ULTIMA - 21/1/19 - GLI ACCOPPIAMENTI DELLA COPPA DELEGAZIONE DI VERONA

Si è chiuso ieri il 1° turno della Coppa Verona 2018-19 riservata alla formazioni di Terza categoria, denominata “Memorial Gianni Segalla”, che ha visto il passaggio ai quarti di finale delle prime classificate dei 7 gironi, Lessinia, Saval Maddalena, Borgo Trento, Dorial, Gazzolo 2014, Roverchiara, Ausonia Calcio e la migliore seconda classificata
...[leggi]

PRIMA PAGINA

22/1/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI ECCELLENZA – 18^ GIORNATA

IL “VILLA” CADE NEL…POZZONOVO, CALDIERO A -4! RISVEGLIO DEL TEAM CONTRO IL SONA, IL DERBY AL MONTECCHIO, “BELFIO” COL VERDE A SAN MARTINO.
 
L’ancora capolista Villafranca cade per 0 a 1 all’ombra del “castello delle sfogliatine”, ma questa volta più fragrante degli azulgrana di mister Alberto Facci si rivela la compagine padovana del Pozzonovo di mister Massimiliano Sabbadìn. E’ capitan Matteo Polato, classe 1987, a trovare lo spiraglio giusto per infliggere la terza sconfitta stagionale alla “regina” del girone “A” di Eccellenza veneta, il “Villa”, appunto, ora a + 4 su chi la insegue più da vicino, il Caldiero (il rapporto è di 37 a 33 per i “castellani” del presidente, il taciturno quanto schivo ai fari della ribalta, l’imprenditore Mirko Cordioli).
 
I “termali” sfatano a Bardolino una tradizione a loro avversa: cioè quella di fare punti ogni volta si misurano con i “giallo e blu del lago”: 0 a 1 e per i giallo-verdi di mister Cristian Soave, classe 1974 (coetaneo del presidente Filippo Berti), ex punta di Portogruaro, Pordenone e Trentino 1921, fa la differenza, su rigore, l’ex Legnago Salus, il classe 1991, Lorenzo Zerbato, al suo ottavo sigillo stagionale.
 
Riprende a fare punti, dopo un lungo digiuno – più quaresimale che natalizio – il Team Santa Lucia Golosine: al Sant’Elisabetta, gli “aquilotti” bianco e blu di mister Marco Tommasoni macinano, 3 a 0, la matricola Sona del pastrenghese coach Beppe Brentegani, l'ex di turno. E, lo fanno, affidandosi ai precisi arcieri Marco Raimo, classe 1995, Andrea Mantovanelli (1997) e l'ex Hellas Verona Terence Badu. Team, che si riprende da tanti carboni amari trangugiati negli ultimi mesi, e con bomber Emilio “Eliseo” Brunazzi, miglior bomber biancoblu, che si è alzato dalla panca solo a un quarto d’ora alla fine.
 
A Valgatara, il “Barça della Valpolicella” guidato da Jody “Scheckter” Ferrari tenta di addomesticare – 1 a 1 – la più quotata U.S. Provese di mister Paolo Beggio; i rosso e neri della frazione di San Bonifacio, sotto per via dello spunto di Marco Marchesini, ex Sona Mazza, classe 1999, riescono a salvare la pelle al 93mo quando il borgo-triestino, “tartaruga” Matteo Rambaldo, ex Ambrosiana ed ex Caldiero, supera l’estremo nonché gigante tra i pali Massimiliano Quintarelli da Fane di Negrar, classe 1998, ex Ambrosiana.
 
Il Vigasio del “presidente-Ford” Cristian Zaffani, alla sua stella da presidente, ce la fa a uscire incolume dal fortino del Cartigliano, squadra alto-vicentina molto più muscolare rispetto ai “Guerrieri del Tartaro” vigasiani. La sfida termina sull’1 a 1, con la botta del centrocampista biancazzurro Riccardo Comarìn, classe 1998, e la risposta dei veronesi con il 1996 ex Chievo Michelangelo Bertoldi. Vigasiani, che impugnano il timone della graduatoria, nell’esatto centro-classifica riconducibile ai 26 punti mentre i locali scalano al 3° posto agganciati dal Montecchio Maggiore.
 
Il derby tutto vicentino, quello disputatosi allo “Stadio dei Fiori”, tra il ValdagnoVicenza del presidente Carlo Maria Cosa, classe 1959, imprenditore di successo che si divide tra famiglia, impresa, passione per le moto e il “fubal”, e il Montecchio di “patron” Romano Aleardi, ebbene, il derby termina con la vittoria dei bianco-rossi montecchiesi, complice il gol all’incontrario firmato dal 1989 Ciro Aliberti. A Vigonza padovana, l’undici patavino di mister Giuseppe Camparmò non riesce a fare scacco matto – 1 a 1 – all’EuroMarosticense di mister Ezio Glerean. Per la Vigontina illude Michieli, perché è il 1990 Nicola Tomasi a negargli la gioia del tiro da 3 punti.
 
La Belfiorese del caldierese trainer Roberto Maschi maramaldeggia, 1 a 3, in riva al Fibbio, territorio amico del San Martino-Speme di mister Pippo Damini. Segnano tutti i pezzi da novanta della “Belfio”, da bomber Paolo Camparmò a Franco Balla…con i lupi Ballarini (ancora su rigore la punta italo-argentina), a Emanuele Volpara, classe 1987, ex Genoa (una presenza in B con i “grifoni”) del presidente Preziosi, ex Alessandria, Montebelluna, ex tanta serie D ed Eccellenza, oggi impiegato a Fontaniva di Pd in una struttura che assiste i malati di autismo, affetti dal morbo di Asperger. Alle spalle del Caldiero, a 31 punti troviamo ora la coppia Montecchio Maggiore-Cartigliano.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1074)