ULTIMA - 25/5/19 - IL BASSANO 1903 BATTE IL MONTORIO ED E' CAMPIONE REGIONALE

E' stata una bella partita, quella giocata ieri sera a Montecchio Maggiore, fra il Bassano e il Montorio, calcio valida per il titolo Regionale di Prima categoria. I giallorossi di mister Francesco Maino partono subito forte e passano in vantaggio dopo soli 5 minuti con Cosma, che, su invito di Garbuio, mette in rete con un tiro da sotto
...[leggi]

PRIMA PAGINA

22/10/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 7^ GIORNATA

FINALMENTE VALTRAMIGNA! SQUILLANTE DEBUTTO DI MISTER SIMONE MAROCCHIO A CEREA: 4-0 ALLA PRO SAMBO! LO ZEVIO STORDISCE (4-2) IL BOVOLONE, IL CASALEONE STOPPATO (2-2) DAI SANGUI-VENERABILI, 3^ VITTORIA CONSECUTIVA PER L’ISOLA RIZZA, ANCORA IN CORSA ANCHE IN COPPA OLTRE CHE PER LO SCUDETTO!

Arriva alla 7^ giornata di andata la prima vittoria della stagione per il Valtramigna Cazzano del presidente più “longevo” dei nostri dilettanti, Lucio “IV” Castagna (dirigente bianco-rosso dal 1976: perché, cara FIGC, non insignirlo della stella di bronzo del C.O.N.I.? Cosa aspettiamo?). Ebbene, la ripresa dei cazzanesi la si era già vista domenica scorsa al “Renzo Tizian”, seppure la Pro Sambo, dopo lo 0 a 2 iniziale aveva reagito portandosi alla fine sul 4 a 2 a loro favore.

Ma, bomber Christian Turozzi e soci devono aver fatto quadrato e hanno pian pianino tessuto la ragnatela della riscossa. Che è scoccata, in termini pratici, ieri pomeriggio all’”Emilio Steccanella” di Cazzano, vittima i “cugini” del San Giovanni Ilarione di mister Sereno Ferrari. Insomma, bel sospiro di sollievo per il soavese coach Adriano Laperni, il quale non deve aver trascorso un bel settembre e neppure un bel metà di ottobre. Per il Valtramigna nel 2 a 1 definitivo con cui sono stati avvicinati gli avversari sangiovannei del comunque bravo diesse Omar Rossetto (il rapporto è sempre a vantaggio dei “Leoni della Lessinia orientale”, rimasti a quota 6 punti, contro gli attuali 4 dei cazzanesi) emergono le reti dell’ex roncarese Matteo Ballarotto, classe ’96, e il gol all’incontrario realizzato dal san giovanneo Mariano Soprana, classe ’87. Per gli sconfitti, invece, illude Bruno Faedo, classe 1993.
 
E’ un campionato molto equilibrato, la classifica ne rispecchia i valori non di differenze siderali con una graduatoria molto corta. In testa, a quota 14 freccette, ancora una volta, il Casaleone, anche se i giallo e blu della Bassa, negli ultimi 180 minuti hanno raccolto soltanto 1 punto, e ieri hanno dovuto inseguire, a mo’ del cacciatore, la lepre del SanguinettoVenera di mister Branchini – ieri in tribuna perché appiedato dal Giudice Sportivo – e sostituito dal bravissimo preparatore atletico Matteo Bergamini. Per i “venerabili” doppia ancora una volta di Andrea Girardi, mentre per i “leoncini della Bassa” di mister Pippo Crivellente l’hanno cacciata in buca prima il 1994 Andrea Isolani, poi, Alessandro “Sky” Guerra, classe 1994, da Minerbe.
 
Un trittico artistico insegue il Casaleone a quota 13 punti: Montorio, Pozzo e Zevio, con solo vincente l’A.C. Zevio di mister Christian Piasere, in grado di smontare per 4 a 2 alla “Bonbonera” il bel giocattolo bovolonese. Per i bianco-neri, fantastico tris dell'ex Virtus Mattia Fracasso ed assolo di Antonio Corbo; per i “mobilieri” di mister Devis Padovani, invece, aveva iniziato bene il 1995 Denis Zanini, imitato troppo tardi nell’impresa da “Fedez” Mattia Fraccaroli, classe 1995 pure lui, l’ex nogarese.
 
