ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

PRIMA PAGINA

15/10/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. A) – 6^ GIORNATA

QUADERNI INDISTRUTTIBILI, MA IL PESCANTINA E’ SEMPRE LI’! FINALMENTE MONTEBALDINA, LIEVITA L’ARBIZZANO, MEGLIO SE VERSIONE EXPORT. BEN 4 LE GARE FINITE IN PARITA'!

Ancora una conclusione – un mortaio esploso su calcio piazzato – da Francesco Derossi (che sta onorando davvero il suo più celebre calciatore omonimo, capitano della Roma di Eusebio De Francesco), porge su un piatto d’oro il quinto successo – bottino pari a quello dei pescantinesi – alla Pol. Quaderni di mister Nicola Chieppe e presieduta dal più alto scranno da Sara “Ferguson” OIivieri. Quadernesi in testa, da soli, a quota 16, ma tallonati a una solo lunghezza da un PescantinaSettimo di mister Gianni Canovo che non vuole proprio saperne di mollare.
 
Pescantina del presidente Lucio Alfuso, ieri vincitore per 2 a 0 in casa sua ai danni del Valpolicella di mister Gianluca Marastoni, grazie alle frecce velenose scoccate dal mozzecanese – ancora lui! – Simone Bonetti, e dal talentuoso brasiliano classe 1990 Mauricio Salvador…Dalì…, il “Pinturicchio del gol”… Ah, dimenticavamo: Quaderni unica squadra del girone “A” ad non aver ancora provato la prima amarezza della sconfitta, mentre ancora con un tondo zero sulla casella delle gare terminate in pareggio PescantinaSettimo, Valpolicella e Real GrezzanaLugo.
 
Real GrezzanaLugo di mister Antonio Ferronato che sul proprio sintetico – il “Plinio Lonardoni” - ha dovuto inchinarsi, 0 a 1, proprio al cospetto dei “nero-verdi della Postumia” per via del gol già citato di De Rossi. Il Calmasino di mister Alberto Pizzini occupa il 3° posto a 11 punti, frutto anche del pari, 1 a 1, ottenuto al “Guglielmi” di Lugagnano, in casa dell’A.C. Lugagnano di mister, l’avvocato Massimo Gasparato. In svantaggio, i giallo e blu di casa, per la rete messa a segno dal bianco-verde del lago, Alessandro “Il bel” Marai, e rincorso sempre nel primo round dal ’94 Davide Zanoni.
 
Torna il sorriso in casa della Montebaldina e sul volto del trainer caprinese Simone Cristofaletti, dopo il 2 a 1 riportato a spese del Parona di mister “Sir Alex Ferguson” Flavio Marai: ai piedi del monte Baldo, fa la differenza il rientrato “leone del Maghreb”, Mohammed Rkaiba (1989), il quale decide con una sua velenosa zampata a pochi spicci al termine e dopo che la gara stava stagnando sull’1 a 1, in seguito al vantaggio di bomber Emanuele Bagata e all’illusorio pari di Avesani. Nicola, difensore della classe 1995.
 
Al “Manuel Fiorito”, in borgo Milano, 1 a 1 anche tra il Pgs Concordia di mister Luca Righetti da Peschiera e la matricola Real Lugagnano di mister Fabio Di Nicola: il rosso-nero ospite Davide Bertoletti, ex di turno, su rigore, poi, identica risposta, ma non dal dischetto, firmata da Fabio Nicolis che regala il punto ai bianco-viola del presidente Marco Giavoni e del diesse Daniele Buttura.

Al “Meneghello”, anche qui – mannaggia, quanti pareggi! – pari di 1 a 1 tra l’U.S. Croz Zai di mister Doriano “Ghepardo” Pigatto, orfano del difensore centrale Tommaso Ledri, ex casellino ed ex santa-luciano – e l’A.C. San Zeno Vr di mister Piergiorgio Troccoli. In vantaggio, i giallo e blu crozzini su rigore ottimizzato da Francesco Montolli, imbattibile sui calci piazzati da una vita, e pari definitivo a firma di Matteo Lui, pure…Lui…su rigore. Della serie, chi di rigore ferisce, di rigore perisce…

Ancora un 1 a 1, basta!, in Olimpica Dossobuono – guidato ieri da mister Corrado Frinzi perché Matteo Meneghetti è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico – e il Peschiera di mister Cartesan: giallo-rossi di casa ancora “fanalini di coda” a quota 3 punti, ma attaccatissimi al treno della rinascita, e in vantaggio con l’avanti datato 2000, Bruno Pascarella, poi, ahilui!, imitato nella gloria e nell’impresa dal lacustre Opoku.
 
Al “Paolo Maggiore”, un'altra sconfitta di troppo, la numero 3, per quel Pedemonte che solo fino allo scorso aprile 2018 pareva ed aveva spaccato mari e monti: 0 a 1 e il “derby del vino”, rigorosamente da queste parti Valpolicella, va appannaggio dell’Arbizzano del lupatotino trainer Massimiliano Canovo, in trionfo dopo l’acuto pavarottiano emesso dall’avanti Riccardo Manzato. La reazione dei bianco-rossi pedemontani del duo tecnico Stefano Modena-Giorgia Brenzan e del team manager Claudio Farina si concretizza solo nella maniera sua più clamorosa nell’altrettanto clamoroso palo colto dal 1990 Daniel Zamboni.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1980)