ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

PRIMA PAGINA

12/3/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI PROMOZIONE – 24^ GIORNATA

GIOVE PLUVIO CANCELLA IL BIG MATCH GARDA-OPPEANO ED ALBARONCO-LUGAGNANO. IL CASTELBALDOMASI METTE IN CROZ LA ZAI, RAGGIUNGE AL 3° POSTO S.G.LUPATOTO E OPPEANO E INANELLA L’11° RISULTATO UTILE CONSECUTIVO. VICE-REGINA E' ORA L’AURORA CAVALPONICA, VIRTUS POLI-VITTORIOSA A CAPRINO!

Una testa della classifica del girone “A” di Promozione veneta mnadata in tilt dalla pioggia, caduta piovosa in tutti i campi del Veronese. Infatti, non si è giocato a Garda il big match della 23ma giornata, quello che avrebbe dovuto mettere di fronte i rosso e blu del mantovano trainer Paolo Corghi e il lanciato Oppeano di mister Stefano Ghirardello. Le due squadre restano con l’asterisco della gara da giocare e non giocano da 3 settimane.
 
Resta invariata sostanzialmente anche la parte alta della graduatoria, con i gardesani ancora primi a 40, inseguiti da un plotoncino di aspiranti alla conquista del titolo guidato ora dall’Aurora Cavalponica di mister Flavio Carnovelli, a -3, e cioè a 37 freccette, ma con una gara in più, quella vinta ieri dalla squadra di capitan Simone Romellini a San Gregorio di Veronella per 2 a 0 contro l’Alba Borgo Roma di mister Gianfranco Brendolan, con reti di Moro e del 1999, ex ArzignanoChiampo, Nicola Cicolìn.
 
Spunta nel gruppo delle inseguitrici il CastelbaldoMasi del ferrarese trainer Giuseppe Conti: ieri, al “Donato-Smanio”, sotto una pioggia che non ha finito mai di cadere – alla pari della gara-spettacolo offerta ai coraggiosi ed infradiciati spettatori dagli attori in campo di entrambe le fazioni in lotta - le “tigri bianco-rosse” della bassa padovana di “patron” Michele Ottoboni – ospite alla sera di un’emittente patavina, a raccogliere consensi e a rilasciare proclami ambiziosi – hanno inanellato l’11mo risultato utile consecutivo e si preparano così nel miglior dei modi alla trasferta in programma domenica prossima 18 marzo, quella di Oppeano.
 
E, ritroveranno il suo bomber più prolifico, tal Daniele Petrosino, il quale punta non solo alla porta avversaria, ma anche al podio di capocannoniere insidiato dal gardesano Jeronimo Soares e dal “leone del Magrebh”, il caprinese Mohammed Rkaiba. Partita – dicevamo – ricca di emozioni, con vantaggio crozzino a firma di Nikola Filipovic, orfano ieri del compagno di reparto, l’albanese Gezim Tellosi. Poi, si scatenano le “tigri” grazie a un travolgente Alex Montagnani, il “Dobrinko di Boschi Sant’Anna”, autore del rigore che si è procurato e che poi ha lui stesso trasformato, e del raddoppio. Infine, il neo-entrato Andrea Attolico, classe 1985, odontoiatra ferrarese, griffa il 3 a 1 finale.
 
Applaudito molto sportivamente dalla tifoseria locale l’estremo crozzino Tommaso Bonfadelli (1988), autore di numerosi e spettacolari interventi, che l’hanno sfinito, al punto di chiedere il cambio con Giuseppe Foti. Eroico anche il collega bianco-rosso locale Alessandro Cattozzo da Rovigo, classe 1997: non ha ceduto all’avvicendamento con il 1993 Guido Pozzan, quando un infortunio lo aveva messo nel primo tempo a dura prova circa la sua possibilità di continuare a vigilare tra i pali. Sugli scudi i giallo e blu di via Lussemburgo Francesco Pellegrini (ammonito), John Promise (profugo arrivato pochi anni fa col barcone ed ex Edera e Lessinia), il metronomo Francesco ing. Paiusco, questi due sono ex Ares Calcio Vr. Rosso, per doppio giallo, comminato a Karim Twill, il quale diserterà il match prossimo, quello che si giocherà al “Meneghello”, contro la forte Aurora Cavalponica. Per i “castellani”, applausi a scena aperta per “El Monta”, ma anche per il playmaker Mattia Facci, ed impeccabile la “bandiera” Luca Vallese, classe 1983.
 