In riva al Piganzo, con un secondo tempo che, per via della burrasca non tanto di acqua ma di vento, sarebbe senz’altro piaciuta a Jules Verne, nei suoi romanzi pirateschi, 3 a 1 dell’Isola Rizza di mister Stefano Sacchetto, alla sua vittoria numero 4 consecutiva (compreso il 3 a 0 by night di Coppa rifilato al Montorio nell’illuminato campo di Minerbe), a spese della non ancora rassegnata U.S. Provese del belfiorese trainer Andrea Turozzi. Rimasti i rossoneri in dieci per l’espulsione per somma ammonizioni del proprio n. 5 il ’91 Nicolò Mosele, idem con patate per gli isolarizzani, “orbi” ed “orfani” del talentuoso guerriero maghrebino, Otty El Qourichy, anche lui costretto a raggiungere anzitempo lo spogliatoio non per schivare la burrasca meteorologica in atto in partita, ma dal doppio giallo accumulato.
 
Quindi, vittoria non con la sciolina, bensì un pochino con l’asciugamano per la concorrente alla vittoria finale presieduta dal più alto scranno da Franco Brunelli, affiancato dal mitico Graziano Molinari. Non minimamente parente, neppure alla lontanissima, con quello della famosa Sambuca, con fabbrica principale a Civitavecchia di Roma. Fa, in pratica, tutto l’Isola Rizza, dai gol di El Alami Afyf, classe 1997 e doppia per lui anche su rigore, all’assolo del neo-entrato Michel "Platinì" Visentini, l’odontoiatara, cognato del Rigoni oggi del Parma, all’autogol dello scultoreo Alex Vicentini, i cui gradi di capitano sono passati dai suoi oliati bicipiti a quelli altrettanto ben scolpiti di “Cerchio” Andrea Cerchier. Palo pieno colpito da bomber Giacomino Bissoli, classe 1987.
 
Al “Pelaloca” di Cerea, miglior debutto sulla panca dell’Atletico Città di Cerea, non poteva conoscere il trainer raldonate Simone Marocchio, chiamato a sostituire il collega, l’italo-argentino Luis Gustavo Passera: 4 a 0, e vittima davvero di quelle illustri, la Pro Sambo di mister Salvatore Mantovani, perché partita non certo per recitare un ruolo di comparsa, ma di prima donna, quello sì. Crepita la doppietta di Marvin “Hagler” Favalli, poi, ecco i poderosi do di petto di Stefano Guandalini e di Borgato. Con questi 3 punti i granata del presidente Luca Bronzato salgono a quota 7 e scalcano Tregnago e San Giovanni Ilarione.

Il derby “a km zero”, tra le limitrofe Audace calcio del coach Luca Ponzini e Montorio di mister Marco Burato termina sul nulla di fatto. Idem con patatine fritte lo scontro a Buttapietra, tra i Boys di mister Cristian Cordioli e l’A.C. Pozzo di mister Stefano Bel...Paese, vuol dire fiducia…come la Galbani… Pozzani con il rosso comminato al classe 1991 Nicolò Lapolla, il quale salterà la gara Pozzo-Valdalpone di domenica prossima, Montorio non lucido sotto rete con Alessandro Caputi…mi hai? E di fronte a un irresistibile “fenomeno” qual è Francesco Gasparato.
 
Zero a zero pure a Montecchia di Crosara, tra SSD ValdalponeRoncà ed A.C. Tregnago (mister è Antonio Sorgente) , con i monscledensi di mister Beppe Allocca che in-cocciano…sul palo con il molisano difensore, l’ex alba-borgo-romano Antonio Ciocca, e traversa clamorosa del tregnaghese Daniel Rizzin. Poco impegnati, anche se in maniera importante, le due saracinesche, Andrea Baraldo per i giallo e blu alto valligiani e Fracasso per i montecchiesi del diesse, il dottore commercialista, il “Lyon” Emilio Cavazza (servizio e foto in ultim'ora).

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1972)