ULTIMA - 18/3/19 - LA VIRTUS VINCE A TERAMO E INTRAVEDE LA SALVEZZA

Continua la serie positiva della Virtus Verona di mister Gigi Fresco che vince per 2 a 1 allo stadio “Bonolis” a Teramo e la salvezza ora sembra davvero possibile. I rossoblu veronesi hanno un ottimo approccio alla gara e all’11° sono già in vantaggio. Onescu dalla destra con un traversone basso taglia l’area biancorossa e sulla palla arriva in spaccata
...[leggi]

ULTIM'ORA

4/11/16
DALLA PELLEGRINA CREDE NELLA FORZA DELL’F.C. VALGATARA

L’imminente paternità lo galvanizza non poco: Nicolò Dalla Pellegrina, dopo una vita trascorsa con la casacca dell’A.C. Lugagnano (ha tradito i giallo e blu una stagione prestando servizio ai mantovani del Castei San Giorgio; ed è cresciuto nelle giovanili del Sona M.Mazza), quest’estate ha scelto di accasarsi presso l’F.C. Valgatara del presidente Paolo Megarese e del nuovo mister Armando Corazzoli: “Sì, divento papà per la prima volta verso metà marzo del prossimo anno. Ho appena saputo che sarà femmina e io e Natascia la chiameremo Bianca”.

Hai iniziato il tuo nuovo corso nel “Barça della Valpolicella”… “Dopo corteggiamenti continui, alla fine, ho scelto di salire a Valgatara, approfittando anche del fatto che sulla panca del “Luga” non c’è più Pippo Damini, un mister che farà bene anche nella nuova piazza di San Martino. Poi, volevo provare nuove esperienze e il presidente azulgranata Paolo Megarese è di Lugagnano e non sai quante volte mi ha chiesto di far parte della sua squadra”.

L’obiettivo dei blaugrana per questa stagione? “Prima di tutto la salvezza, poi, in seguito, vedremo dove si potrà arrivare. Gioco in un gruppo dove si è cambiato parecchio e dove anche lo staff tecnico è nuovo. Abbiamo un organico, comunque, importante, destinato a fare bene in un girone in cui non esiste né l’ammazza-campionato né la “Cenerentola”. Siamo ancora in gioco nel Trofeo Veneto e il prossimo 16 novembre sfideremo la Provese, squadra dai grossi nomi e fra le favorite”.

Valgatara che si può definire ammazza-grandi, o no?
“Sì, abbiamo battuto le prime in classifica: prima la Provese e poi il Povegliano; ora ci toccherà di affrontare il Garda, una bella gatta da pelare, anche se quello incontrato in Coppa non mi ha stupito, ma forse perché mancava il suo uomo-leader, il capocannoniere di Promozione Cesar Pereira!”

Quali sono le altre squadre che si possono inserire nella lotta per un posto ai play-off? “Il Cadidavid di mister Fabrizio Sona corre come una spia dal 1° all’ultimo minuto di gioco, il Sona ha grossi nomi e l’abbiamo già incontrato al debutto di campionato, quando non era ancora ben assemblato come lo è adesso. Il suo potenziale è a livello della Provese, anche se i rosso e blu di Sona annoverano troppe prime donne”.

I vostri margini di miglioramento quali sono?
“Mah, a livello mentale: fatichiamo contro le piccole, per una questione credo di minor concentrazione. Sentiamo di più gli scontri con le grandi, quindi dobbiamo lavorare sulla mentalità e sull'approccio alla gara”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1486)