ULTIMA - 21/3/19 - MISTER PEDRON TIENE A CHIARIRE ALCUNE DICHIARAZIONI

Mister Marco Pedron, in merito alle dichiarazioni del presidente del San Giovanni Lupatoto, Daniele Perbellini, ci scrive: "Ho riflettuto molto sull’utilità di una replica ma per amore della verità ho deciso di scrivere queste righe per rispondere al presidente Perbellini per quanto scritto nell’articolo dell'altro ieri in cui sono stato citato.
...[leggi]

PRIMA PAGINA

17/12/18
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) – 15^ GIORNATA

UN'ILLASI STRARIPANTE SI LAUREA CAMPIONE D'INVERNO. 2^ L'OLIMPIA PONTE CRENCANO, GRADINO BRONZEO AL CASELLE. CIN CIN COLOGNOLA, RIPRENDONO A RULLARE I "TAMBURINI" CUSTOZANI, LEPANTO "CORSARO" E BEL 4°, AVESA DIETRO...LA LAVAGNO, ALPO ESCLUSIVO CLUB CONTRO IL ROSEGAFERRO.

Sul fotofinish e sorprendendo un pochino, ma solo nell'ultima vasca, la poderosa bracciata dell'A.C. Illasi compiuta ieri pomeriggio a Palazzolo (0 a 5), torna a rieleggere "regina" del girone "B" di Seconda categoria la compagine biancazzurra di mister Beppe Castagna. 31 i punti, uno solo in più rispetto all'accorrente Olimpia Ponte Crencano di mister Giordano Rossi, che con quello slancio che l'aveva incanalata negli ultimi mesi, aveva permesso ai giallo e blu del dirigente Gabriele Ferrari di rosicchiare domenica dopo domenica punti su punti agli illasiani. Ma, visto il solo punto che divide le due contendenti, il discorso è solo rimandato a gennaio, alla Befana: e il discorso, ovviamente, vale anche per le altre che seguono e inseguono il massimo dei traguardi. Ci riferiamo al sorprendente Caselle di mister Beppe "Mazzini" Bozzini, a 29 freccette, alla bella realtà dell'Alpo Lepanto del decano dei nostri tecnici, Adelchi Malaman, più sorprendente ancora dei giallo e blu casellini perché matricola, a fronte dei neo-retrocessi del presidente Francesco Pullara.
 
Al "Monterotondo", finisce 0 a 0 il match tra il BorgoPrimomaggio di mister "Titti" Tiziano Salvagno e i superlanciati giallo-blu "geniali pontieri" di bomber Pietro "Sheva" Bellè, bravo a zittire le tante sirene del mercato dicembrino. All'"Alberto Tosoni" invece, 3 a 0 della Pol. Caselle del diesse Mario Abbiati a spese della Gabetti Valeggio di mister Luca Carletti, con centri azzeccati da parte del 1983 Michele Rigo, Samuele Olioso (1998) e la "vedova nera paraguagia" Christian Arguello Molas, classe '85.

L'A.C. Illasi del presidente Renato Cengia non vince, di più, stravince, 0 a 5, a Palazzolo di Sona, in casa dello United Sona PGS di mister Michele Barone, annichilito dalla doppietta (anche su rigore) confezionata dall'ex tregnaghese Luiz Henrique Herber, classe 1996 al suo 16° gol in 15 partite. Poi in rete anche Perlati, il classe 1992 Filippo Minati e chi lo ha sostituito, ossia il centrocampista classe 1996 Andrea Martinelli.

Al Polisportivo "Avesani", cade, e per la 4^ volta in 15 gare, un'altra bella favola, quella nero-verde dell'U.S. Cadore di mister Adamo Urbano: 0 a 1 e passa la, forse, più in palla in questo ultimissimo frangente, Alpo Lepanto di mister Adelchi Malaman e del presidente, il concessionario di automobili Andrea Pozzerle. Mattatore? Il navigato, oltre che freddo dal dischetto, Luca Baroni, classe 1982. E, questo, pensate e basta, al 94° minutoo, gulp! Dura, eh, da digerire una sconfitta maturata in simili circostanze. Ma, il grande giornalista ed ex direttore di "Tuttosport", il veronese (un paio di anni fa si è laureato presso il nostro Ateneo scaligero) di origini brasiliane Darwin Pastorin ha sempre avvertito che le partite non finiscono mai! Ragionissima la sua!
 
La Scaligera Lavagno del mister e "profe" di Italiano Latino e Greco, Dionisio Zamperini va a fare la voce grossa nel 3 a 4 conquistato al "Vignola", casa della matricola Avesa HSM di mister Stefano Leso. Per i rosso e blu del torrente o fiumiciattolo Lorì avesano esultano il difensore 1996 Gianmarco Vignola, imitato subito dopo dal compagno di scuderia dal 1993 Alessandro Vannini e dall'immenso Marco Bucci, classe 1984. Per i lavagnesi, invece, non sbagliano sotto rete il 1995 Alberto "Caldaie" Vailati, l'ex zeviano nonché classe 1994 Davide Stevani (doppia per lui!) e lo spagnoleggiante Juliano Ortega, ex Belfiorese, classe 1999.
 
Alpo Club '98, che chiude bene l'anno solare 2018, da cui forse ci si aspettava un tantino di più, battendo per 1 a 0 il "fanalino di coda" Rosegaferro di mister Michael De Santis, grazie al colpo decisivo sfoderato da un altro Vignola; che in rosso-nero si chiama Davide, classe 1998 ex BorgoPrimomaggio che regala tre punti preziosi ai rossoneri di mister Stefano Ferro.
 
Al "Fano", il Colognola ai Colli di mister Tiziano Barbieri spegne, quasi inguaia - dopo il bel primo spicchio di campionato - il Real san Massimo del duo tecnico Gregory Donadel-Roberto Sorio. Autori della vittoria del 2 a 0 il nato il giorno di Natale del 2000 Nikola Milinkovic e il centrocampista 1997 Sean Bakari.
 
A Sommacampagna, tornano a rullare minacciosi sotto rete e con successo i "tamburini sardi" sommacustozani del "tenente dei Savoia" Massimiliano Signoretto: 4 a 2 e la vittima è la matricola rosso-nera dell'Intrepida di mister Alessandro Puttini e del suo più stretto collaboratore di panca, il diesse Andrea Ferrari. Brilla... Stella, poi, lo imita il compagno di scuderia, il classe 1989 Mattia Cioffi, autentica "bandiera" sommacustozana, sostituito costui in maniera più vincente che possa esistere - e cioé col gol - dal socio Lorenzo Mailli (1986, ex Alpo Club '98), ed anche dal giovanissimo centrocampista, il nato l'11 novembre del 2000, ovverosia Luca Lonardi. Per i rosso-neri del club di Madonna di Campagna, invece, esultano i soli 1992 Claudio D'Arrigo e l'avanti 1998 Giole Gasparini.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(740)