ULTIMA - 21/2/19 - 1^ EDIZIONE DELLA VIAREGGIO WOMEN'S CUP, ECCO LE 8 SQUADRE

Bologna, Fiorentina, Florentia, Genoa, Inter, Juventus, Sassuolo e Spezia sono le otto formazioni femminili che dal 18 al 26 marzo prossimo daranno vita alla prima edizione della Viareggio Women’s Cup, organizzata dal Cgc Viareggio: la manifestazione, come il torneo maschile, è riservata alle formazioni Primavera. Il torneo femminile sarà articolato in due
...[leggi]

PRIMA PAGINA

21/1/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. B) - 18^ GIORNATA

IL CEREA TORNA TRITASASSI, MA E’ SECONDO, UN PUNTO DIETRO AL MONTORIO. CASALEONE 3° E VITTORIOSO AL “PASETTO”, IL VALDALPONERONCA’ NON VIOLA IL “CAVALLARO” (3-3 A BOVOLONE), “CINQUINA” TREGNAGHESE CON LA PROVESE, ISOLA…DEI FAMOSI SUL SINTETICO DI S.G.ILARIONE. ALTRO FORFAIT DEL SANGUINETTOVENERA.

L’Atletico Città di Cerea di mister Simone Marocchio torna – al sabato pomeriggio - al suo “Pelaloca” e torna a macinare vittorie: l’ultima sua preda è l’A.C. Zevio di mister Christian Piasere, abbattuta dall’uno-due dei due marpioni d’area, quali Stefano Guandalini e Marvin “Hagler” Favalli. Due punte che in campo ogni volta aprono la valigia della loro grande esperienza ed estraggono il coniglio del gol che fa la differenza o che stronca le reni all’avversario di turno.
 
Ma, una è, sia chiaro!, la vittoria del primato: che appartiene, a 38 punti, al Montorio di trainer Marco Burato, vincitore all’ombra del suo castello tanto caro al Boccaccio, per 2 a 0 (realizzatori il 1993 Manuel Marcolini e il suo coetaneo, nonché ex sanmartinese, Francesco Tarullo) a spese dei Boys Buttapedra di mister Cristian Cordioli.
 
Ricapitolando: Montorio al comando con 38 punti, tallonato a 37 dall’Atletico Città di Cerea, poi, a 35 ecco il Casaleone del mister-bancario Pippo Crivellente: ieri pomeriggio, i casaleoncini sono andati a far la voce del padrone, 1 a 2, al “Nicola Pasetto”, casa dell’A.C. Pozzo di mister Stefano Paese, in rete con il difensore Marco Polato (ex Albaredo Calcio, classe 1993), stretto dalla morsa letale dei due realizzatori giallo e blu “Fedez” Mattia Fraccaroli (1995) e “Sky” Alessandro Guerra (1994) da Minerbe.
 
Ma, se non molla il “clan dei casaleonesi”, figuriamoci se lo fanno – mai e poi mai! – i monscledensi di mister Beppe Allocca, mister dell’SSD ValdalponeRoncà: al “Cavallaro”, 3 a 3 comunque rivitalizzante per i roncaresi, i quali devono, ancor prima che si celebri la santa Quaresima (il prossimo mercoledì 6 marzo) cospargersi il capo di chili di ceneri per aver gettato alle ortiche un vantaggio addirittura triplice (Debi Mbaye, 1993, Edoardo Maggio, 1996, e Mirco Tirapelle). Annullato dai colpi dei “mobilieri” Luca…ma quanto…è Bello…scaraventare la sfera in rete” Scarabello, dall’ex lupatotino, classe 2000, Eddine Salah Samrani, e dal chirurgico rigorista, l’ex lupatotino Leonardo Strazza, classe 1993).
 
Altro forfait dato dai giocatori del SanguinettoVenera: e gara vinta per 3 a 0 a tavolino da chi avrebbe, invece, voluta giocarla, e cioè la Pro Sambo di mister Totò Mantovani (virtualmente 3° a 36 punti). Più un altro punto di penalizzazione a chi si è sottratto all’impegno e 200 euro di penalizzazione (dopo la 4^ assenza dal campo, i sangui-venerabili andranno incontro alla retrocessione!). Ma, non si rischia, avanti di questo passo, di falsare il Torneo?
 
L’Isola Rizza di mister Andrea Corrent torna l’Isola dei Famosi, andando a vincere nella trasferta più lontana, quella del “San Giovanni Bosco” (sintetico) di San Giovanni Ilarione: 0 a 1, la differenza la fa il 1999 Mattia Badia, nella vita di tutti i giorni ambulante assieme ai genitori e levatacce da caserma, mentre a blindare il colpaccio ci pensa l’estremo difensore isolarizzano Andrea “Toni” Negri (1988) che neutralizza la massima punizione della cui trasformazione si era incaricato il 1987 Marco Tracco. Frattura scomposta all’avanti 1993 Bruno Faedo: a lui giungano i più sinceri auguri di una prontissima guarigione. Doppio giallo comminato a Riccardo Gusella, stopper datato 1993: all’atleta “beat” (zazzera foltissima racchiusa da un cerchietto stile indiano apache per il difensore di Bovolone, ex A.C. Oppeano) biancazzurro non sarà possibile che seguire dalla tribuna, in riva al Piganzo, la prossima sfida contro l’A.C. Tregnago.
 
Sì, quel Tregnago di mister Antonio Sorgente, che ieri ha proprio zampillato di reti, stingendo così la già opaca U.S. Provese del colognese trainer Claudio Fabris per 5 a 0: i graffiti boys sono Martella, Girardi, l’ex Sporting Badia, il 1993 Daniel Rizzin, il difensore 1991 nonché ex Pro Sambonifacese Tommaso Baccaro e Pretto.
 
Non riesce a bomber Cristian Turozzi, “il gol da me è di casa” (in omaggio alla sua professione di agente immobiliare dell’Est veronese) di sollevare la maglia bianco-rossa e mostrare a tutti la gioia del raggiungimento del suo gol numero 200: d’accordo, il Valtramigna Cazzano di mister Omar Lovato vince lo stesso, 0 a 2, al “Tiberghien” audacino, ma sull’altre della gloria ci mettono gli scarpini il soavese Matteo Ballarotto (una laurea in Informatica per l’ex SSD Valdalpone, classe 1996) e Dragan Kalanj. Sconfitta numero 6 stagionale per l’Audace calcio della famiglia Purgato e guidata da mister Luca Ponzini e terz’ultimo posto, a 18 carati, per i “bianco-rossi di Cazzano di Tramigna” del presidentissimo Lucio “IV” Castagna.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(890)