ULTIMA - 19/3/19 - VEDIAMO CHI RISCHIA I PLAY-OUT IN 2^ CATEGORIA ..

Girando i campi per assistere a dei recuperi di Seconda categoria ci siamo accorti che molte squadre non erano al corrente del nuovo regolamento di quest'anno per quanto riguarda i play out di questi campionati che dovranno decidere chi retrocederà al Campionato di Terza categoria 2018-2019. Abbiamo quindi interpellato il delegato della FIGC di Verona
...[leggi]

PRIMA PAGINA

20/11/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 11^ GIORNATA

IL MALCESINE TROTTERELLA (0-3) A POIANO, AL SAN MARCO LA GARA DELLA VITA CONTRO IL GARGAGNAGO. IL CORBIOLO GRAFFIA IL BURE, IL REAL LUGAGNANO ESPUGNA CAVAION. VITTORIE PER LA CAPOLISTA PESCANTINA, LA SUA VICE LAZISE E PER LO SCATENATO  PASTRENGO
 
E’ sempre il PescantinaSettimo a fare l’andatura nel girone “A” di Seconda categoria: 25 punti per i bianco-rosso-blu di mister, il lupatotino Gianni Canovo, a +3 da chi lo continua a tallonare, ovvero il Lazise del “bissaro”, mister Alfredo Brunazzo. Ieri per entrambe le contendenti al titolo (per ora, eh!) vittoria a testa: col medesimo punteggio di 2 a 1 ed ottenute in casa propria.

I pescantinesi del presidente Lucio Alfuso hanno superato il Lessinia di mister Rino Sestan grazie all’uno-due inizialmente confezionato dal 1996 Simone Caprini e da Mattia Paiola. Per il “club della stella alpina” del presidente Matteo Guglielmini ha accorciato Fabio Tezza. Al secondo gradino, quello d’argento, il Lazise, il quale supera per 2 a 1 l’altrettanto bisognoso di punti (anche se per motivi diametralmente opposti) F.C. Valdadige. Eppure, in vantaggio i valdadigini di mister Luigi Gamberoni per quel gol messo a segno da Salvetti; ma, si risvegliano i bissari lacisiensi e rifilano due pagaiate imprendibili grazie al 1992 Tommaso “Ronzio” Ronzetti e al 1994 ex Peschiera Umberto Frassine.

Terza incomoda lo continua a fare, a recitare il Real Lugagnano di mister Fabio “onorevole” Di Nicola: per i rosso-neri del presidente Sergio Coati colpaccio (0 a 2) in quel di Cavaion contro i biancazzurri di mister Nicola Sabaini, con reti firmate dall’immarcescibile ex San Zeno Davide Bertoletti (su rigore) e da Biasi (ma chi? Alberto, classe 1986, o Davide, classe 1982? Entrambi difensori).

In grande spolvero ed ascesa il Pastrengo del presidente Umberto Segattini, ora quarto a 19 punti, frutto anche dello squillante quanto sorprendente, clamoroso  5 a 1 rifilato dai “carabinieri con gli scarpini” di mister Paolo Brentegani ai danni dei “falchi della Lessinia” di mister Francesco Corazzoli. Luccica il fantastico “poker caraibico” azzeccato da Alexandar "Sascia" Pesic (capocannoniere del girone con 12 reti), accompagnato dall’urlo del compagno di squadra pastrenghese Ronconi. Per i bianco-granata di Damiano Tommasi ha gonfiato la rete il 1996 Davide Vallicella, ex Valpolicella.   

E’ la domenica della riscossa delle “Cenerentole”: il Malcesine va a fare la voce grossa – udite, udite! – al “Lorenzo Bellamoli” di Poiano: 0 a 3 per gli alto-gardesani di mister Marco Martini, con reti di Luciano, Giordano Termine, classe 1983, e del “bocia del ‘99”, Matteo Brighenti. A borgo Milano, giornata da segnare sul calendario per la San Marco della dinasty Romani: 3 a 0 rifilato al Gargagnago e preda tenuta ora a sole 3 tacche di distacco (il rapporto è di 5 punti per i “leoni rosso-verdi borgo-milanesi e di 8 punti la coppia Gargagnago-Valdadige). Padovani e doppia di “Case” Riccardo Mazzi, classe 1994, ex Team S.Lucia Golosine per la rinata speranza del Battaglione San Marco Borgo Milano di mister Emanuele Battocchio.

All’”Adolfo Consolini” di Costermano, 1 a 1 tra la Polisportiva costermanese guidata da mister Daniele Paganotti e la matricola Colà Villa dei Cedri di mister Alessandro Puttini. All’acuto emesso dal giallo-rosso-blu Stefano Mignolli replica, di par suo, il cedrino Andrea Prando, classe 1996, ex CastelnuovoSandrà.

Gli “scoiattolini” del Corbiolo di mister Paolo Mainente battono nella loro “tana” per 3 a 2 il più quotato BureCorrubbio di trainer Raffaele Pachera. Alessandro Vicentini e Gasparini per i valpolicellesi, a fronte degli squilli di vittoria soffiati dentro il corno o le cornamuse da “Masaniello” Manuel Masenelli (1995), Michele Bombieri (1987) e Fabio Girlanda (1992) per i granata del presidente Sandro Zanini.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1282)