ULTIMA - 21/1/19 - GLI ACCOPPIAMENTI DELLA COPPA DELEGAZIONE DI VERONA

Si è chiuso ieri il 1° turno della Coppa Verona 2018-19 riservata alla formazioni di Terza categoria, denominata “Memorial Gianni Segalla”, che ha visto il passaggio ai quarti di finale delle prime classificate dei 7 gironi, Lessinia, Saval Maddalena, Borgo Trento, Dorial, Gazzolo 2014, Roverchiara, Ausonia Calcio e la migliore seconda classificata
...[leggi]

PRIMA PAGINA

9/10/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 5^ GIORNATA

SAN BONIFACIO NON PRO…NOGARA, COMANDA ORA IL COLOGNA! BEVILACQUA E ISOLA RIZZA FRIZZANTI, TREGNAGO GIU’, SCALIGERA AL FONDO,  ATLETICO CEREA SOTTO IL SEGNO DEI GEMELLI…BOSCARO

Torna a zampillare di gioia e di reti la fontanella grigio-rossa del Bevilacqua del trainer Mirko Dalle Ave: 5 a 1 al Lonigo, ieri, anche se i primi a scuotere la rete avversaria, quella difesa dall’ex colognese Luca Fusaro, classe ’94, è stato il classe 1993 Davide Longo, attaccante con il viso incorniciato da tanto di baffi e pizzetto. Poi, è valanga-Bevilacqua, uno scroscio continuo, con al bersaglio l’ex CastelbaldoMasi, Daniele Galassi – ripresosi in Coppa come realizzatore di penalty -, Scarmato,  gol all’incontrario del 1997 Andrea Iselle, Federico Malatrasi – figlio 1996 del mitico preparatore atletico legnaghese (oggi al servizio dei giovani del Mantova) di Alberto Malesani, ai tempi in cui il sanmichelato trainer passò dal Chievo alla Fiorentina di Bati-gol e del Gigi nazionale  Buffon  - 

Ma, è sempre l’A.C. Cologna di mister Salvatore Di Paola a tirare la volatona: ieri, in riva al Guà, 2 a 0 dei “giallo e blu del mandorlato”, a spese di una Scaligera che neanche il premio Nobel  per la Letteratura 1934, il siciliano Luigi Pirandello riconoscerebbe nel suo “Uno, nessuno, centomila”. Isolani di mister Nicola “Fonzie” Bertozzo all’ultimo posto, al fondo della classifica, a quota 1 sol punto, roba da chiodi! Due bomber di antico pelo azzannano, atterrano l’estremo Bellani giallo-rosso: sono Fabio Sinigaglia e “Hubner” Andrea Gazzieri, l'ex di turno.

Si fa sotto l’A.C. Isola Rizza dei tanti giocatori-fenomeni, cioè di grande talento  – così li ha coniati il dirigente richiamato nella sala dei bottoni biancazzurra, l’odontotecnico Roberto Visentini: terzo posto assoluto, e 11 punti, alle spalle del Bevilacqua, più in su di un gradino. Ieri, gli isolarizzani di mister Stefano Sacchetto hanno espugnato la tana dei “leoncini della Bassa”, ossia la terra di Casaleone: 2 a 3, con crollo verticale dei padroni di casa guidati da mister Pippo Crivellemnte, perché in duplice vantaggio con Massimiliano Urban e bomber Luca Pasquali, si è andati in apnea per la rimonta materializzata da Othmane El Qorichy – doppia per lui! – e dall’assolo magico di Michel “Platini” Visentini, odontoiatra con alloro conseguito in Spagna, lui classe 1992. Quindi, sorriso a 36 denti splendenti nel ghigno mostrato dai porco rizzi ai desolati casaleonesi.

Sorride pure l’Atletico Cerea di mister Luis Gustavo Passera e del presidente, il noto avvocato Luca Bronzato, classe 1962: 0 a 2 nella terra delle tante risorgive di Buttapietra, dove i Boys sembrano aver perso, rispetto agli anni scorsi, il proverbiale slancio, smalto. Ceretani sotto il segno dei gemelli, pardon, del gemello Alessandro Boscaro, firmatario di una favolosa doppietta.

Sensazionale colpaccio messo a segno dalla banda della Pro San Bonifacio: capita in riva al basso Tartaro all’altezza di Nogara, dove non ci si aspettava un capitombolo di tal proporzioni dei biancorossi di mister Walter Bampa. Antony Gambin, Patrick Okonji, poi, Lima da Silva: ecco i tre precisi mazzieri pro-sambonifacesi, contro il solo “cosacco bianco-rosso” Christopher Negrini. Troppo poco, nogaresi, mi raccomando da martedì resettare tutto e occhio a domenica prossima, trasferta a Isola Rizza; gran bel test di primato! 

All’”Antonio Perlato”, ci si aspettava una prova di orgoglio da parte di un Tregnago di mister Antonio Bogoni ancora partito non con la giusta convinzione, almeno dopo il campionato d’avanguardia svolto la passata edizione. Invece, passa il più umile A.C. Zevio di mister Francesco Marafioti, ex PescantinaSettimo: 0 a 1 e il tiro dei 3 punti appartiene a Stevani. Davide, classe 1994. Al “Nicola Pasetto”, l’A.C. Pozzo di mister Stefano Paese è costretto a rincorrere il gol – su rigore – inizialmente realizzato da Christian Turozzi, il “gol da me è di casa”, visto che vendo abitazioni. Il ValtramignaCazzano, appena abbassa la guardia, patisce la fucilazione dall’ex raldonate “Big Jim” Davide Leonardi, campione di corsa, forza fisica ed umiltà. Lui, Davide, commercia frutta e verdura all'ingrosso, Pozzo e ValtramignaCazzano non devono arrivare alla frutta, eh!

Infine, a Montecchia di Crosara, 0 a 0 tra l’SSD ValdalponeRoncà e il San Giovanni Ilarione, derby dei  vigneti doc e delle rubiconde ciliegie di quella zona della Lessinia Orientale. Certo, c’è da dire che fino ad ora le due squadre non sono apparse la bella coppia dell’anno scorso, ma, i monscledensi si sono sfoltiti di ruggenti leoni – in primis, Emilio Brunazzi – e rimpolpati di giovani ed interessanti promesse. I sangiovannei  del nuovo trainer Ferrari, invece, riconfermano il bunker difensivo, ma denunciano infertilità offensiva. Da qui, ecco lo 0 a 0, con il giallo, pardon che dico, peggio, col rosso comminato a Prina – più di Prima ti vorrei! -  e con la pattuglia di mister, il ferrarese di origini, ma vicentino di adozione, Salvatore “Totò” Mantovani costretta a giocare in dieci uomini.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1551)