ULTIMA - 21/1/19 - GLI ACCOPPIAMENTI DELLA COPPA DELEGAZIONE DI VERONA

Si è chiuso ieri il 1° turno della Coppa Verona 2018-19 riservata alla formazioni di Terza categoria, denominata “Memorial Gianni Segalla”, che ha visto il passaggio ai quarti di finale delle prime classificate dei 7 gironi, Lessinia, Saval Maddalena, Borgo Trento, Dorial, Gazzolo 2014, Roverchiara, Ausonia Calcio e la migliore seconda classificata
...[leggi]

PRIMA PAGINA

9/4/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI ECCELLENZA – 27^ GIORNATA

IL CARTIGLIANO BRINDA CON IL…BARDOLINO I +4 DAL “VILLA”. IL CALDIERO BATTE ED AGGANCIA IL MONTECCHIO MAGGIORE AL 3° POSTO, S.MARTINO DI MISURA SUL TEAM, LA PROVESE STINGE IL SONA, LA “BELFIO” IL VIGASIO. POZZONOVO VITTORIOSO A MAROSTICA, VALDAGNO ALL’ULTIMA SPERANZA RAGGIUNTO DALLA VIGONTINA.

La 27ma giornata del girone “A” di Eccellenza registra l’allungo del Cartigliano a spese del Villafranca, ora distante dai berici di ben 4 lunghezze a 15 giorni dal match clou del 22 aprile, penultima di stagione. I biancazzurri del bassanese mister, classe 1973, Alessandro Ferronato, si impongono per 0 a 2 a Bardolino e potenziano la loro leadership grazie ai colpi del giovane centrocampista, meglio “bocia del ‘99” Riccardo “Tommaso” Moro e a bomber Edoardo Di Gennaro, chirurgico nella trasformazione del penalty.
 
Cartigliano sempre più primo a 54 punti, Villafranca che insegue a 50 e ieri non oltre lo 0 a 0 a Valgatara, in casa della matricola guidata da Jody “Scheckter” Ferrari, classe ’84. Tra i pali del “Barça della Valpolicella” ha giganteggiato Massimiliano Quintarelli da Fane, classe 1998, ex Ambrosiana e nel mirino da un paio di stagioni di club di Serie C. Per la gioia del padre Attilio, presidente del “vecchio” Fane Calcio.
 
Al 3° posto, il Caldiero del presidente Filippo Berti perfeziona l’operazione-aggancio a 47 punti col Montecchio Maggiore del coach Davide De Forni (ex trainer delle giovanili anche del Vicenza Calcio), sconfitto ieri proprio dai “termali” di mister Cristian Soave, classe 1974, all’ombra di Giunone per 2 a 0 (marcatori dei giallo-verdi il solo “Conte polesano” Giovanni Guccione, classe 1989).
 
Quinto posto a 45 freccette per la Belfiorese del caldierese, il bancario Roberto Maschi: 2 a 0 ieri in riva al basso Adige a spese del già bistrattato Vigasio di “Puma” Marco Montagnoli. Dell'ex Franco Ballarini e di bomber Paolo Camparmò le due reti belfioresi che mantengono i biancoblu in zona play-off.
 
Sesta a 41 punti l’U.S. Provese di mister, il vicentino Paolo Beggio: 3 a 0 dei rosso e neri della frazione di San Bonifacio, vittima il Sona di mister Andrea Zoccatelli, con i rosso e blu che ultimamente avevano registrato buoni segnali di ripresa. Doppia di Yao Doria, ex lupatotino ed ex Trissino e Valgatara, e rigore trasformato da “Pinturicchio” Luca Avesani, classe ’87, ex Ambrosiana e vincitore di molti gran premi pedatori.
 
In riva al Fibbio, il San Martino-Speme di mister Pippo Damini, in sella sanmartinese dall’estate del 2016, giovane trainer pure lui, supera di misura, 1 a 0, il Team Santa Lucia Golosine, ora penultimo della graduatoria a quota 26, appaiato dal Bardolino, ma primo in fatto – davvero sgradito – di gol subiti: ben 46. Meglio, ma di un solo gol, ha subito il Vigasio sconfitto ieri a Belfiore.

Ci informano che gli “aquilotti” bianco e blu santa-luciani siano capitolati sull’unica conclusione veramente pericolosa scoccata dai bianco-azzurro-neri del presidente Alessandro Sabaini e del diesse, il mitico Pippo Baltieri. Gol impossibile da sbagliare da parte dei rionali su assist procurato da Emilio “Eliseo” Brunazzi e clamorosa traversa scheggiata su calcio di punizione, sempre da parte del Team di mister Marco “ricciolino” Tommasoni. Per il San Martino il “giustiziere” è il caprinese Francesco “Vitel” Tomè, ex Montebaldina, classe ’91, allenatore anche di squadre giovanili.
 
Al “Virgilio Maroso” di Marostica, è il Pozzonovo a fare scacco matto ai rosso-neri alto-vicentini guidato da mister Ezio Glerean: è quel gentleman di bomber, il classe 1981 Enrico Bortolotto a trafiggere l’estremo Paolo De Carli (1984), al termine di una percussione centrale lunga…30 metri. Palo clamoroso del marosticense Massaro e locali che rimangono al quart'ultimo posto con 27 punti.
 
A Vigonza, i padovani della Vigontina San Paolo di mister Beppe Camparmò acciuffano a 5 minuti dalla fine il pari definitivo dell’1 a 1 allo “Stadio dei Fiori” di Valdagno, con il neo-entrato Furlàn dopo che Panarotto aveva illuso i biancazzurri del presidente dottor Roberto Maria Coda. Per l’undici guidato da mister Mario Vittadello speranze di salvezza ora davvero legate al lumicino.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(927)