ULTIMA - 24/5/19 - FABIO BRUTTI (CALDIERO): "LA ROSA NON SARA' STRAVOLTA"

Per il giovane direttore generale del Calcio Caldiero Terme, l'ex portiere Fabio Brutti, al suo 7° anno consecutivo nel direttivo team giallo-verde termale, la società del presidente Filippo Berti è in continua crescita di gioco e risultati: "Sono contentissimo" ci confida Brutti "di come abbiamo giocato quest'anno, facendo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

19/3/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 25^ GIORNATA

IL PASTRENGO RIACCIUFFA IL REAL LUGAGNANO, MA IL PESCANTINA SI PORTA A +8! 4-3 MEXICANO TRA LA JUVENTINA E I “FALCHI”, 3-3 ROBOANTE TRA CORBIOLO E MALCESINE, IL CAVAION SUPERA DI MISURA IL “GARGA”, IDEM LA CONSOLINI SUL S.MARCO. IL LESSINIA IN RIMONTA AGGANCIA IL VALDADIGE IN TRASFERTA.

E’ sempre proprietà dell’ancora imbattuto – unica squadra fra tutte le nostre dilettanti veronesi a esibire un simile quanto straordinario record! - PescantinaSettimo la cima dell’albero della cuccagna (per i bianco-rosso e blu s’intende del presidente Lucio Alfuso e di mister, il lupatotino Gianni Canovo): misura ora 55 punti, contro i 47 vantati, esibiti, millantati dalla coppia delle più immediate inseguitrici, quella formata da Pastrengo e dal Real Lugagnano.
 
I pescantinesi “spremono” i “cedrini” del Colla Villa dei Cedri, appunto, per 3 a 1, lasciando soltanto ai giallo-verdi del lago, guidati da Alessandro Puttini, il gol e la consolazione di intingere nel calice amaro della domenica la briosche del “Buondì” Leonardo Motta, il medico-goleador classe 1990, anche bomber dei colacensi. Infatti, tutto il pallottoliere è pescantinese, per via delle palline mosse dagli scarpini in dotazione al 1998 Matteo Brunelli, al difensore 1985 Filippo Zumerle e al mozzecanese Simone Bonetti (1985).
 
Tiene il passo della capolista oramai fuggiasca il Pastrengo di mister Paolo Brentegani, il quale all’ombra dei propri forti austroungarici supera, con quel tanto che basta, e cioè 1 a 0 (mattatore Denis Pietropli, classe 1991, ex Bardolino), il duro da piegare BureCorrubbio di mister Raffaele Pachera. Non va oltre lo 0 a 0 in trasferta il pari classificato e damigella d’onore Real Lugagnano del presidente Sergio Coati e di mister Fabio Di Nicola: questo a Lazise, dove non ha giocato ancora una volta Lorenzo Pinamonte, classe 1978, ex bomber di Lumezzane, Novara e Bristol, oltre che del Benevento.
 
Tiene bene avvinghiato al petto il 4° posto, il sempre più sorprendente Malcesine del trainer di Riva del Garda, Marco Martini: ieri, per i bianco-granata alto-gardesani un chiassoso 3 a 3 lunghissima nella trasferta a Corbiolo. Tris (ma gol anche su rigore!) dell'avanti classe 1989 Nicola Luttterotti – il Dna calcistico l’ha ricevuto dal padre, bandiera del Calcio Trento, allora in serie C -, non nuovo, Nicola, a scuotere reti avversarie, come le reti care ai pescatori di qualsiasi acqua e di qualsivoglia mare od oceano. Per gli “scoiattolini” corbiolesi di mister Paolo Mainente, bianco-granata pure loro, in rete – non quella dei pescatori, eh, né quella di internet! – l’avanti 1993 Carlo “Magno” Longo, il compagno di reparto, il ’99 Nicolò Spinelli e il centrocampista 1987 Michele Bombieri.
 
Un guizzo sferrato da Nicola “Torace” Talamioli (1986), l’ex crozzino, permette all’A.C. Cavaion di mister Simone Chieregato di staccare il biglietto dei 3 punti a spese del Gargagnago di mister Gianni Pierno. A Rivalta di Brentino Belluno, 1 a 1 invece tra l’F.C. Valdadige di mister Marzio Menegotti e il Lessinia di mister Gianfranco Gelmini e Alessandro Murarolli, con botta dell’avanti valdadigino, il classe 1984 Riccardo Miglioranzi, e replica da parte del solito consumato bomber (1987) Paolo Bicego.

Al “Lorenzo Bellamoli” di Poiano pioggia, meglio, diluvio di reti nel 4 a 3 di sapore mexicano (Italia-Germania: 4-3 nella semifinale vinta dagli azzurri nel 1970 in Messico; gol decisivo dell’abatino, il grandissimo Gianni Rivera, anche “pallone d’oro”), quello tra i bianco-neri della Juventina Valpantena di mister Christian Campagnari e i “falchi” del Sant’Anna del “falconiere” Francesco Corazzoli. Doppietta bianco-nera imbracciata da Giovanni Tosi (al 17° sigillo stagionale), preceduta dagli acuti emessi dall’ex crozzino Leonardo Tommasini (1988) e da Luciano Dierna, mentre per i “falchi” di Damiano Tommasi segna tutte e 3 le reti il solo Simone Benedetti, centrocampista del 1985, in gol ben 16 volte quest'anno.
 
All’”Adolfo Consolini” di Costermano, 2 a 1 per l’undici di casa guidato da mister Massari, a spese del San Marco Borgo Milano di mister Emanuele Battocchio, in cui aveva subito fatto gol l’ex Berretti del Mantova, il 1995 Riccardo Biondani (in contro balzo e da fuori area). Per i locali reti del 1994 Matteo Grigoli e del classe 1989 Emanuele Sometti.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1981)