ULTIMA - 23/5/19 - MISTER ANDREA CATURANO LASCIA IL GIOVANE POVEGLIANO

Dopo sei anni di stretta collaborazione, le strade del Giovane Povegliano e di Andrea Caturano, prima diesse e poi mister, si dividono, come lui stesso ci conferma: "Ci siamo lasciati con una bella stretta di mano amichevole, con decisione unanime. Ho voglia di intraprendere nuovi progetti e nuove ambizioni. Faccio un grosso in bocca al lupo
...[leggi]

PRIMA PAGINA

5/11/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 9^ GIORNATA

L’ILLASI BATTE ANCHE L’ALPO CLUB ’98 ED E’ SEMPRE 1°, MA CON IL “BORGO” SEMPRE DIETRO A -2. ANCORA IN FRIZER DA 810 MINUTI IL ROSEGAFERRO, CADUTO IN CASA COL PONTE CRENCANO. SUL…LAVAGNO DISEGNATO IL SUCCESSO SULL'ALPO LEPANTO, SORRIDONO CASELLE E REAL S.MASSIMO APPAIATE AL 5° POSTO.

Sempre l’A.C. Illasi del tregnaghese coach Beppe Castagna a fare l’andatura nel girone “B” di Seconda categoria, quello della città. I colligiani del presidente e costruttore edile Renato Cengia sono ancora la squadra da battere e il cartello “wanted” è stato tolto dal campo dell’Alpo Club ’98 di mister Stefano Ferro, con i rosso-neri in rete – è vero – per due volte grazie a “Ronnye” Maicol Aliperti e con il 1985 Marco Migliorini -, ma alla fine superati dai biancazzurri Luiz Enrique Herber (doppia, con gol anche dal dischetto e sempre più capocannoniere con 11 gol in 9 gare) e da Stefano Perlati.
 
A.C. Illasi sempre apripista con ora 23 punti, tallonato a 21 dal mai domo BorgoPrimomaggio di mister Tiziano “Titti” Salvagno, ieri “pirata” per via dell’1 a 5 rimediato a Palazzolo, in casa dello United Sona PGS del “maresciallo della base missilistica villafranchese” Michele Barone (in rete, i bianco-viola-rosso e blu con il numero 3 Nicolò Pasqualini, classe 1993. Ancora non inclini alla divisione della posta sia la capolista Illasi che la sua immediata inseguitrice BorgoPrimomaggio, con quel tondo zero nella casella delle gare terminate in pareggio. I “draghi rossi” de “El Borgo” del diggì Enrico Sgreva fanno la “manita” grazie alla doppia di Leonardo Pighi, e gli assoli del difensore 1991 Riccardo Fonte, del preciso rigorista Denis Torni e dell’avanti 1993 Federico Dolcemascolo.
 
Svetta anche l’Olimpia Ponte Crencano di mister Giordano Rossi, capace di agguantare al 3° miglior scranno alla fatidica, scaramantica quota dei 17 punti l’U.S. Cadore del collega, il “maresciallo” Adamo Urbano. Per i “geniali pontieri” del dirigente Gabriele Ferrari un colpaccio, un pari invece incolore a Sommacampagna (0 a 0), contro i “tamburini sardi” sguinzagliati dal “tenente” Massimiliano Signoretto, per i “nero-verdi” cadorini del presidente, il foggiano Giacomo ingegnere Caserta.
 
I “pontieri giallo e blu” infliggono il dispiacere numero 9 al Rosegaferro, sgambettandolo là, in Postumia, per 1 a 2. Mister Michael De Santis, nella vita di tutti i giorni, brillante geometra, sta si vede prendendo le misure – alla pari di uno specialista di alta sartoria, di famosa Fashion - a tutti gli avversari: è appena arrivato in Postumia, diamogli il tempo richiesto per riportare in alto le azioni in Borsa della Pol. Rosegaferro del presidente Federico Dal Gal e del diesse, il quadernese Alberto Ruzzenente. I gol gialloblu recano le firme di “Sheva” Pietro Bellè, classe 1987 e del 1993 Erik, il “cestista”…Bettili, l'ex Quaderni Fabio Sersa, invece, per i “rosso e blu della Postumia”.

Al “Lorenzo Molinaroli”, grande, umile personaggio dell’ex scuderia del Lavagno che abbiamo avuto la fortuna di conoscere e di condividere tanti valori soprattutto umani, la Scaligera Sport Club del presidente Samuele “Bersani” Tosi e compagine allenata dal profe di Greco e di Latino, il classe 1961 Dionisio Zamperini, supera, quel tanto che basta, come la goccia di olio sugli spaghetti olio, aglio e peperoncino la matricola Alpo Lepanto del presidente Andrea Pozzerle ed allenata dal decano dei nostri mister dilettantistici, l’ex Catania, l’ex Off. Bra di Quinto, Adelchi Malaman. Mattatore’ ma, sì, facciamoci…uno Spinelli…l'ex Colognola Nicola.

Al “Benali-Bonomo”, campo amico del Real san Massimo, bentornata la vittoria: i nero-verdi rionali del duo Gregory Donadel-Roberto Sorio battono, per 2 a 0, grazie alle reti di Omar “Sivori” Jmili, classe ’96 e dell’ex difensore virtussino, il classe ’97 Luca Bresciani, la matricola rosso-nera dell’Intrepida di Madonna di Campagna, guidata da un altro duo, quello formato da Alessandro Puttini - ex skipper vincente del Colà Villa dei Cedri - e da Andrea Ferrari, quest’ultimo pure diesse, mentre “Gardaland” Puttini guida anche le forti leve del 2005 dei “madonnari”.

Colpaccio del team casellino guidato dal mister-sindacalista della divisa sindacale Uil Giuseppe “Mazzini” Bozzini in quel di Colognola ai Colli, il cui gruppo nerazzurro presieduto dal più alto scranno dall’amico Tiziano Tregnaghi, è condotto da un altro Tiziano, che di cognome fa Barbieri, però: 0 a 1 ed è la “vedova paraguagia” (precisamente della capitale Assuncion) a fare la differenza; e, cioè Cristian Molas.
 
Al “Vignola” di Avesa, 1 a 1, non di più, tra i rosso e azzurro crociati di mister Stefano Leso e il Gabetti Valeggio dello skipper Luca Carletti: insomma, tutto si traduce nella botta dell’ex “enfant prodige” di L.R.Vicenza e U.S. Virtus B.V., Marco Bucci, e nella risposta di chi si ripete sotto porta ancora con successo, il Brasiliano-valeggiano Josimar Orlando Cavalari al suo 4° centro consecutivo. Che fa solo rima con l’ex a lungo capitano della flotta Gabetti, l'agente immobiliare Patrik Cavalletti, "storica bandiera" del club in riva al Mincio.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1993)