ULTIMA - 22/1/19 - OGGI VIRTUS VERONA-PORDENONE, LE PAROLE DI MISTER GIGI FRESCO

Il Pordenone dopo il Monza. Calendario beffardo per la Virtus Verona che tre giorni dopo il match del Brianteo incrocia le armi della capolista del girone, reduce da dieci risultati utili consecutivi (oggi, fischio d'inizio ore 18.30). Ecco le parole del presidente allenatore rossoblu Luigi Fresco rilasciate ieri alla vigilia della partita: "A
...[leggi]

PRIMA PAGINA

16/4/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. A) – 28^ GIORNATA

PESCANTINA ANCORA IMBATTUTO, REAL LUGAGNANO E PASTRENGO NON SI LASCIANO, MALCESINE STUPEFACENTE! IN CODA, 0-0 TRA CORBIOLO E COLA’, COLPACCIO CAVAIONESE E SUCCESSO INTERNO BURECORRUBBIESE!

Cucitosi sul petto lo scudetto del ritorno – dopo anni – in Prima categoria, il PescantinaSettimo bada ora a conservare gelosamente – e come non dargli torto? – il primato – rara avis! – dell’imbattibilità e di allenarsi per le finali regionali. Ieri, pescantinesi raggiunti a Rivalta di Brentino Belluno – una volta in vantaggio con bomber Stefano Bonato, classe ‘’92 – dal terzino mancino valdadigino Luca Golfarelli, anche lui della classe ’92. 65 i punti per i bianco-rosso e blu del presidente Lucio Alfuso e del trainer lupatotino Gianni Canovo.

Sono 57, invece, per il primo che accorre, e cioè il Pastrengo di mister Paolo Brentegani; ieri in Lessinia versione “rapinatore” di un bottino alquanto cospicuo: 0 a 3, e reti di Alexandar Pesic, Alberto "Dybala" Ronconi (ex Caldiero, classe ’96) e il 1983 Andrea Pignato. Dietro ai “carabinieri con gli scarpini” pastrenghesi, a -3, ma con una gara ancora da recuperare, il Real Lugagnano di mister Fabio Di Nicola, vittorioso al "Guglielmi” per 2 a 0 secco ai danni della Pol. Adolfo Consolini del presidente e viticoltore – ieri certamente nella bolgia del Vinitaly – Ivano Giramonti. Marcatori rosso-neri: uno solo, e cioè “Skizzo” Stefano Rognini, ex Grezzana e Audace, classe ’89, autore di una bella doppietta.
 
Non si ferma l’onda lunga dell’entusiasmo alle stelle di chi ha il vento in poppa – è proprio il caso di dirlo. Parliamo del mitico Malcesine del mister di Riva del Garda, Marco Martini, bellissimo 4° assoluto a 50 punti – boa ci risulta mai toccata dagli alto-gardesani della famiglia Marchiotto, il mitico Gigi e il figlio Bortolino, detto Lino – e ieri ad inanellare la vittoria n.15 a Cassone, sul sintetico, per 3 a 2, ai danni del Gargagnago di mister Gianni Pierno (in rete i “tricolori della Valpolicella” con Massimo Baggio e con il neo-entrato al posto di Giannone, l’ex Bussolengo Adrian Georgescu, classe ‘85). Per i malcesinesi, invece, gol del figlio d’arte (il padre Piergiorgio è stata un’autentica “bandiera” del Calcio Trento, allora in serie C), il classe ’89 Nicola Lutterotti, raddoppio di bomber Andrea Luciano ed acuto del classe 1990 Matteo Brighenti.
 
Il Cavaion è 4° a 43 punti, frutto anche del colpaccio portato a termine ieri pomeriggio – 0 a 1 – nelle malghe, nella “Repubblica Basca” o della Catalonia dei “falchi della Lessinia” del Sant’Anna d’Alfaedo di mister Francesco Corazzoli. Mattatore è Marco Marzullo, classe ’93, assolutamente non parente, nemmeno alla più lontana – almeno così crediamo – del più popolare uomo di “Mezzanotte e dintorni”, l’avellinese Gigi, classe ‘53.
 
Nessun petardo fatto gioiosamente scoppiare in località Madonna, a Colà, tra il Villa Cedri di mister Alessandro “Gardaland” Puttini e gli ospiti del Corbiolo dell’omologo Paolo Mainente, quint’ultimi a 31, e, quindi, sicuramente bicchiere mezzo pieno per i bianco-granata del presidente Sandro Zanini, i quali agganciano il Consolini, e mantengono a 3 il distacco dai “cedrini” del presidente Gianluca Montresor.
 
Al “Lorenzo Bellamoli” di Poiano, 2 a 2 tra la Juventina Valpantena (marcatori, il 1989 Thomas Bertagna e il neo-entrato Perbellini al posto di di bomber Stefano Ferrarese) e il Lazise (doppia di Tommaso “Ronzìo” Ronzetti, classe 1992, ex Pastrengo, e bentornato, dopo tanto tempo, al paradiso dei goleador!): bianco-neri che difendono la sesta posizione a quota 40 punti, e lacisiensi invece che raggiungono a quota 35 ed all’ottavo posto il Gargagnago.
 
A Castelrotto di Corrubbio di Negarine, 3 a 1 del BureCorrubbio dello skipper lacisiense Raffaele Pachera a spese del già condannato alla sicura retrocessione San Marco Borgo Milano della famiglia Romani, Bruno, di Cagli marchigiano, e Federico, il figlio e diesse dei “leoni” rosso-verdi. Per i quali è andato in gol il solo ’96 Matteo Feroni, ex A.C. San Zeno Vr. Per i valpolicellesi del presidente Massimiliano Zago hanno fatto centro l’88 avanti Fabio Lonardi, il 1985 ed ex Valpolicella Calcio, Federico Vallani, indi, la punta ’89 Alessandro Andreis.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(774)