ULTIMA - 20/3/19 - TUTTI I RISULTATI DI OGGI. L'ISOLA RIZZA CONQUISTA LA FINALE

Il Caldiero Terme conquista un pareggio in trasferta che gli da ottime possibilità di passare il turno ed approdare alle semifinali della Coppa Italia - Fase Nazionale. I gialloverdi di mister Cristian Soave hanno pareggiato 1 a 1 nella gara di andata del doppio confronto contro gli astigiani del Canelli, che hanno battuto nel turno precedente il leggendario
...[leggi]

PRIMA PAGINA

19/11/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) – 11^ GIORNATA

UPPERCUT DI MARVIN “HAGLER” FAVALLI E IL CASALEONE VA GIU’! 5^ VITTORIA DI FILA PER L'ATLETICO CEREA DI MISTER MAROCCHIO E 4° POSTO CON LA VITTORIOSA PRO SAMBO. IL VALDALPONE FRANA ADDOSSO (4-0) ALL’ISOLA RIZZA, IL MONTORIO TIENE IN PUGNO LO SCETTRO DEL PRIMATO, VALTRAMIGNA TRACIMANTE, VENERABILI DA EXPORT, L’AUDACE SPEGNE IL POZZO AL 90°.

Da quando si è seduto lui, il trainer raldonate Simone Marocchio, l’Atletico Città di Cerea non incrocia più né semafori rossi né gialli sulla sua strada. Il colpo da ko anche questa volta lo sferra uno a cui quando è nato è stato messo il nome di un grande pugile: Marvin “Hagler” Favalli, l’anno scorso all’A.C. Oppeano senza fama e senza lode, alla maniera dei bomber, i quali vivono le loro altalenanti stagioni realizzative. E’ Favalli a far scintille e fuoco, e a consegnare la vittoria numero 5 della gestione-Marocchio all’Atletico Cerea.
 
Ieri, pubblico delle grandi occasioni sugli spalti finalmente ed insolitamente gremiti del “Pelaloca” di Cerea, nel derby tra “mobilieri della Bassa”, quello vissuto e vinto per 1 a 0 contro il Casaleone di mister Pippo Crivellente. Tra i pali dei “casa leoncini giallo e blu” un fortissimo Luca Loschi da Magnacavallo di Mantova, ma, neanche una “saracinesca” come lui ieri poteva abbassare la basculante a bomber Marvin Favalli giunto ieri al suo 10° sigillo stagionale.
 
Atletico Città di Cerea, che, con questa 5^ vittoria, si porta al 4° posto a 19 freccette, appaiando, o meglio, appaiato da una davvero sorprende Pro Sambo di mister Salvatore "Totò" Mantovani. Sorprendente perché quelli del club della vallata d’Alpone hanno mostrato non i canini, ma soltanto i dentini da latte, visto che sono scesi in campo senza gli infortunati Francesco Fattori (ginocchio gonfio come un melone), Gonzales Bejar (squalificato) e bomber Gianmarco Ravelli (clavicola fratturata per l’ex zeviano). Pro Sambo, la quale va a vincere, 0 a 2, alla “Bonbonera” di Zevio, grazie agli spunti di Mirco Magagnotto e di Lima Da Silva.
 
Al comando del girone, balza ora il Montorio con 22 punti, frutto anche del 3 a 1 casalingo rifilato ieri pomeriggio al San Giovanni Ilarione di mister Sereno Ferrari (mai…Sereno quando il mister san giovanneo perde! E ti credo, ci mancherebbe anche questo!). Per i “leoni biancazzurri della Lessinia orientale” alza la bandiera bianca il 1996 Francesco Chiarello, sempre lui! Montoriesi di mister Marco Burato in vantaggio grazie al freddo rigorista, l’ex SSD ValdalponeRoncà ed ex S.Martino-Speme, il classe 1993 Francesco Tarullo, poi, al bersaglio pieno con il 1989 ed ex Pro Sambo, Claudio Bozzola e quindi con bomber, il 1993 Manuel Marcolini, giunto a quota 7 reti.
 
Vendemmiata fuori stagione, ma pur sempre gradita, per il Valtramigna del soavese coah Adriano Laperni all’”Emilio Steccanella” di Cazzano di Tramigna: 5 a 0 rifilato alla cenerentola U.S. Provese del belfiorese trainer Andrea Turozzi, con fantastico tris a firma di Christian Turozzi, il “gol da me è sempre di casa!”, acuti dell’”attore” Edoardo “De Filippo” De Luca, classe 1997 l’ex caldierese bravissimo a recitare i pezzi ironici da lui stesso scritti e composti, e del soavese “Fausto Pari” Matteo Ballarotto, classe ’96, ex SSD ValdalponeRoncà.
 
Se si è vendemmiato a Cazzano, non altrimenti si può dire che ciò non sia accaduto a Montecchia di Crosara, dove un irriconoscibile Isola Rizza di mister Stefano Sacchetto – forse già pago delle gocce di trionfo traboccate dal calice di Coppa Veneto mercoledì scorso a Minerbe, dove ha battuto per 2 a 1 la forte compagine padovana dell’AQS Borgo Venero di bomber, il classe 1988, Daniele Petrosino e del 1995 Diego Manfrìn, entrambi due ex “tigri bianco-rosse” del CastelbaldoMasi, fra l’altro, costui, Diego, appunto, ingegnere gestionale e fratello minore del più noto Gianni, difensore di Alessandria, Modena e Reggiana, classe 1993, squalificato -. A Montecchia ieri, stravince per 4 a 0, l’SSD ValdalponeRoncà di mister Beppe Allocca e del diesse, “Lyon” Emilio Cavazza, con reti messe a segno da Vilnis Coku, Debi Mbaye, Antonio Cardone e Francesco Fabris.
 
Una conclusione sul filo della sirena scoccata da Tommaso Burato, classe 1996, ex Intrepida, consente all’Audace calcio di mister Luca Ponzini, nel suo leggiadro “Tiberghien”, di superare per 1 a 0 le forze di resistenza opposte dal Pozzo del presidente Roberto Praga guidato da mister Stefano Paese. La grande montagna delle attese cullate alla vigilia al “Cavallaro”, tra la matricola Bovolone di mister Devis Padovani e l’A.C. Tregnago dell’omologo Antonio “sergente” Sorgente, non fa zampillare alcun gol: la contesa termina sullo 0 a 0.
 
All’”Eliseo Zendrini” di Buttapietra, i Boys di mister Cristian Cordioli soccombono per 3 a 4 al più sgargiante, al più dinamico SanguinettoVenera di mister Branchini. Tripletta di Alexandar Pesic (ora a quota 13 reti dopo la cinquina di domenica scorsa) e assolo di “Geco” Thomas Pasti per i sangui-venerabili del vice-presidente Andrea Ceresoli. Doppia di Valerio Manzini, classe 1990, ed acuto del Boy, …”io delle difese avversarie…me ne faccio un…” Bamfo, invece, per i ragazzi della “memoria storica” Antonio Lollato, detto “El Lola”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(934)