ULTIMA - 23/3/19 - MICHAEL DE SANTIS (ROSEGAFERRO) CREDE NELLA SALVEZZA

Domani si gioca al 26^ giornata dei campionati dilettantistici veronesi dove comincia ad infiammarsi la lotta per il titolo e per non retrocedere. In Seconda categoria quest'anno retrocederanno solo due squadre per girone quindi i play-out vedranno impegnate solo la 14^ e 15^ squadra classificata, da questo scontro uscirà la squadra che sarà
...[leggi]

PRIMA PAGINA

12/2/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 21^ GIORNATA

IL NOGARA BATTE L’ISOLA RIZZA E GLI VA A -1. LA PRO SAMBO “CORSARA” A MONTECCHIA DI CROSARA, IL CASALEONE SBRANA IL LONIGO, LA SCALIGERA SI RIALZA A POZZO. IL VALTRAMIGNA AVVELENA IL BEVILACQUA, IL COLOGNA RINCORRE L’ATLETICO CEREA, IL TREGNAGO FREDDA IL S.GIOVANNI ILARIONE.

Una domenica, ultima di Carnevale, con fumogeni, stelle filanti e coriandoli di varia quantità e di sicure emozioni. Il Nogara di mister Walter Bampa, in riva al basso Tartaro, fa suo – 1 a 0 – il big match della 21ma giornata dell’agguerrito, combattutissimo, incerto girone “B” di Prima categoria, quello aggiudicatosi a spese dell’ancora legittima capolista A.C. Isola Rizza (41 i punti dei “biancazzurri del Piganzo” contro i 40 dei nogaresi) allenata dal serio quanto preparato trainer Stefano Sacchetto. Mattatore è il virgiliano Diego Grigoli, ex Primavera del Mantova, uno dei “4 moschettieri” giunti dalla terra, un tempo illuminata dai Gonzaga: Dieguito è classe 1992, e in compagnia è davvero un grande compagnone!
 
Al terzo posto, a 38 carati, brilla l’A.C. Cologna Veneta di mister Salvatore Di Paola: in riva al Guà, agli impianti sportivi di via Rinascimento, 1 a 1 dei “giallo e blu del mandorlato” del presidente-commercialista, l’ex a lungo calciatore colognese Renato Martinelli, messi a confronto della buona matricola Atletico Cerea di mister, l’italo-argentino Luis Gustavo Passera. I ceretani – con nel cuore per chi ha avuto modo di conoscerlo e di amarlo il lutto per la scomparsa del maggior ceretologo, il prof. Fabrizio Bottura (funerali solenni oggi pomeriggio nel Duomo di Cerea, a partire dalle ore 15.00 – passano in vantaggio grazie all’”eterno” Luca Vecchiato, l’ex eroe nogarese. Ma, è bomber Fabio Sinigaglia, dall’alto della sua grande esperienza, a fare pari e patta.

Va male, invece, all’SSD Valdalpone, incappato nella sua Montecchia di Crosara in una sconfitta che nessuno degli addetti ai lavori, sinceramente, si aspettava (non ce ne vogliano, per carità di Iddio, i meritevoli vincitori della Pro Sambo di mister, il belfiorese bancario-commediografo vernacolare Marco Burato). Ma, siamo convinti che scoccia sempre a tutti perdere in casa, davanti al proprio caloroso pubblico, e per giunta su calcio di rigore (non possiamo giudicare se ci fosse, visto che non eravamo presenti); che il 1988 Fabio Lima Da Silva trasforma, a una mezz’ora ancora da giocare. Ciononostante, la Pro Sambo prosegue la sua corsa verso una poltrona play off, che passerà anche dal prossimo incontro casalingo, quello contro l’avvelenatissimo Bevilacqua.

Bevilacqua che, partito alla grande, si è poi bloccato da gennaio 2018 fino ad adesso. Mister Mirko Dalle Ave le sta studiando tutte, pur di dare un cambio di passo e di inoculare nuovamente una mentalità vincente ai suoi grigio-rossi, ora quart’ultimi a 22, a braccetto dell’A.C. Zevio, e con due ex CastelbaldoMasi di sicuro valore: lo “stantuffo” Riccardo Pigaiani e bomber Daniele Galassi. Per la cronaca, ha maramaldeggiato – 0 a 3 – la simpatica quanto umile compagine dell’altrettanto umile presidente bianco-rosso cazzanese, Lucio “IV” Castagna, ovvero il Valtramigna del nuovo goleador Stefano Giannello (classe 1991, ex Pro San Bonifacio), autore del decisivo bis. Poi, anzi prima, l’ha cacciata dentro il 1991 Dramane Compaore.
 
Continua ad affiancare, ora a 32 freccette, il Valtramigna Cazzano del diesse Federico Bovi il Casaleone del coach Pippo Crivellente: ieri, i casa leoncini hanno sbranato per 3 a 1 il Lonigo di mister Martinello; in rete, i biancazzurri basso-vicentini, con il difensore 1991 Matteo Fracasso. Al “bingo” per i giallo e blu del massimo dirigente casaleonese Marco Faella, bomber Luca Pasquali (su rigore), il minerbese “Sky” Alessandro Guerra e il 1996 Luca Lorenzetti.
 
All’”Eliseo Zendrini”, i Boys Buttapietra del bravo mister Paolo Novali battono per 2 a 0 l’A.C. Zevio di mister Francesco Marafioti. Luca Miglioranzi, imitato in seguito dal sempre più cannoniere Valerio Manzini regolano la pratica zeviana e si portano a un solo punto dall’Atletico Cerea, noni a quota 25 punti i bianco-granata ceretani.
 
Al “Nicola Pasetto”, l’A.C. Pozzo del presidente Roberto Praga e di mister Stefano Paese scivola nel suo imbuto che conosce bene: passa, 0 a 1, la rinata, mai rassegnata Scaligera del pluridecorato mister, il dottor nonché milanista impenitente Claudio Sganzerla. E’ ancora il giallo-rosso, l’ex sangui-venerabile Andrea Girardi, classe 1992, a servire su un piatto d’argento i 3 punti d’oro per poter continuare a sperare nella salvezza.
 
All’”Antonio Perlato”, l’A.C. Tregnago del presidente Eugenio Mazzocco e guidato da mister, il barlettano “Re” Andrea Defazio, supera, 2 a 1, grazie alla doppietta griffata da Luiz Henrique Herber (1996), il San Giovanni Ilarione di mister Sereno Ferrari. I san giovannei pervengono all’illusorio pareggio grazie all’esperto Giorgio Nardi. Ma, nulla possono fare contro un Herber, davvero in giornata di grazia! Tregnago a fare da perfetto ago della bilancia con i suoi 31 punti e l’8° posto, San Giovanni Ilarione quint’ultimo, ex aequo dell’A.C. Zevio, a 22 freccette.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1218)