ULTIMA - 21/2/19 - 1^ EDIZIONE DELLA VIAREGGIO WOMEN'S CUP, ECCO LE 8 SQUADRE

Bologna, Fiorentina, Florentia, Genoa, Inter, Juventus, Sassuolo e Spezia sono le otto formazioni femminili che dal 18 al 26 marzo prossimo daranno vita alla prima edizione della Viareggio Women’s Cup, organizzata dal Cgc Viareggio: la manifestazione, come il torneo maschile, è riservata alle formazioni Primavera. Il torneo femminile sarà articolato in due
...[leggi]

PRIMA PAGINA

14/1/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 2^ CATEGORIA (GIR. B) - 17^ GIORNATA

LEPANTO LETALE PER L’ILLASI, NON PIU’ PRIMA! LA STAFFETTA ORA PASSA AL CASELLE, PIRATA AL “GUIDOTTI” CONTRO L'OLIMPIA P.CRENCANO, BATTUTA E RAGGIUNTA AL 3° POSTO DALLE DUE ALPO. PUNTI PREZIOSI PER L’INTREPIDA CONTRO IL CADORE. COLOGNOLA E BORGOPRIMOMAGGIO VINCONO FUORI CASA.
 
Domenica fatale per l’ex capolista A.C. Illasi di mister Beppe Castagna e del pari tregnaghese diesse “Cuccoli” Fabio Castagnini: Lepanto si rivela mortale (in termini, per carità, calcistici; e, per fortuna, vivaddio!) per i biancazzurri colligiani, sconfitti per 2 a 0 dai giallo-verdi non governativi, ma alpesi e guidati dal decano dei nostri mister, quella vecchia volpe di Adelchi Malaman (marcatori: Andrea Martini, classe 1983, e SuperPippo Perinon, l’immarcescibile “puntero”, datato 1980).
 
La sconfitta degli illasiani e il contemporaneo exploit casellino (0 a 2) al “Tino Guidotti”, in Ponte Crencano, causano il sorpasso in testa da parte dei giallo e blu di mister Beppe “Mazzini” Bozzini (in rete non con l’”avvocato” Lorenzo Donella, appena arrivato dal San Giovanni Lupatoto e fra i migliori in campo, ma bensì col giovane Samuele Olioso e con il “bel tenebroso”, Michele Rigo, ex centroboa di pallanuoto, classe 1983, entrambi al loro decimo sigillo stagionale).
 
Allora: primato ora da 35 punti per la Pol. Caselle, 34 per l’Illasi, 31 punti per Olimpia Ponte Crencano, Alpo Lepanto e per l’Alpo Club ’98: quest’ultima va a vincere 2 a 3 al “Vignola” di Avesa, contro i rosso-blu-crociati di mister Umberto Piva, subentrato a metà di novembre a Stefano Leso. Le reti dei rosso-neri di mister Stefano “Tiziano” Ferro sono a firma di Michele Sandrini (ancora una doppia per l'ex Mozzecane) e del 1994 Luca Veronese; di contro, per gli avesani del diggì, dittì Walter Bucci, hanno gioito il centrocampista 1996 Claudio Lonardi e Cerpelloni.
 
Perde terreno e punti, ora è a 26, a braccetto con il fluttuante U.S. Cadore (anche lui ieri pomeriggio sconfitto), la Scaligera Lavagno del profe di Italiano Latino e Greco, mister Dionisio Zamperini, cattedrati al prestigioso Liceo Classico “Scipione Maffei”, fabbrica dei più titolati cittadini veronesi. Al “Lorenzo Molinaroli”, 1 a 2 e semaforo verde per gli ospiti dell’A.C. Colognola ai Colli di mister Tiziano Barbieri e club gestito dal più alto scranno dal presidente Tiziano Tregnaghi (il 1990 Diego Piccoli e il difensore, ex Bo.Ca. Junior, il difensore Moreno Bezzornia, classe ’85 i marcatori nerazzurri; a fronte del gol-illusion griffato dall’avanti ed ex Belfiorese, “Totonno” Juliano Ortega, classe 1999).
 
Colpaccio dei “draghi rossi” del BorgoPrimaggio, 0 a 1, al “Benali-Bonomo” di San Massimo: casa non più del Real Calcio, visto la progressiva caduta in verticale dei nero-verdi rionali della coppia tecnica Donadel-Sorio, partiti inizialmente con il piglio giusto. E’ ancora Nicolas Torni (5° sigillo stagionale) il “giustiziere” dei rionali presieduti da un avvilito Luciano Morando, “boss della ricarica”; ma, quanto a batterie, qui, siamo un pochino deludenti, presidente!
 
A Palazzolo, 2 a 2 dello United Sona PSG (il classe 1993 Enrico Volpato e l’ex difensore del CastelnuovoSandrà, il 1997 Stefano Di Franco hanno timbrato la sfera di cuoio) del nuovo timoniere Matteo “panzer” Zerpelloni: altro pareggio, stavolta ottenuto in via Cecco Angiolieri dai bianco-blu-rosso-viola contro il Gabetti Valeggio di mister Luca Carletti, ex di turno (il 1997 Alessandro Fortunato e il ritornato Simone Busi, invece, per i “rosso-blu del Mincio”).

Vittoria ossigenante (non per i capelli, ma per la classifica!) uncinata dalla Polisportiva Intrepida del tandem tecnico formato da Alessandro “Gardaland” Puttini e Andrea Ferrari all’ombra del Santuario di Madonna di Campagna, con cupola dell’architetto militare e civile Michele Sammicheli, vittima la “pendente” – come la famosa Torre piana, U.S. Cadore del “maresciallo” Adamo Urbano: 1 a 0, mattatore è “Buondì” Leonardo Motta (1990), il medico ex conoscenza del Colà di Lazise di Puttini); e per i rosso-neri si profila davvero un buon dì…

Ci prova a trovare la Breccia di Porta Pia, e ad imboccare il Corso della Vittoria, l’ex Alpo Club ’98 Marco Zabberoni (difensore datato 1992), ma, non ha fatto i conti con l’avversario SommaCustoza di mister Massimiliano “d’Austria e Lorena”, Signoretto, né ha fatto i conti con la “vecchia volpe d’area di rigore” Nicolò Bolla: la sfida in Postumia, quella tra Pol. Rosegaferro (mister Michael De Santis) e SommaCustoza termina così senza vincitori né vinti. Con tutti infelici e scontenti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(576)