Battocchio. Nel carnet dei cannonieri pescantinesi, si riconoscono la mezza dozzina di nomi e cognomi dei realizzatori Nicolò Quarella, figlio del mitico “Ciccio” Roberto, classe 1963, ed ex Primavera dell’Hellas Verona (ma, è anche, Nicolò, nipote di Tiziano, ex bomber del Pisa di Romeo Anconetani), Matteo Tommasi, Appiah, Filippo Zumerle, ancora Matteo Tommasi, Simone Caprini (1996). Sestina, preceduta dal gol all’incontrario griffato da Filippo Zumerle, poi, fattosi perdonare con il gol appena citato.

Anche il Malcesine, facente parte del lotto delle disperate, non riesce a fare meglio ed è costretto alla resa (2 a 3) nel suo campo sintetico di Cassone per mano e per artiglio dei “falchi della Lessinia” sguinzagliati nel cielo dal “falconiere” croato Rino Sestan. Gli alto-gardesani riescono a rimontare le due reti del Sant’Anna d’Alfaedo messe a segno entrambe dal 1996 Davide Vallicella; e, questo, grazie ai colpi andati a buon fine scoccati da “Baracca” Roberto Consolati, classe 1982,  e dal “ragazzo del ‘99” Matteo Brighenti. Ma, poi, non reggono al terzo gol dei “falchi”, quello messo a segno da Alessandro Marchesini che regala la matematica salvezza ai granata. 

Il Lazise incide 4 gol a 2 sulla Pieve di SanFloriano guidata da mister Massimo Scarlatti e bravissimi i pievani ad onorare fino in fondo quello storico campionato, il primo, in Seconda categoria, che non ha purtroppo portato loro la salvezza. Il 1991 Damiano Giacopuzzi e il “ragazzo del ‘99” Giovanni Zampini per la Pieve San Floriano del massimo dirigente Giovanni Flora. “Ronzìo” Tommaso Ronzetti, Tommaso Leoni (altro “ragazzo del ’99 lacisiense), Manuel Soprana, ex Calmasino, e il 1993 Davide Andreoli remano per l’imbarcazione guidata dallo skipper Alfredo Brunazzo.

Infine, “poker caraibico” del Gargagnago del presidente Stefano Sartori a spese dell’A.C. Cavaion di mister Moreno De Battisti (in rete con il 1994 Stefano Coppini, Jurij Brognara su rigore e con il 1990 Riccardo Modena). Per i “tricolori della Valpolicella” allenati da mister Gianni Pierno l’hanno cacciata dentro, dopo essere stati sotto di due reti, il 1993 Matteo Oliosi, il “ranista” Mattia Galvani (per lui doppietta, anche su rigore) e l’ex lupatotino, il classe 1996, Marco Masconale.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1152)