ULTIMA - 19/3/19 - VEDIAMO CHI RISCHIA I PLAY-OUT IN 2^ CATEGORIA ..

Girando i campi per assistere a dei recuperi di Seconda categoria ci siamo accorti che molte squadre non erano al corrente del nuovo regolamento di quest'anno per quanto riguarda i play out di questi campionati che dovranno decidere chi retrocederà al Campionato di Terza categoria 2018-2019. Abbiamo quindi interpellato il delegato della FIGC di Verona
...[leggi]

PRIMA PAGINA

27/11/17
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 12^ GIORNATA

IL PAREGGIO “LAUREA”  IL PESCANTINA CAPOLISTA A +4 DALLA COPPIA FORMATA DA LAZISE (STOPPATO IN LESSINIA) E REAL LUGAGNANO (NON OLTRE LO 0-0 COL PASTRENGO). COLPACCIO DEL CONSOLINI, LO IMITA IL CAVAION. COLPACCIO PER LA RESUSCITATA JUVENTINA, IL MALCESINE MANDA IN TILT IL S.MARCO B.M.

Ancora allergici ai pareggi (un rotondo zero nella casella delle ics) PescantinaSettimo e Real Lugagnano, le due concorrenti che, assieme al Lazise, in queste prime 12 settimane dall’inizio della giostra stanno mostrando carattere, voglia di vincere, quant’altro. La capolista rosso e blu, guidata da mister, il lupatotino Gianni Canovo, e presieduta dalla stanza dei più luccicanti bottoni da Lucio Alfuso, non riesce a fare il colpaccio, a disintegrare il nido dei “Falchi della Lessinia”: la trasferta pescantinese termina sul 2 a 2, tutto sommato, noi non c’eravamo, un risultato da non gettare nel bidone della spazzatura.

Stando alla visione del tabellino dei marcatori, è capitan Damiano Tommasi a chiudere la gara, all’89mo, sul risultato di 2 a 2. Il difensore 1985 Filippo Zumerle e bomber Stefano Bonato avevano tenuto sempre alte le quotazioni in Borsa dei pescantinesi. Ma, bisogna pure fare i conti con i padroni di casa, i “falchi” di mister Francesco Corazzoli, lucidi ed esecutivi sotto rete con il 1994 Umberto “I°” “re di Italia (pardon, “re di Lessinia”) Segala, e con il già citato ex Nazionale, ex helladino ed ex romanista Tommasi.

PescantinaSettimo ora a 26 freccette, 4 in più rispetto alla coppia che lo insegue, quella formata da Real Lugagnano e da Lazise. Per i lacisiensi, domenica da dimenticare, perché imbrattata dalla pesante – 4 a 2 – sconfitta patita per mano della volitiva, pugnace Lessinia di mister “Boom Boom” Alessandro Murarolli. Umberto Frassine e “Ronzìo” Tommaso Ronzetti (su rigore e per giunta al 93mo): questi i marcatori per gli “azulgrana del lago di Garda” dello skipper (o bissaro) Alfredo Brunazzo. Doppietta di Ama (Victor Landry, classe 1989)…te stesso come il tuo prossimo…, poi, acuti emessi da Fabio Tezza e dal dominicano Wilkin Cadete per i bianco-giallo-blu del “club della stella alpina”, scuderia  sorretta dal giovane presidente Matteo Guglielmini.

A Lugagnano, il Real di mister, l’onorevole Fabio Di Nicola non riesce ad ottenere lo scalpo del Pastrengo di mister Paolo Brentegani, in forte rimonta dopo l’incertezza accusata nelle prime partite (i “carabinieri con gli scarpini”sono ora sesti, solitari, a quota 20 punti). Al 4° posto appaiati a 21 punti, la coppia A.C. Cavaion di mister Nicola Sabaini e la Juventina Valpantena del giovane fantino Riccardo Olivieri. Le “zebrette” bianco-nere del diesse Michele Carcereri e dei fratelli Malaffo salgono fino a Rivalta di Brentino Belluno e fanno la voce grossa (1 a 3). Firma tutto bomber Giovanni Tosi: tripletta per l’ex pescantinese, classe 1983. Per i valdadigini della famiglia Cipriani e mister Menegotti esulta, gioisce il solo Terra! Terra! Terra!, attraccate, ho visto la Terra…marinai miei!...

A Cassone, il mister (di Riva del Garda) del Malcesine, Marco Martini ci teneva a fare bella figura contro i “leoni rosso-verdi” del San Marco Borgo Milano di mister Emanuele Battocchio, felini ringalluzzitisi dopo i recenti exploit. E, così, gli alto-gardesani bianco-granata conficcano per 3 volte a una la lancia nel costato delle fiere…rionali della famiglia Romani. E, lo fanno, affidando ad Andrea Luciano, punta pugliese, classe 1991, ben due delle luccicanti quanto acuminate lance. La terza è inferta da uno dei fratelli Termine (si ma quale?). Per i rionali borgo-milanesi ultimo posto in classifica solitario, solitario, a 5 punti, sopra, a 8, il solo F.C. Valdadige, e la rete della magra consolazione, griffata da Turiani.

Il bianco-granata, classe 1995, “Masaniello” Manuel Masenelli illude gli “scoiattolini” del Corbiolo di mister Paolo Mainente, perché passati in vantaggio a dispetto e in casa del pericolante Gargagnago di mister Gianni Pierno. Rimedia, sempre nel primo round, il “tricolore” Fiorin…di prato…Alessandro, classe di nascita, il 1994.

L’A.C. Cavaion di mister Nicola Sabaini azzecca il colpaccio, 1 a 2, guastando i “cedri” della Villa di Colà, undici guidato dall’esperto trainer, il villafranchese Alessandro Puttini. Tutti e tre i petardi scoppiano nel primo tempo: Massimo Vicentini e Jurij Brognara fanno festa per i cavaionesi, il centravanti dei “cedrini” Pietroboni aveva illuso non poco la propria scuderia, diretta in prima persona dal massimo dirigente Gianluca Montresor. Colà Villa dei Cedri ora quart’ultimo, a quota 10: il medico al loro capezzale ce l’hanno già i giallo-verdi della frazione di Lazise: è “Buondì” Leonardo Motta, classe ’90, medico. Ma, non bastano ricette e prescrizioni particolari da somministrare ai propri compagni: basterebbe qualche gol in più, ordinato dal giovane specialista in Medicina e Chirurgia, o no?, cosa ne pensate?

Al resort di Castelrotto di Negarine di San Pietro in Cariano, patria del BureCorrubbio, passa la Pol. Adolfo Consolini di mister Daniele Paganotti: 0 a 1 e a castigare l’undici guidato dall’ex mancino del Lazise di Prima categoria, Raffaele Pachera, ci pensa – ironia della sorte!!!, un suo omonimo: Pachera (massimo dello sportivo sberleffo). Già, proprio Pachera, non un altro. Pachera, cognome di persona molto diffuso nell’area Garda-Baldo che stavolta di nome fa Andrea. Ma, così è la vita, guai ad opporsi!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1304)