ULTIMA - 19/1/19 - LA VIRTUS VERONA RIABBRACCIA MASSIMO GOH N'CEDE

L'attaccante scuola Juventus classe 1999, dopo essere stato uno dei protagonisti lo scorso anno della promozione in serie C dei rossoblu di mister Gigi Fresco con 7 reti realizzate in 30 partite disputate, nella giornata di ieri ha firmato un nuovo contratto con il sodalizio rossoblu che lo legherà ai virtussini fino al 30 giugno 2020. Goh, che
...[leggi]

PRIMA PAGINA

5/2/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 20^ GIORNATA

INCREDIBILE 4° POSTO DEL MALCESINE! PESCANTINASETTIMO SEMPRE PIU’ “WANTED”, E SEMPRE A +6 SU PASTRENGO E REAL LUGAGNANO. IL VALDADIGE VINCE A COLA’ E LO LASCIA A +5. RISVEGLIO DELLA JUVENTINA A BURE, IL LAZISE, “ORFANO” DI LORENZO PINAMONTE, NON VINCE A GARGAGNAGO, IL CAVAION RIMONTA A COSTERMANO.

Continua a difendere in maniera strenua sia la leadership che l’etichetta di “wanted number one”, che di solito se l’appiccica chi non vuole saperne di cadere in terra nemmeno per una volta. E, il PescantinaSettimo del trainer lupatotino Gianni Canovo e del presidente Lucio Alfuso è come Ercolino sempre in piedi, quel personaggio di gomma che sembra cadere da un momento all’altro, ma che è capace invece di sorprendersi con le molteplici rialzate.
 
A dire il vero, i rosso e blu pescantinesi il fango, l’onta di una sconfitta non l’hanno mai conosciuta proprio perché in terra non ci sono mai andati. Ieri, sofferto colpaccio – 2 a 3 – a borgo Milano, in casa della “maglia nera” di questo girone “A” di Seconda Categoria, il San Marco Borgo Milano della famiglia Romani e di “Ferguson” Emanuele Battocchio. L’ex sanzenate, il classe 1996 Matteo Feroni, e Franchi: ecco i due graffi mollati da due leoncini rosso e verdi borgo-milanesi. Per la capolista, ribadiscono l’aurea regale il mozzecanese Simone Bonetti (1985) e i due Zumerle, Filippo e Giacomo, 1985 il primo dei due “apostoli” di mister Canovo, e 1988 l’altro discepolo pescantinese.
 
Dietro, alita sempre la coppia degli inseguitori, quelli che rincorrono a quota 40 punti, e cioè il Pastrengo e il Real Lugagnano. I “carabinieri con gli scarpini” di mister Paolo Brentegani stravincono per 0 a 4 a Corbiolo, contro i coraggiosi e molto volonterosi “scoiattolini” bianco-granata di mister Paolo Mainente. Le reti? Sono a firma in calce di Pietropoli (l’ex Bardolino Denis, classe 1996), del coetaneo ed ex Caldiero Alberto Ronconi, di Andrea Pignato e di bomber "Sasha" Pesic, ex Nogara ed ex Alba Borgo Roma.
 
Al “Guglielmi”, una sforbiciata, una pennellata di..”Nero” Nicola Giardini, ex crozzino della classe 1986, consente ai rosso-neri real-lugagnanesi del presidente ed “homo bono” Sergio Coati di liberarsi dell’ostacolo Lessinia, passato in settimana nelle mani del navigato coach Pietro Gelmini. Tre punti con fanno ancora sognare i rossoneri di mister Fabio Di Nicola.
 
Quarto storico posto a 31 punti per lo straordinario Malcesine d’annata: i bianco-granata alto-gardesani, sull’impronta data loro dal mister di Riva del Garda, Marco Martini, continuano a far punti e a mietere vittime. Ieri, sul sintetico di via Sommavilla, a Cassone, 2 a 0 insindacabile, incontestabile ai “falchi della Lessinia” del Sant’Anna d’Alfaedo di capitan Damiano Tommasi. Le reti recano il Dna di uno dei gemelli (Davide o Matteo?) Brighenti, più quello di Nicola Zanotti, classe 1990.
 
Dietro al Malcesine, sbuffa a 30 punti, la coppia Lazise-Cavaion: i lacisiensi, privi di Lorenzo “Il Magnifico” Pinamonte, ex Bristol, Novara e Lumezzane, non riescono a passare a Gargagnago, dovendo accontentarsi della spartizione del bottino (1 a 1). Il tentativo di mettere le mani sul bottino il Lazise del bissaro Alfredo Brunazzo l’hanno fatto: con il 1994 Nicola Pezzini. Ma, non hanno poi fatto i conti con l’oste di turno, il “tricolore valpolicellese” nonché ex Garda ed ex Bussolengo, Moamed Sesay, lanciato da mister Gianni Pierno al posto di Alessandro Fiorin (1994), e rivelatosi vero asso della manica dell’ex trainer di Real San Massimo e del Real Lugagnano.
 
Anche l’A.C. Cavaion non riesce nel colpaccio all’”Adolfo Consolini” di Costermano: la tenzone si materializza sulla botta dell’ex PescantinaSettimo, il classe 1980, Simone Bersani, e sulla risposta di par èco data dal 1994 Elia Turrina. Sugli impianti di Località Madonna, il Colà Villa Cedri di mister Alessandro Puttini viene impallinato dall’F.C. Valdadige di mister Marzio Menegotti proprio quando l’arbitro aveva in bocca il fischietto per soffiare il triplice fischio finale. Il mattatore valdadigino, lo “spremitore dei cedri” giallo-verdi è il classe 1995 Mattia Donatelli. Colà Villa dei Cedri, penultimo a quota 16, a +7 dal San Marco B.M., a 2 dal Lessinia, a -5 proprio dall’F.C. Valdadige della famiglia Cipriani.
 
Al resort di Castelrotto di Corrubbio di Negarine di San Pietro Incariano, il BureCorrubbio di mister Raffaele Pachera scivola per 2 a 3 al cospetto di una risuscitata Juventina Valpantena di mister Riccardo Olivieri. Vale la doppia di “a caval…Donati” – Alessio, classe 1989, avanti burecorrubbiese - …non si guarda mai in bocca, ma, i canini dei bianco-neri poianesi sono molto più aguzzi di quelli dei valpolicellesi.  Mordono, cioè, più a fondo, soprattutto, quelli di Giovanni Tosi (doppia per l’ex pescantinese, classe 1983), e l’incisivo mostrato da Stefano Ferrarese, classe 1981, bomber anche lui ex PescantinaSettimo.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1049)