ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

9/10/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. D) – 5^ GIORNATA

RISCATTO-ALBAREDO, SANUINETTOVENERA DA FAVOLA, TALLONATO ORA DAL “CONCA”. BENISSIMO L’ATLETICO VIGASIO, 3 ICS IDENTICHE (1-1),  CA' DEGLI OPPI CA’ DELLA VITTORIA!
 
Continua a tessere la magica tela del dominio assoluto, dell’invincibilità e dell’en plein, il SanguinettoVenera del presidente, il profe Fabrizio Bottura e del suo vice, “El Cere”, al secolo Andrea Ceresoli: 5 vittorie su 5 possono – massimo che vada – far venire le vertigini, dare un po’ alla testa, ma, di successi non si è mai sazi!

Sanguivenerabili implacabili anche lontano dalla Sanoa, il fiumiciattolo che irrora quel lembo di terra  tra Sanguinetto e Casaleone: ieri, l’undici del rodigino Antonio Marini, tornato con furore nel Basso veronese (era stato anche a Cerea un buon decennio di anni fa), ha fatto la voce grossa anche a Maccacari, in casa di uno dei gruppi più in salute, più affiatati, più esplosivi di questo abbrivio di stagione. La vittoria è marcata Matteo Bedoni, l’ex “enfant prodige” del “Mario Sandrini” di Legnago, quando appena maggiorenne sognava di calcare palcoscenici ben più ambiziosi della 2^ categoria. La sua artigliata la sferra al 93mo, quando oramai si pensava di dividere birra e salsicce al nuovo baretto edificato a Maccacari.

Sanguinettesi a quota 15 in 5 gare, con nello specchietto retrovisore luccicare il Concamarise di mister Simone Marocchio, sceso ieri al "Roberto Bortolotto” col dente avvelenato dell’eleminazione patita in Coppa a Trevenzuolo, 2 a 1, per mano del più corpulento, massiccio Atletico Vigasio di mister Zorzella. I “tartari rosso e neri” del presidente Paolo Zago, re del feudo coltivato sia a tabacchi che a vigneti della frazione ceretana di Aselogna,  battono il temuto Gips Salizzole per 3 a 1 e procedono nell’avanzata in classifica, alla ricerca del primato da non condividere con nessun altro al mondo.  Ora, a 13 punti, le tacche di distanza dai “rivali” sanguinettesi  sono solamente due.

Tornando a ieri pomeriggio, si è registrato tra i rosso-neri di capitan Matteo Violaro l’esordio della punta albanese, ex Dak Ostiglia, Daiu, entrato costui al posto del futuro togato, il bovolonese nonché interista impenitente (mai una gioia!) Matteo Tondello. Ma, attenzione: in vantaggio ci passano i rosso e blu salizzolesi del “richiamato in patria” mister Pasquale De Lauri, e lo fanno con Bergamini. Poi, la remuntada concamarisana in un ultimo quarto d’ora irrefrenabile per “El Conca”, di follia per quelli del Gips. A turno, scaraventano con rabbia e con furore la sfera di cuoio alle spalle del para-rigori (ricordate, l’anno scorso, ne intercettò in 90 minuti addirittura 3, gulp!) , il classe 1987 Stefano Franchi… goes to Hollywood… , Thomas “Geco” Pasti, il “puffo al trirtolo” che ti stritola, che ti polverizza, poi Luca Scaraventaingol…è una libidine, ed ancora lui, Scarabello il giocatore che scambia il calcio dilettantistico come un lavoro da vero professionista. E, che il Mozzecane vorrebbe ancora suo; non fosse per la distanza!

Bel terzo è l’Atletico Vigasio della presidentessa Gabriella Pozza e di suo marito, il plurivincitore di campionati, “baffo” Gianfranco: insieme, da buoni ex gestori di trattoria-pizzeria hanno allevato generazioni di calciatori dilettantistici, viandanti ed avventori il loro affollatissimo locale (anche fino alle luci dell’alba). Oggi, l’Atletico, forte dell’eliminazione compiuta sul Concamarise mercoledì notte in Coppa, va a ripetersi in maniera trionfale, 0 a 1, anche al “Cavallaro” di Bovolone, in casa di una squadra di mister Devis Padovani che aveva cominciato a carburare seriamente, vedi i due successi consecutivi. Mattatore, neanche farlo apposta, proprio lui, il 9 dall’altezza alla Ibra, dal fisico prorompente: Martinelli. Ma, anche l’8 (Bissoli ?) visto in Coppa è di ottima stoffa, eh!

Riscatto-Albaredo: in Coppa aveva travolto mercoledì – 4 a 0 - il Sustinenza, e anche in campionato la barra ritorna a prua, a navigazione spedita. Ieri l’undici guidati dal “cagliaritano” Manuel Cuccu hanno maramaldeggiato per 0 a 3 all’”Orvile Venturato”, buon ritiro della matricola Bonavigo di mister Gianluca Corso. Le reti? Doppietta di Matteo Bastianello, l’operaio-bomber-metalmeccanico, classe 1996, ex U.S. Provese, e l'ex Gambellara Alessio Scarsetto.

Il Cà degli Oppi  di mister Daniele Dalla Vecchia e dell’economo isolarizzano Marzio Olivieri ritorna ad essere Cà della Vittoria, per aver fatto fuori per 2 a 1 la matricola Roverchiara (a dicembre acquisti di qualità e di categoria superiore alla Seconda) di mister Damiano Crisci. Apre “penna bianca” Matteo Carazzi, classe ’87 e raddoppia Vicentini, mentre per gli ospiti rigore dell’ex promessa del Calcio Padova, il classe 1995, Manuel Rogano, dai capelli color mogano (ben tirati e folti: ed è scappata di penna la rima!), chirurgico, freddo come il cemento armato nella trasformazione del rigore. Ma purtroppo non basta.

Poi, 3 pareggi, tutti di ugual peso: 1 a 1. Partiamo da quello maturato a Marchesino, matricola che non si è messa in viaggio per scopi solo turistici. Ieri, i giallo e blu del trainer Andrea Calzolari si vedono raggiunti – dopo il gol del 1994 Manuel Varano, ex A.C. Raldon – dalla conclusione di Alessandro Pasotto, acquisto di lusso del Sustinenza di mister, il nogarese Andrea Bertelli.

Passamo per quello evinto a Bonavicina, con l’ASD Coriano di mister, il “belfiorese dal pugno di ferro”, Andrea Turozzi, che è costretto ad estrarre il laccio da cow boy per acciuffare il gol in precedenza segnato da Fernandez della Bonarubiana del trainer marrocchino Moamhed Mayate e “animato” dal factotum Luciano Beghini. E, i “granata mulinari” dei fratelli Sarti – non di professione perché pavimentisti -  vedono il bottino mezzo scippato dal tiro del navigato, classe ’88, Manuel  Moretto.

Infine, concludiamo la saga dei pareggi per 1 a 1 fermandoci a Villabartolomea, con i bianco-neri di mister Mauro Danielli, ex Spinimbecco, che staccano il primo punticino della stagione, non andando oltre la ics contro l’A.C. Raldon di mister Silvio Donadello. In vantaggio illusorio grazie a Grossule, ma poi, raggiunto al 90° minuto da una spingardata sferrata dal 1991 Mattia Romani …de Roma, “SPQR”…

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1998)