ULTIMA - 23/1/19 - LA VIRTUS VERONA CEDE CONTRO LA CAPOLISTA PORDENONE (1-2)

Per l'ennesima volta la Virtus Verona di mister Gigi Fresco viene beffata nei minuti finale della partita dopo essersi battuta alla pari contro la capolista incontrastata del girone B di serie C, il Pordenone di mister Attilio Tesser. A decidere la sfida a favore dei neroverdi friulani è stata una rete del 38enne Emanuele Berrettoni, ex Hellas Verona,
...[leggi]

PRIMA PAGINA

12/2/18
PUNTO SUL GIRONE "C" DI SERIE D - 23^ GIORNATA

LA VIRTUS VECOMP GETTA AL VENTO LA VITTORIA (1-1) MA RESTA AL 2° POSTO, BUON PARI PER IL LEGNAGO IN CASA DELL'ARZIGNANO (2-2). PRIMI 3 PUNTI DEL 2018 PER L'AMBROSIANA A TAMAI (0-1)

Grande delusione per la Virtus Vecomp che ad Adria "Gavagnin-Nocini" pareggio per 1 a 1 subendo il pareggio dei locali nei minuti di recupero. Primo tempo che vede i rodigini locali di mister Mattiazzi timidamente alla ricerca del gol e soprattutto in contropiede con Giacomo Marangon mentre la Virtus impensierisce più volte il portiere locali Motti che si supera prima su Manarin e poi sul colpo di testa di Massimo Goh N'Cede a botta sicura. da segnalare anche due punizioni di Fabio Alba fuori di poco. I rossoblu di mister Gigi Fresco vanno negli spogliatoi sullo 0 a 0 ma in vantaggio ai punti. Molto più vivace la ripresa che vede il vantaggio dei rossoblu ospiti al 15° con Paolo Grbac che viene atterrato in area da Ballarin e si guadagna il rigore che Fabio Alba trasforma con sicurezza. I bianco-granata hanno una rabbiosa reazione ma i rossoblu sono sempre pericolosi in contropiede e sfiorano il raddoppio con Alberto Cattivera che non capitalizza una colossale occasione gol. Ecco quindi che al 92° arriva il pareggio dell'Adriese con Rosati che sfrutta al meglio l'ennesimo assist dell'imprendibile Marangon. Domenica prossima i rossoblu ospiteranno al "Gavagnin-Nocini" l'Union Feltre che ieri ha vinto in casa contro il Montebelluna per 1 a 0.

Buon pareggio del Legnago ieri al “Dal Molin” per 2 a 2 contro l'Arzignano di mister Vincenzo Italiano, terza forza del girone C. Con questo prezioso punto il Legnago di mister Manuel Spinale aggancia il Tamai al decimo posto in classifica con 28 punti, andando a +4 dalla zona play-out. Dopo un primo tempo con poche emozioni la gara si infiamma nella ripresa con il Legnago in vantaggio al 5°: corner di Taylor per Cardamone che crossa, il portiere Dani respinge e Zanetti indacca l'1 a 0 biancazzurro. All'11° l’arbitro concede un rigore generoso ai locali per un presunto fallo di mano di Raimondi e dal dischetto Maldonado mette dentro l'1 a 1. Al 23’ seconda ammonizione di Rizzo per fallo su Odogwu e cartellino rosso. Il Legnago rimane in 10 ma poco dopo anche l’Arzignano subisce l'espulsione del portiere Dani che anticipa Vita con le mani fuori area e si becca il rosso. Batte la punizione l’ex Marchetti con la palla che finisce all’incrocio dei pali per il 2 a 1 del Legnago. sembra fatta ma al 41° Casagrande con un tiro dal limite insacca il 2 a 2 dei vicentini. Il Legnago nel finale ha tre occasioni con Peinado, Marchetti e Torri, ma il risultato non cambia. Domenica prossima il  Legnago ospita il glorioso Mantova che ieri ha perso a sorpresa in casa 0 a 1 contro il Delta Rovigo.

Arrivano finalmente i primi tre punti tanto attesi nel 2018 per l'Ambrosiana di mister Tommaso Chiecchi che va ad imporsi in casa del Tamai 0 a 1 con un gol segnato da Cesar Pereira nella ripresa ad un quarto d’ora dalla fine su rigore. Ora i rossoneri del presidente Gianluigi Pietropoli sperano di ripetersi domenica prossima sul proprio campo quando ospiteranno la Clodiense che ieri non è andata oltre lo 0 a 0 casalingo contro il Cjarlins Muzane, entrambe ora appaiate a 24 punti a -1 proprio dai rossoneri veronesi al doppio sorpasso ieri. Tornando alla gara di ieri, bella vittoria in casa dei friulani di Mister Bisioli che avevano raccolto 7 punti nelle ultime tre partite. L'andata, che si era chiusa sul 3 a 3, preannunciava fuochi d'artificio, invece si è visto un 1° tempo piuttosto bloccato, con le squadre attente sopprattutto a non prenderle. La ripresa si apre con il gol del Tamai con Maccan ma il signor Bianchini di Perugia annulla per fuorigioco. Al 33° l'episodio che decide la gara. Contatto in area di rigore fra Poletto e Testi giudicato irregolare dal direttore di gara. Sul dischetto va Cesar Pereira che spiazza il numero uno locale Zonta e insacca il suo 10° sigillo stagionale. Il Tamai ha una bella reazione e un minuto dopo Maccan colpisce di testa ma la passa si stampa sulla traversa. L'ultimo pericolo per i rossoneri arriva al 42° con una punizione pericolosa che Cecchini sventa.

Nelle altre gare in programma ieri, valide per la 23^ giornata di campionato, il Campodarsegoha battuto 2 a 0 il Belluno, il Calvi Noale cade in casa 0 a 1 contro la Liventina e l'Abano è stato travolto in casa dall'Este (0 a 5). Il Campodarsego comanda con 51 punti davanti alla Virtus Vecomp che è ora a -3 dalla vetta con 48 punti, l'Arzignano Valchiampo è terzo a 45 punti. Quarto con 41 punti c'è ora l'Este che scavalca il Mantova fermo a 40 punti e seguito dall'Union Feltre a 38 punti. L'Ambrosiana è ora 12^ con 25 punti mentre si allontana dalla zona a rischio con 28 punti anche il Legnago, al 10° posto a +4 dai play-out. Dietro sempre penultimo il Calvi Noale fermo a 17 punti davanti all'Abano fermo a 16 punti.

la redazione di www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(566)