Ma, tutti, vincitori e vinti, ripetiamo, hanno gettato – su un campo dove non era concesso di giocare col fioretto - il cuore oltre l’ostacolo, non risparmiandosi nulla, e rincuorando alla fine mister Doriano “Il Ghepardo” Pigatto e il suo fido diesse Germano Pistori, tutt’altro che affranti (non sono certo queste per la Croz Zai le gare da vincere!), alla fine della gara molto sportivi – come sempre – e soddisfatti per la prestazione generosa offerta dai suoi ragazzi, ora quart’ultimi a 27, in quanto consapevoli di essere stati messi di fronte a una squadra dai grossi calibri, di ben altro cabotaggio e di fini diametralmente opposti alla salvezza.
 
Al “Giobatta Battistoni”, imprevista battuta d’arresto casalinga per il San Giovanni Lupatoto di mister Andrea Sirio Manganotti e del presidente Daniele Perbellini, sgambettati per 2 a 3 da una rediviva Seraticense di mister Luca Cortellazzi. Le “tigri giallo-nere” vicentine “consentono” ai lupatotini soltanto i guizzi vincenti degli straordinari avanti Nicola Avesani e Santhos Corazza, dedicandosi ai centri azzeccati in pieno dal 1998 Jacopo Castegnaro, dal 1990 Andrea Borotto e dal maturo (1981) difensore Simone Borriero.
 
Si allunga la striscia positiva della Polisportiva Virtus di mister Alberto Baù. Ieri, 2 a 3 per i rosso e blu del presidente Marcellino Posenato, a Caprino, in una sorta di match della salvezza; che, alla fine, ha registrato l’operazione aggancio in classifica perfettamente avvenuto da parte dei borgo-veneziani, in rete con “trottolino” Paolo Forgia, classe 1999, ex Hellas Verona, col il 1995 Ettore…”Ministro dell’Economia” Padoan, preceduto, questi, da “Giuseppe” “Pino” Brizi. Parente, forse, dello sculettato (1968-69) calciatore della Fiorentina anni ’70, il cui figlio oggi è un valente avvocato… (!?!). Per la Montebaldina, segna il solo “bomber del Baldo-Garda”, Emanuele Bagata, classe 1983. doppia per lui, anche su rigore!
 
Sempre in positivo le “libellule” del Povegliano. 1 a 1 nella loro “tana”, contro il Longare Castegnero di mister Alessandro Sgrigna. E’ l’ex poli-virtussino Gilbert “Becau” Cadete, classe 1989, ad artigliare il pari sul fotofinish, togliendo ai vicentini la soddisfazione del colpaccio maturata dopo il gol del vantaggio realizzato da “Gelindo” Kevin, classe 2000, biondino dal passo svelto e dal dribbling facile, fortissimo davvero, e di cui certamente ne sentiremo parlare a lungo!

Infine, non si passa al parrocchiale e chissà ieri in quali condizioni disastrose versava il campo sportivo di Cadidavid: 1 a 1 tra i bianco e blu di mister, il pluripremiato, il pluri-vincitore di campionati Fabrizio Sona e il Badia Polesine di mister Ricci. Botta della vecchia volpe d’area, l’albanese Erjon Dervishi (1983), risposta di pari èco ed intensità da parte del cadidavidese Nicolò Dolci, un terzino-goleador all’Antonio Cabrini datato 1990, non nuovo a simili ed importanti acuti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1981)