ULTIMA - 18/3/19 - LA VIRTUS VINCE A TERAMO E INTRAVEDE LA SALVEZZA

Continua la serie positiva della Virtus Verona di mister Gigi Fresco che vince per 2 a 1 allo stadio “Bonolis” a Teramo e la salvezza ora sembra davvero possibile. I rossoblu veronesi hanno un ottimo approccio alla gara e all’11° sono già in vantaggio. Onescu dalla destra con un traversone basso taglia l’area biancorossa e sulla palla arriva in spaccata
...[leggi]

ULTIM'ORA

24/11/16
AMBROSIANA-POZZONOVO, LA SFIDA TRA 2 STORICHE CO-CAPOLISTE

Mancano solo tre giorni al match Ambrosiana contro Pozzonovo: la sfida tra le due co-capoliste del girone “A” di Eccellenza veneta si sta avvicinando sempre di più. Sale la tensione, soprattutto, a Sant’Ambrogio della Valpolicella, con i “demoni” rossoneri che nella loro gloriosa storia non avevano mai toccato il punto più alto della loro parabola calcistica (idem per i basso padovani prossimi avversari): “Stiamo organizzando” svela il massimo dirigente rosso-nero Gianluigi Pietropoli “una cornice di pubblico degna e tutta a sostegno, ad incoraggiamento dei nostri bravi calciatori. Faremo in modo che al “Montindon” partecipino il maggior numero di nostri atleti, con tanto di tuta da passeggio, accompagnati dai loro genitori e parenti. Per l’Ambrosiana deve essere un giorno di festa, visto che il Chievo giocherà in trasferta, mentre l’Hellas Verona giocherà in casa, ma di sabato pomeriggio”.

E l’assente più importante, tra i “demoni della Valpolicella” di mister Tommaso Chiecchi è proprio Francesco, il figlio del presidente: “Rientrerà tra non molto, magari farà i gol che mancano per continuare questo bellissimo volo. Intanto, sta facendo bene all’Università di Economia e Commercio”.  C’è molta attesa per vedere all’opera il “cucciolo” della covata rossonera del diesse Mattia Bergamaschi, Lorenzo Lonardi, classe 1999: “Ha giocato, fino ad ora, tutte le partite, ed è stato davvero stratosferico. E’ un prodotto del nostro vivaio, è cresciuto qui da noi, tranne due stagioni trascorse all’Hellas Verona”.

L’Ambrosiana è la squadra con la miglior difesa e il miglior attacco: 24 i gol fatti e solo 6 quelli subiti dal portiere Federico Cecchini, a fronte dei 22 segnati e dei 9 patiti dai padovani del Pozzonovo. L’Ambrosiana ha dato due suoi giocatori alla serie A: sono Giuseppe Bombana, ala sinistra che militò nel Genoa, famoso per quel sinistro alla Mariolino Corso da San Michele Extra, ed Ettore Opri, che ripercorse la sua carriera.
 
Per il Pozzonovo di mister Massimiliano Sabbadin, paese della Bassa padovana a 5 minuti da Monselice, parla l’esterno alto d’attacco Loris Giordani, classe 1993, 3 anni di giovanili a Legnago, a San Bonifacio e a Cologna Veneta, e al suo 4° anno di militanza nei biancazzurri: “Arriviamo carichi, consapevoli che quella di Sant’Ambrogio non sarà una partita facile e che loro sono squadra di grande valore. Però, se siamo lì, sappiamo di poter dire la nostra, non siamo arrivati lassù per caso, sarà davvero una bella gara!”

Chi conosci dei "demoni" rosso e neri della Valpolicella?
“Pangrazio e Vecchione, giocatori di qualità e di esperienza: il reparto offensivo è molto forte, ma, nemmeno in difesa scherzano, eh. Il nostro punto di forza? La coesione e l'intesa, siamo un gruppo che rispetto all’anno scorso abbiamo cambiato poco, siamo molto uniti e ci frequentiamo anche fuori dal calcio”.

Il presidente del Pozzonovo, dove l’anno scorso avevano militato la punta di Boschi Sant’Anna Alex Montagnani e Luca Magliano – entrambi ora in forza al Cerea ed entrambi ex A.C. Oppeano – sono guidati dall’alto da Gian Carlo Zancarli, titolare della Mediclinic, clinica di fisioterapia molto attrezzata. Il suo vice è un grosso imprenditore nel settore dei metalli.

“Il calcio a Verona” commenta Giordani, nella vita di tutti i giorni titolare di un’avviata cartoleria a Merlara di Padova, “è molto più sentito che dalle nostre parti. La squadra da battere è la Clodiense Chioggia, cui noi proprio domenica scorsa abbiamo tenuto testa pareggiando 0 a 0”.

In attacco, la mina vagante dei biancazzurri patavini sarà bomber Enrico Bortolotto, rientrato proprio domenica scorsa contro i lagunari: “E’ un ex professionista (ha militato nell’Abano e prim’ancora nel Tritium), è alto 182 cm, sa trattare la palla molto bene, ottimo esterno d’attacco, molto più offensivo di me”.

Ma, alla pari dell’ambrosiano Lorenzo Lonardi, vedremo all’opera anche il suo coetaneo dell’altra schiera, il 1999 Luca Giordani, sì, il fratello più piccolo di Loris, trequartista con finora 6-7 presenze in Eccellenza: Siamo tutti al completo, sicuramente nessuno di noi si tirerà indietro, ci saremo tutti, visto che non ci mancherà nessun titolare”.
 
Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it












Visualizzato(1524)