ULTIMA - 22/1/19 - OGGI VIRTUS VERONA-PORDENONE, LE PAROLE DI MISTER GIGI FRESCO

Il Pordenone dopo il Monza. Calendario beffardo per la Virtus Verona che tre giorni dopo il match del Brianteo incrocia le armi della capolista del girone, reduce da dieci risultati utili consecutivi (oggi, fischio d'inizio ore 18.30). Ecco le parole del presidente allenatore rossoblu Luigi Fresco rilasciate ieri alla vigilia della partita: "A
...[leggi]

PRIMA PAGINA

13/11/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 10^ GIORNATA

ANCORA TESTA PER L’AUDACE, “CROCE” PER IL CASTELDAZZANO. ALPO CLUB ’98 RAGGIUNTO DALLA SCALIGERA LAVAGNO AL 3° POSTO, SORRISI PER PONTE CRENCANO E BORGOPRIMOMAGGIO, BEN 4 I PAREGGI
 
Tiene bene in pugno lo sfavillante scettro del comando del girone “B” di Seconda categoria la nobile decaduta, nonché neo-retrocessa, Audace calcio di mister Matteo Meneghetti. I rosso-neri sanmichelati devono ricorrere all'estro dell'ex Legnago Francesco Gasparato per raggiungere sull'1 a 1 la casalinga Rosegaferro di mister Simone Mirandola in fuga alla mezz’ora del primo round con bomber Andrea Zanoni, classe 1993.

Gli audacini veleggiano in testa al proprio raggruppamento a quota 21 punti, mentre dietro sbuffa dalla voglia di acchiapparli il Casteldazzano di mister Riccardo Adami. Ieri fermati sullo 0 a 0 ad Alpo, dai rosso-neri di mister Stefano Ferro, ora terzi a pari merito a 19 punti assieme alla Scaligera Lavagno di mister Ivan Benin. I lavagnesi vincono di misura, 3 a 2, in casa loro, contro il Real San Massimo del trainer paraguagio Gregory Donadel: scuote la rete per ben 3 volte il lavagnese Mattia Baltieri, classe 1991 ex Lessinia, mentre inutili alla fine si rivelano i centri nero-verdi di Samir Zaouak, ex di turmo, classe 1992, e di Jmili.

Tre punti più sotto, ovvero a 16 freccette, troviamo la Pol. Rosegaferro del diesse Alberto Ruzzenente, appaiata dal lucore e dal calore emanato dalla Nuova Cometa di mister Cristian Cordioli. Ieri, i “blucerchiati raldonati” sono usciti indenni nel 2 a 2 riportato a Sommacampagna, in casa del SommaCustoza di mister Rodrigo Garcia. Un’autorete di Victoria avrebbe facilitato l’impresa dei cometini, ripresi su rigore da bomber Nicolò Bolla, ed addirittura superati dal neo-entrato sommacampagnaese, dal “tamburino sardo”, il classe 1995 Mirco Adami. A 5 minuti al termine, arriva il pari di Marcolini che mette a tacere tutto.

Colpaccio del San Peretto: le “giubbe rosso-nere” di mister Franco Tommasi vanno a fare la voce grossa, 0 a 1, in quartiere Sacra Famiglia, casa della Primavera guidata da mister e avvocato Simone Ghirotto. Il gol-lampo, realizzato al 1° minuto dal 1995 Leonardo Rossi, basta ed avanza per i sanperettiani a superare l’ostacolo frapposto dal “club delle 11 rondini”.

Vittoria ossigenante casalinga, 3 a 1, per l’OlimpiaPonteCrencano a spese della “maglia nera” del girone guidata da Michele Barone, ossia l’Ares Calcio Verona, ma, “geniali pontieri” di mister Michael De Santis ancora nei bassi fondi della classifica (sono terz’ultimi a 9 punti, in compagnia di Gabetti Valeggio e di U.S. Cadore). Pietro “Sheva” Bellè si porta ora a 6 centri personali stagionali, imitato nella precisione realizzativa da chi gli rileva il posto – Abbey – ed anche da Beltrame. Per i bianco-nero-fuxia aretini, di borgo Santa Croce (nei paraggi di borgo Venezia), segna il gol della magra consolazione Zanforlìn: e prima di tutti gli altri cannonieri.

Al “Monterotondo”, 3 a 0 secco e ruvido dei “draghi rossi” del BorgoPrimomaggio di mister Tiziano “Titti” Salvagno: la vittima è la nobile decaduta Gabetti Valeggio di mister Giandonato Di Marzo. I marcatori? Presto detti: sono “Franco Beniamino” Vignola (doppia per lui) e il 1991 Francesco Dolci… certezze…per i viola del diggì Enrico Sgreva, il Clooney del Monterotondo.

Infine, al campo “Avesani”, zona Ponte Crencano, 1 a 1 tra l’U.S. Cadore di mister Ruggero Napoleone "Bonaparte" e la matricola United Sona PGS passata dalle mani di mister Paolo Tinelli a quelle del suo vice Michele Simonetti e di Antonio Sperani: botta di Johnny Montresor, classe ’89, per i bianco-rosso-blu palazzolesi del presidente Renato Lago, replica di par intensità, valore e squillo da parte di Riccardo Spano, classe 1996.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1053)