ULTIMA - 20/10/18 - ROSSI (OLIMPIA PONTE CRENCANO): “CI SERVONO 50-52 PUNTI!”

L’ex “golden boy” del Ravenna, Giordano Rossi da Isola della Scala, classe 1980, affronta il suo 2° anno da trainer sulla panca dell’Olimpia Ponte Crencano, che milita nel girone “B” di 2^ categoria, con una buona dose di ottimismo. Prima di approdare ai “geniali pontieri” del presidente Roberto Donà e del vice Gabriele Ferrari, Rossi ha guidato
...[leggi]

ULTIM'ORA

8/3/16
NOVITA' FIGC PER LE AGGRESSIONI AGLI ARBITRI

Giocatori e dirigenti violenti contro l’arbitro? Multe salate per le società.

Pagheranno sempre le società per le violenze subite dagli arbitri ad opera di loro tesserati. E’ questa una delle più importanti novità del nuovo Regolamento del Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica che andrà in vigore nella prossima stagione sportiva. E’ quanto emerge dal comunicato ufficiale della FIGC numero 257/A del 27 gennaio 2016. Il nuovo testo è composto da 28 articoli rispetto ai 36 di quello vecchio, in parte abrogato dalle disposizioni contenute nel comunicato ufficiale numero 12/A pubblicato dalla Federcalcio il 19 luglio del 2007. Con tali disposizioni, infatti, furono emanati gli indirizzi per la cooperazione del Settore Giovanile e Scolastico con la Lega NazionaleDilettanti, anche al fine di ottimizzare l’efficienza organizzativa dei campionati giovanili e contenere gli adempimenti per le Società interessate.

Tra le principali, che riguardano direttamente le attività delle società e dei tesserati dei campionati dilettantistici e giovanili, c'è senz’altro quella dell’articolo 16, integrato col comma 4 bis che recita testualmente: "Gli Organi di giustizia sportiva, operanti in ambito dilettantistico e di Settore Giovanile, nelle decisioni riguardanti condotte violente nei confronti degli ufficiali di gara, devono specificare che le sanzioni comminate vanno considerate ai fini dell’applicazione delle misure amministrative a carico delle Società dilettantistiche e di Settore Giovanile, deliberate dal Consiglio Federale per prevenire e contrastare tali episodi".

Va specificato che questa integrazione normativa è collegata alla delibera assunta dal Consiglio Federale nel dicembre del 2014, tendente a contrastare le condotte violente perpetrate, in ambito dilettantistico e giovanile, ai danni degli Ufficiali di gara, con la previsione di sanzioni amministrative (specificate nel comunicato ufficiale numero 104/A pubblicato dalla Figc il 17 dicembre 2014) che comportano, di fatto, l’annullamento della gratuità arbitrale nei confronti delle società che violano le disposizioni disciplinari nelle misure riportate sul suddetto comunicato. La prescrizione opererà se la società, nella competizione di riferimento, abbia visto comminate in via definita per i suddetti fatti, le seguenti sanzioni: 8 giornate di squalifica per singolo calciatore, 4 mesi di squalifica per singolo calciatore o singolo allenatore o 4 mesi di inibizione per singolo dirigente. Inoltre 6 mesi cumulativi di squalifica per calciatori e allenatori.

R. C. per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1438)